WhatsApp: ecco le molteplici novità in arrivo in questo 2019

WhatsApp: ecco le molteplici novità in arrivo in questo 2019

Il 2018 è stato un anno importante per WhatsApp e i suoi utenti che hanno avuto molteplici novità durante il corso dell'anno. L'azienda di Zuckerberg però non sembra volersi fermare e per il 2019 è pronta ad introdurre ulteriori novità.

di pubblicata il , alle 18:01 nel canale Telefonia
WhatsApp
 

La popolare applicazione di messaggistica, WhatsApp, ha chiuso un 2018 al primo posto tra le app più utilizzate negli smartphone e non solo. Un esperienza di utilizzo che ha portato sicuri miglioramenti rispetto al passato sia per le versioni iOS che per quelle Android permettendo agli utenti di ottenere sicuramente il massimo in questo frangente. Quello che si prospetta per il 2019 è un anno pieno di ulteriori novità che secondo le ultime indiscrezioni permetteranno di affiancare WhatsApp ad altri suoi concorrenti ma anche di batterli. Ecco dunque quello che ci si attende nei prossimi mesi dall'applicazione di Mark Zuckerberg.

WhatsApp: ecco le novità in arrivo

Modalità "Notturna"

Partiamo innanzitutto dalla cosiddetta "Modalità Notturna" ossia la possibilità che l'applicazione permetterà di garantire agli utenti che utilizzano smartphone con display AMOLED i quali preferiscono di gran lunga dei temi più scuri per cercare di consumare meno batteria rispetto a situazioni di schermate bianche.

La nuova Dark Mode, che dunque non solo permetterà risparmio energetico ma anche cercherà di non affaticare la vista quando si utilizza l'app al buio, modificherà chiaramente l'intera interfaccia grafica proprio come avviene oggi con Telegram ma anche Twitter o Google Maps. In questo caso le chat saranno colorate di scuro e gli utenti forse potranno anche personalizzarle con la scelta di una colorazione più scura o meno in base alle proprie esigenze.

QR Code per gli utenti

Un'altra novità in arrivo in questo 2019 per WhatsApp riguarda invece la possibilità per gli utenti di scansionare i vari QR Code che l'applicazione metterà a disposizione permettendo dunque di aggiungere un determinato amico senza dover inserire il numero dello stesso. Una funzionalità che è stata introdotta qualche tempo fa da Instagram con il famoso "Nametag" che permette agli utenti di scansionarlo garantendo l'aggiunta dell'amicizia senza dover inserire o cercare manualmente l'utente. Una modalità che garantirà una più veloce integrazione tra gli utenti sconosciuti che potranno aggiungersi tra di loro senza tanto sforzo.

Messaggi vocali con riproduzione automatica

Su iPhone è una funzionalità già disponibile mentre su Android lo sarà nel 2019. Stiamo parlando della possibilità di attivare la riproduzione automatica dei messaggi vocali. In questo caso la nuova funzionalità permetterà agli utenti di ascoltare tutti i messaggi vocali ricevuti all’interno di una chat di WhatsApp senza dover ogni volta cliccare su Play alla fine di ogni messaggio ascoltato. Una novità importante che risulta già attiva da tempo su Telegram e che dunque gli sviluppatori di WhatsApp hanno deciso di integrarla anche nella loro app garantendo comodità di utilizzo.

Pubblicità nei messaggi

Se ne parla da tempo e sembra che il 2019 potrebbe essere l'anno in cui WhatsApp possa decidere di introdurre della pubblicità sul proprio sistema di messaggistica. In tal caso in Rete in molti dichiarano come sia sempre più vicina la possibilità che gli utenti possano ritrovarsi una serie di annunci direttamente all'interno della sezione "Stato" dell'applicazione. Una novità che già è storia per esempio su Instagram proprio all'interno delle Storie del Social Network di Zuckerberg e che presto, con molta probabilità, sarà presente anche su WhatsApp.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

26 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
kamon04 Gennaio 2019, 18:31 #1
Per la pubblicità, tutto sta a vedere come, dove e quanta ne metteranno... Qualche banner nelle schrmate generali si può sopportare, pubblicità durante l'utilizzo o in mezzo alle chat, assolutamente no e grazie al cielo ci sono già le alternative pronte in caso sgarrino, altrimenti far pagare un 10€ all'anno per evitare le pubblicità, mi sembrerebbe un'ottimo compromesso.
Krusty9304 Gennaio 2019, 20:21 #2
Originariamente inviato da: kamon
Per la pubblicità, tutto sta a vedere come, dove e quanta ne metteranno... Qualche banner nelle schrmate generali si può sopportare, pubblicità durante l'utilizzo o in mezzo alle chat, assolutamente no e grazie al cielo ci sono già le alternative pronte in caso sgarrino, altrimenti far pagare un 10€ all'anno per evitare le pubblicità, mi sembrerebbe un'ottimo compromesso.


Come indicato nell'articolo, 99% la metteranno nelle storie.
postillo04 Gennaio 2019, 21:39 #3
Originariamente inviato da: kamon
altrimenti far pagare un 10€ all'anno per evitare le pubblicità, mi sembrerebbe un'ottimo compromesso.
anche no. Con alternative migliori, più sicure e rispettose della privacy manco un euro
schwalbe04 Gennaio 2019, 22:29 #4
Originariamente inviato da: kamon
altrimenti far pagare un 10€ all'anno per evitare le pubblicità, mi sembrerebbe un'ottimo compromesso.

Una volta costava ben 0,87€ all'anno, ancor meno se pagavi per 3 anni... e tutti cercavano versioni crik crok e gabole per non pagare...
Per cui è arrivato il gratis con vendita dei dati e, ora, pubblicità!
kamon04 Gennaio 2019, 22:52 #5
Vabbè posso dire che io li pagherei 10€ per un anno, poi ovviamente le alternative non mancano.
sk0rpi0n05 Gennaio 2019, 00:15 #6
Piuttosto che queste caxxate, pensassero a mettere tutto il database messaggi online e ad alleggerire app e versione desktop come Telegram!
Il sistema di backup di Whatsapp è ridicolo!
Nel 2019 è impensabile che un app di messaggistica conservi nello smartphone centinaia di megabytes quando la strada del cloud è ormai spianata!
fabriziogla05 Gennaio 2019, 08:00 #7
con telegram come alternativa (migliore per giunta) pagare anziché migrare su questa sarebbe una mossa sbagliata secondo me. È vero che è la piattaforma più usata, ed è per questo che stanno cercando di spremerci più soldi, ma è anche vero che se gli utenti si rendessero conto che c'è di meglio... non sarebbe la più usata
Mak7305 Gennaio 2019, 10:01 #8
Telegram e superiore di gran lunga, puoi vare più dispositivi collegati, del tipo se hai un telefono del lavoro ed uno tuo, con telegram puoi usare lo stesso account su entrambe, ovviamente anche con il PC. Molto più sicuro e completamente gratis.
karplus05 Gennaio 2019, 10:25 #9
Originariamente inviato da: sk0rpi0n
Piuttosto che queste caxxate, pensassero a mettere tutto il database messaggi online e ad alleggerire app e versione desktop come Telegram!
Il sistema di backup di Whatsapp è ridicolo!
Nel 2019 è impensabile che un app di messaggistica conservi nello smartphone centinaia di megabytes quando la strada del cloud è ormai spianata!


Io ho il backup automatico di whatsapp abilitato, se vado su onedrive infatti ho svariate cartelle db_xxxxxx con all'interno i backup di tutti i .db di whatsapp. Quindi questa funzionalità del backup in cloud già c'è, più che altro dovrebbero permettere di disattivare quella in locale, perchè così è un doppio backup in pratica.
NewEconomy05 Gennaio 2019, 10:34 #10
Ottima la Dark Mode, finalmente...

A parte il non bruciarmi la retina la sera, eviterà anche di usurarmi completamente i display OLED

Sul mio vecchio Galaxy S4, OLED consumato e pieno di bande (segni di Whatsapp), sul mio attuale One Plus 3 la situazione è uguale.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^