Vodafone, TIM, Fastweb e WindTre in sciopero l'1 febbraio

Vodafone, TIM, Fastweb e WindTre in sciopero l'1 febbraio

Le Telco italiane aderiranno ad uno sciopero che durerà per tutta la giornata lavorativa dell'1 febbraio: fra le parteciupanti Vodafone, TIM, WindTre e Fastweb

di pubblicata il , alle 14:01 nel canale Telefonia
WindTreFastwebTIMVodafone
 

La Assotelecomunicazioni-Asstel fa sapere per mezzo di una nota stampa che le organizzazioni sindacali SLC-CGIL, FISTEL-CISL, UILCOM-UIL hanno dichiarato uno sciopero nazionale nel giorno 1 febbraio 2017 per l'intero turno di lavoro della durata di otto ore per tutto il personale del settore TLC. La causa principale che ha portato all'organizzazione dello sciopero è il mancato rinnovo del contratto nazionale che è ancora oggetto di dibattito fra Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali, le organizzazioni sindacali e la Assotelecomunicazioni-Asstel.

Allo sciopero nazionale aderiranno numerose società e Telco italiane, fra cui: Almaviva, BT Italia, Fastweb, Sky Italia Network, TIM, Tiscali Italia, Vodafone Italia e WindTre. Cosa dobbiamo aspettarci? Salvo imprevisti il funzionamento essenziale delle reti non dovrebbe subire ripercussioni, tuttavia potrebbe ritardare l'erogazione di alcuni servizi. Garantiti invece "i servizi minimi di rete, di supporto al cliente (customer care) e di assistenza tecnica", che dovrebbero essere proposti dalle varie compagnie normalmente, senza alcuna interruzione o restrizione.

Lo sciopero si protrarrà per tutta la giornata lavorativa dell'1 febbraio del 2017 e avrà pertanto una durata di 8 ore dal suo inizio. L'obiettivo è quello di tutelare i lavoratori del settore TLC in Italia, i cui posti di lavoro potrebbero essere messi in discussione per via del mancato rinnovo del contratto nazionale.

Di seguito riportiamo il comunicato per intero inviato dalla Assotelecomunicazioni-Asstel:

INFORMAZIONE AGLI UTENTI – SCIOPERO PERSONALE DEL SETTORE TLC

Assotelecomunicazioni-Asstel, in nome e per conto delle aziende associate sotto riportate (*) comunica agli utenti  che le  Segreterie Nazionali delle Organizzazioni Sindacali SLC-CGIL, FISTEL-CISL, UILCOM-UIL hanno dichiarato lo sciopero del giorno 1 febbraio 2017 per l’intero turno di lavoro (otto ore) per tutto il personale del settore TLC.

Tale iniziativa potrà essere causa di alcuni ritardi nell’erogazione dei servizi di cui le aziende si scusano fin da ora; restano tuttavia garantiti, ai sensi delle vigenti disposizioni di regolamentazione dello sciopero, i servizi minimi di rete, di supporto al cliente (customer care) e di assistenza tecnica.

La presente comunicazione viene effettuata, ad assolvimento degli obblighi di informazione ivi previsti, ai sensi e agli effetti dell’art 2 della legge 12 giugno 1990, n.146 “Norme sull’esercizio del diritto di sciopero nei servizi pubblici essenziali e sulla salvaguardia dei diritti della persona costituzionalmente tutelati” e dell’art. 11 della delibera 07/643 del 15 novembre 2007 con la quale la Commissione di Garanzia dell’attuazione del diritto di sciopero nei servizi pubblici essenziali ha definito la “Regolamentazione provvisoria delle prestazioni indispensabili e delle altre misure nel settore delle Telecomunicazioni”.

(*) Almaviva Contact S.p.A., BT Italia S.p.A. e sue controllate, Fastweb S.p.A., Sky Italia Network Service S.r.l., TIM S.p.A., Tiscali Italia S.p.A., Vodafone Italia S.p.A. e le controllate e consociate in Italia, WindTre S.p.A.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

13 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Spawn758631 Gennaio 2017, 14:32 #1
Beh, mi dispiace per i lavoratori che giustamente aspettano un rinnovo (quello degli editori di cui faccio parte pure mi sa che aspetta un rinnovo dal 2015).
Tuttavia provo un odio così forte nei confronti degli operatori telefonici che si muovono sempre al limite dell'illegalità, con vere e proprie truffe come Tim Prime Go che si attiva da sola ma senza fornirti servizi, la "portability" gratuita, che poi a caso ti fanno penare e alla fine ti chiedono soldi per "problemi tecnici" costringendoti a cambiare numero pur di non pagare, Fastweb che ha fondamentalmente smesso di poggiare la fibra e ti offre una ADSL FINO a 20mb che poi va a 3 (TREEEE) adducendo a inesistenti problemi di linea cisto che so perfettamente che LA LIMITANO LORO (verificato) e poi passi alla fibra telecom due giorni dopo e vai miracolosamente a 100 nonostante i limiti tecnici della tua linea.
Potrei andare avanti all'infinito per cui, nonostante mi dispiaccia per i poveri dipendenti che sinceramente non so esattamente quali problemi hanno per il contratto (ma questa è ignoranza mia), non riesco a sopportare l'idea di un giorno di vacanza per gli operatori telefonici.... Il mio è un odio viscerale che troverà soddisfazione solo quando l'enel porterà la fibra nelle case degli italiani e fregherà loro tutti i clienti.... Sarebbe bellissimo se accadesse....

Un po' come quando hanno scioperato i farmacisti per l'arrivo dei medicinali generici al supermercato... "Lei ci sostiene nel nostro--" "Ma lavora al tuo cavolo di mestiere ereditario e zitto". Uff, mi sono sfogato
Bartsimpson31 Gennaio 2017, 14:38 #2
Condivido il tuo odio, soprattutto per la Tim e il suo Prime Go. Nell'ultimo periodo ho convinto ad andare via dalla tim più di 10 persone, tra amici e famigliari. Anche le altre compagnie non è che siano sante (vedi Vodafone) ma il famigerato tim prime go è una presa in giro inaccettabile
frengo2931 Gennaio 2017, 14:50 #3
Scusate , ma cosa c'entrano le politiche economiche dell'operatore con lo sciopero dei dipendenti ? La stessa truffa del prime go la subiscono i dipendenti ( e non solo ) , qua parlano di tagliare gli stipendi , togliere le ferie , far lavorare di notte senza pagare gli straordinari , farti lavorare quando decidono loro con un orario deciso settimanalmente... I dipendenti Tim più volte si sono scagliati contro le politiche truffaldine della dirigenza....
Se Enel rubasse tutti i clienti a Tim , farebbero quello che fanno con l'energia , deciderebbero loro le tariffe e i servizi....Chiedetevi una cosa : come mai nessun Tg , giornale o altro ha parlato dello sciopero dei dipendenti TIM del 13 dicembre con punte del 90% ....Meditate gente...meditate
paolodekki31 Gennaio 2017, 15:12 #4
Originariamente inviato da: Spawn7586
Beh, mi dispiace per i lavoratori che giustamente aspettano un rinnovo (quello degli editori di cui faccio parte pure mi sa che aspetta un rinnovo dal 2015).
Tuttavia provo un odio così forte nei confronti degli operatori telefonici che si muovono sempre al limite dell'illegalità, con vere e proprie truffe come Tim Prime Go che si attiva da sola ma senza fornirti servizi, la "portability" gratuita, che poi a caso ti fanno penare e alla fine ti chiedono soldi per "problemi tecnici" costringendoti a cambiare numero pur di non pagare, Fastweb che ha fondamentalmente smesso di poggiare la fibra e ti offre una ADSL FINO a 20mb che poi va a 3 (TREEEE) adducendo a inesistenti problemi di linea cisto che so perfettamente che LA LIMITANO LORO (verificato) e poi passi alla fibra telecom due giorni dopo e vai miracolosamente a 100 nonostante i limiti tecnici della tua linea.
Potrei andare avanti all'infinito per cui, nonostante mi dispiaccia per i poveri dipendenti che sinceramente non so esattamente quali problemi hanno per il contratto (ma questa è ignoranza mia), non riesco a sopportare l'idea di un giorno di vacanza per gli operatori telefonici.... Il mio è un odio viscerale che troverà soddisfazione solo quando l'enel porterà la fibra nelle case degli italiani e fregherà loro tutti i clienti.... Sarebbe bellissimo se accadesse....

Un po' come quando hanno scioperato i farmacisti per l'arrivo dei medicinali generici al supermercato... "Lei ci sostiene nel nostro--" "Ma lavora al tuo cavolo di mestiere ereditario e zitto". Uff, mi sono sfogato



I comportamenti ai quali ti riferisci sono dovuti al lato aziendale, non certo dai dipendenti che a stento si guadagnano la giornata. Esattamente il contrario.

Settore editoriale? Sei un giornalista?
Portocala31 Gennaio 2017, 15:43 #5
Se ciò significa meno bombardamento di promo dai vari callcenter, spero scioperino ogni giorno
maxnaldo31 Gennaio 2017, 16:00 #6
"Tale iniziativa potrà essere causa di alcuni ritardi nell’erogazione dei servizi di cui le aziende si scusano fin da ora; restano tuttavia garantiti, ai sensi delle vigenti disposizioni di regolamentazione dello sciopero, i servizi minimi di rete, di supporto al cliente (customer care) e di assistenza tecnica."

qualcuno sa dirmi cosa intendano con "i servizi minimi" ?
Cappej31 Gennaio 2017, 16:21 #7
Originariamente inviato da: maxnaldo
"Tale iniziativa potrà essere causa di alcuni ritardi nell’erogazione dei servizi di cui le aziende si scusano fin da ora; restano tuttavia garantiti, ai sensi delle vigenti disposizioni di regolamentazione dello sciopero,[B] [B][U]i servizi minimi di rete[/U][/B][/B], di supporto al cliente (customer care) e di assistenza tecnica."

qualcuno sa dirmi cosa intendano con "i servizi minimi" ?


bho... aspettiamoci il peggio
sbaffo31 Gennaio 2017, 18:04 #8
aspettiamoci il peggio davvero, già di norma fanno pena. Ieri mia madre mi ha mandato un sms al mattino e mi è arrivato la sera, lui era già in sciopero?
kaio100031 Gennaio 2017, 18:14 #9
Originariamente inviato da: frengo29
Scusate , ma cosa c'entrano le politiche economiche dell'operatore con lo sciopero dei dipendenti ? La stessa truffa del prime go la subiscono i dipendenti ( e non solo ) , qua parlano di tagliare gli stipendi , togliere le ferie , far lavorare di notte senza pagare gli straordinari , farti lavorare quando decidono loro con un orario deciso settimanalmente... I dipendenti Tim più volte si sono scagliati contro le politiche truffaldine della dirigenza....
Se Enel rubasse tutti i clienti a Tim , farebbero quello che fanno con l'energia , deciderebbero loro le tariffe e i servizi....Chiedetevi una cosa : come mai nessun Tg , giornale o altro ha parlato dello sciopero dei dipendenti TIM del 13 dicembre con punte del 90% ....Meditate gente...meditate

In realtà hanno già levato gli straordinari, i contratti (per i pochi fortunati) sono part time a 4 ore (o 6 in rarissimi casi) e le ore in più non si chiamano straordinari come fino a 5 anni fa ma... "ore supplementari" che è un modo elegante per dire che quelle ore in più non godono della maggiorazione dovuta allo straordinario, ma viene pagata come una qualsiasi ora lavorativa da contratto (nonstante sia fuori dal contratto e quindi non entra nel computo della tredicesima ad esempio). Ora le aziende stanno spingendo pure per l'abolizione degli scatti di anzianità e di azzeramento di quelli acquisiti, vorrebbero poi (ma queste per ora sono voci non confermate) introdurre addirittura una particolare tipologia di contratto che (per quelli del settore inbound ossia chi fornisce Assistenza ai clienti, ricevendo chiamate o chat) funzioni esattamente come i vecchi contratti a progetto utilizzati nel settore outbound (no ferie, no malattie, etc...) e se ne potrebbe parlare ancora ed ancora sulle condizioni lavorative cui vengono sottoposti i lavoratori (assistenza telematica contemporanea a più clienti indipendentemente dal carico di lavoro, turni sparsi al limite dei "testa/coda" non consentito per legge, stress indotto e traumi all'appatato muscolo/scheletrico (sopratutto per le mani) che non prevede alcuna indennità (stessa cosa per l'udito e la vista)... Insomma per come sono le condizioni attuali, quelle che verrebbero fuori se non si pone un limite alle aziende, resentano il volontariato (aka lavoro gratuito, per non dire peggio)
[?]01 Febbraio 2017, 08:20 #10
Originariamente inviato da: kaio1000
In realtà hanno già levato gli straordinari, i contratti (per i pochi fortunati) sono part time a 4 ore (o 6 in rarissimi casi) e le ore in più non si chiamano straordinari come fino a 5 anni fa ma... "ore supplementari" che è un modo elegante per dire che quelle ore in più non godono della maggiorazione dovuta allo straordinario, ma viene pagata come una qualsiasi ora lavorativa da contratto (nonstante sia fuori dal contratto e quindi non entra nel computo della tredicesima ad esempio). Ora le aziende stanno spingendo pure per l'abolizione degli scatti di anzianità e di azzeramento di quelli acquisiti, vorrebbero poi (ma queste per ora sono voci non confermate) introdurre addirittura una particolare tipologia di contratto che (per quelli del settore inbound ossia chi fornisce Assistenza ai clienti, ricevendo chiamate o chat) funzioni esattamente come i vecchi contratti a progetto utilizzati nel settore outbound (no ferie, no malattie, etc...) e se ne potrebbe parlare ancora ed ancora sulle condizioni lavorative cui vengono sottoposti i lavoratori (assistenza telematica contemporanea a più clienti indipendentemente dal carico di lavoro, turni sparsi al limite dei "testa/coda" non consentito per legge, stress indotto e traumi all'appatato muscolo/scheletrico (sopratutto per le mani) che non prevede alcuna indennità (stessa cosa per l'udito e la vista)... Insomma per come sono le condizioni attuali, quelle che verrebbero fuori se non si pone un limite alle aziende, resentano il volontariato (aka lavoro gratuito, per non dire peggio)


Guarda che hai appena descritto la situazione italiana di una qualsiasi azienda che ha all'interno un Service o Call Center...

e se ne potrebbe parlare ancora ed ancora sulle condizioni lavorative cui vengono sottoposti i lavoratori (assistenza telematica contemporanea a più clienti indipendentemente dal carico di lavoro, turni sparsi al limite dei "testa/coda"


Questa è la parte migliore.... e quindi?
Se devi dare assistenza e non sai andare in multitasking è meglio che ti metti a fare il pane... e in un Service ci lavoro da 11 anni.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^