WhatsApp, ecco come saranno le pubblicità. In arrivo a Gennaio 2019

WhatsApp, ecco come saranno le pubblicità. In arrivo a Gennaio 2019

Il settore dell'instant messaging rappresenta una grande "opportunità di business", ed è per questo che le pubblicità su WhatsApp sono più imminenti di quanto si possa pensare

di pubblicata il , alle 20:01 nel canale Telefonia
WhatsApp
 

La pubblicità su WhatsApp non è neanche una grande novità, e sembra ormai un fenomeno ineluttabile. Certo è che da quando è nata l'app di messaggistica di Brian Acton e Jan Koum qualcosa deve essere cambiato profondamente, ma forse quello che è cambiato è semplicemente il mercato: agli albori dell'app i due vantavano il motto "No ads, no games, no gimmicks", ma la messaggistica è adesso un mercato ben più profondo e radicato nell'immaginario collettivo delle masse. Ed è, principalmente, un'ottima occasione per fare business.

A specificarlo è stato anche Luca Colombo, Country Director di Facebook Italia, durante un'intervista per La Repubblica apparsa lo scorso fine settimana. Il dirigente del social network in Italia ha dichiarato che "l'instant messaging è la nuova frontiera per fare business", laddove il colosso di Zuckerberg vanta numeri da primato: su Facebook ci sono 2,2 miliardi di utenti attivi mensilmente, su Instagram oltre 1 miliardo, e così anche WhatsApp viene utilizzato da quasi 1,5 miliardi di persone. Quale migliore occasione per monetizzare partendo da questi numeri?

WhatsApp introdurrà le sue pubblicità a partire dal terzo trimestre del 2019, forse anche dal prossimo mese di gennaio. La compagnia tiene a sottolineare, però, che le pubblicità esposte non saranno invasive e non aggrediranno le conversazioni degli utenti. Proprio come aveva specificato a fine settembre Forbes le pubblicità arriveranno sulle Stories, come del resto già successo su Instagram. Si eviteranno "fenomeni di spamming e di intrusione", secondo Colombo, tuttavia pare che verranno date possibilità alle aziende di contattare gli utenti finali.

Nessuna pubblicità diretta, però, almeno agli inizi della nuova strategia commerciale: si può ipotizzare che le aziende ci invieranno quelle stesse informative che oggi ci arrivano via SMS, e sotto nostra stretta comunicazione, come gli avvenuti pagamenti con le carte di credito. Un servizio, più che una pubblicità, ma ad oggi è difficile intuire il punto di arrivo della funzione. Del resto anche gli addii di Acton e Koum sono stati molto più burrascosi di quello che ha fatto intuire Zuckerberg, e l'aspetto della monetizzazione potrebbe essere stato uno dei motivi più evidenti.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

25 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Opteranium08 Ottobre 2018, 21:01 #1
Originariamente inviato da: Redazione di Hardware Upgrade
[B][SIZE="7"]tuttavia pare che verranno date possibilità alle aziende di contattare gli utenti finali.[/SIZE][/B]

ecco, questa cosa è deleteria. Abbandonare subito la barca.
keroro.9008 Ottobre 2018, 22:18 #2
L'inizio di un grande declino?....
Potrebbe essere la goccia che fa traboccare il vaso, dopo aver "saccheggiato" instagram con pubblicità e feed in stile fb, provare a monetizzare anche whatsapp potrebbe creare ulteriori malumori...
futu|2e09 Ottobre 2018, 08:10 #3
tuttavia pare che verranno date possibilità alle aziende di contattare gli utenti finali.


Alla prima che succede una cosa del genere parte il delete dell'app
Ork09 Ottobre 2018, 08:20 #4


voglio proprio vedere se cancellerete whatsapp
La Paura09 Ottobre 2018, 08:56 #5
Originariamente inviato da: Ork


voglio proprio vedere se cancellerete whatsapp


Infatti, tutti chiacchieroni, "e ma che lo metto a fare Telegram che non c'è nessuno"

La gente si merita questo....
Uncle Scrooge09 Ottobre 2018, 09:28 #6
Ormai Whatsapp è diventato, di fatto, il sostituto dei vecchi SMS.
Quando ci registriamo a siti e servizi fornendo il numero di cellulare e autorizzando l'invio di comunicazioni commerciali, teoricamente già adesso li autorizziamo a contattarci via whatsapp.

Stanno solo creando degli strumenti gestionali per le aziende per poter inviare messaggi via whatsapp in maniera automatizzata ai contatti che hanno fornito il consenso, come già esistono i gestionali per l'invio automatizzato degli SMS.

La cosa buona è che, presumo e spero, su Whatsapp sarà possibile blacklistare il mittente, cosa non sempre possibile o facile con gli SMS.
PHØΞИIX09 Ottobre 2018, 09:50 #7
Originariamente inviato da: Ork


voglio proprio vedere se cancellerete whatsapp


Concordo!
onka09 Ottobre 2018, 09:52 #8
magari così la piantate di mettere stati che non interessano a nessuno...cmq nessuno abbandonerà WA...
jepessen09 Ottobre 2018, 10:06 #9
Specifico subito che l'idea della pubblicita' non piace manco a me, ma tutti i detrattori come pensano di poter far campare un servizio del genere senza nessun introito? Sviluppatori, server e banda mica li regalano.. E' ovvio che ad un certo punto devono trovare un modo di rientrare…

Facebook ha la pubblicita' ma intanto son tutti li. Instagram ha la pubblicita' ma intanto e' utilizzatissimo…

Se la pubblicita' si limita nelle stories come in Instagram, a me tutto sto fastidio sinceramente non lo da..
Evidentemente si sono fatti quattro conti e hanno visto che far pagare un account premium, anche ad un euro, non conveniva perche' troppa poca gente avrebbe pagato e quindi non sarebbero rientrati con I costi…

Facebook ed Instagram, per dirne due, non hanno i banner in vista delle applicazioni da quattro soldi, quindi penso faranno qualcosa di analogo…

Poi certo, fa sempre figo dire "ah io mollo, molto meglio telegram" vantandosi piu' di quelli che si sentono superiori alla massa perche' non hanno l'account Facebook...
sintopatataelettronica09 Ottobre 2018, 10:32 #10
Originariamente inviato da: jepessen
ma tutti i detrattori come pensano di poter far campare un servizio del genere senza nessun introito?


Come facevano alla nascita.. cioè facendo pagare il servizio una cifra contenuta (era proprio irrisoria).

Preferisco pagare un servizio e non avere rotture di nessun tipo.. e soprattutto che i miei dati - tra cui il numero di telefono, voglio precisare, visto ciò di cui stiamo parlando - non vengano dati a cani e porci che mi venga fornito.. ehm .. "gratis" (??) .. uno schifo immondo pieno di sozzerie invasive e in cui coi miei dati è consentito farci di tutto.

E comunque il tuo discorso sui costi dei servizi è anche giusto.. ma nel caso specifico il recupero dei costi del servizio non c'entra proprio una mazza: qui vogliono semplicemente fare soldi a palate, anche "vendendo" gli utenti e i loro dati alle aziende, che è anche peggio della pubblicità.

Questi sono degli squallidi avvoltoi.. han comprato dei servizi pensati bene e che funzionavano e li stanno trasformando in delle vere mostruosità.. sempre nelle solite mostruosità.

Peccato che alla gente vada sempre bene tutto.
Ormai anche quando si combinano le peggiori lercerie c'è sempre qualcuno che trova delle ragioni e le giustifica.. bah...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^