Un generatore termoelettrico per ricaricare gli indossabili con il proprio corpo

Un generatore termoelettrico per ricaricare gli indossabili con il proprio corpo

Il KAIST ha creato una nuova tecnica per dispositivi indossabili in grado di trasformare il calore del corpo umano in energia elettrica tramite un generatore termoelettrico spesso circa 500 μm

di pubblicata il , alle 08:34 nel canale Telefonia
 

Secondo molti analisti ed esperti del settore, gli indossabili rappresentano una parte considerevole del futuro dell'evoluzione informatica. Samsung e Sony, fra i nomi più celebri, credono nel "nuovo" settore, ma i prodotti finora annunciati non hanno riscosso il successo commerciale sperato.

Una delle paure degli acquirenti è data dalla risicata autonomia operativa dei dispositivi al momento disponibili. L'idea di ricaricare ogni sera l'orologio o il braccialetto, insieme allo smartphone, non sembra sia particolarmente gradita a parte dell'utenza che guarda con riluttanza l'intero settore.

Una prima risposta potrebbe tuttavia arrivare dalla Corea del Sud. Il KAIST (Korean Advanced Institute of Science and Technology) ha sviluppato un generatore termoelettrico dalle dimensioni tali (circa 500 μm) da essere integrato in un indossabile. Stampato su un tessuto vitreo trasparente per accomodare materiali termoelettrici inorganici al suo interno, il generatore presenta non solo dimensioni irrisorie, ma è anche leggero, flessibile ed estremamente efficiente rispetto a generatori dalle fattezze simili.

Generatore termoelettrico per indossabili

"Nel nostro caso, il tessuto in vetro ha le funzioni dei substrati superiore ed inferiore di un generatore termoelettrico, mantenendo al centro i materiali termoelettrici inorganici", ha dichiarato Byung Jin Cho, professore di Ingegneria Elettrica per il KAIST. "Si tratta di un approccio rivoluzionario per un generatore. Così facendo, siamo riusciti a ridurre notevolmente il peso del nostro generatore, elemento essenziale per l'elettronica indossabile".

I generatori termoelettrici presentano tradizionalmente dimensioni e strutture non adattabili ad un dispositivo indossabile, limiti che sembrano essere superati grazie alla nuova scoperta del KAIST. L'introduzione di un generatore termoelettrico in un dispositivo indossabile permetterà la produzione di corrente elettrica attraverso il semplice contatto fisico, grazie al calore sprigionato dall'organismo umano.

Il KAIST ha una visione ancora più ampia per la propria scoperta. Il piccolo generatore termoelettrico potrebbe infatti essere utilizzato anche in automobili, fabbriche, velivoli, ed in qualsiasi circostanza in cui si può fare uso di energia termica che altrimenti andrebbe irrimediabilmente persa.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

19 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
zagor97716 Aprile 2014, 08:50 #1
verremo usati come pile umane, come in matrix
qboy16 Aprile 2014, 09:12 #2
stessa cosa che ho penato io , MATRIX
Mparlav16 Aprile 2014, 09:18 #3
Una buona scusa per una vodka al peperoncino: "Sai com'è, mi si è scaricato lo smartwatch".
andbad16 Aprile 2014, 10:57 #4
Qualche dato tecnico, visto che così la news è solo gossip
When using KAIST's TE generator (with a size of 10 cm x 10 cm) for a wearable wristband device, it will produce around 40 mW electric power based on the temperature difference of 31 °F between human skin and the surrounding air.


10x10cm non sono certo il braccialetto mostrato in foto, e 40mW sono niente rispetto ai 5-6Wh consumati da un normale cellulare. Ma si presume che gli indossabili consumino molto meno, escludendo moduli 3G, schermi di ampie dimensioni e CPU quad-o-più-core.
L'unica cosa di cui non sono sicuro è la differenza di temperatura in °F. Perché se la produzione fosse di 40mW con solo mezzo grado di temperatura tra le due facce, è probabile che la produzione reale sia ben maggiore (la temperatura esterna della pelle sarà su 35°, più o meno, la media dell'ambiente è quasi sempre molto più bassa).

By(t)e
GabrySP16 Aprile 2014, 11:05 #5
nella foto il tester segna 3 miseri mV
io prendendo in mano i puntali del tester faccio segnare 200 mV

FAIL
Rubberick16 Aprile 2014, 11:12 #6
in questo senso anche nell'ipotesi di avere un autoricarica.. i device la spunteranno quando consumeranno poco e nulla

se tipo lo tocchi 5 min e va avanti per giorni e giorni allora è una win
JackZR16 Aprile 2014, 12:31 #7
Prevedo pantaloni con un mucchio di tasche!
SpyroTSK16 Aprile 2014, 13:25 #8
Se la gente prende fuoco/si ustiona con il carica batterie delle prese 220v/110v, figuriamoci con un caricabatterie INDOSSABILE!
zagor97716 Aprile 2014, 14:12 #9
Originariamente inviato da: SpyroTSK
Se la gente prende fuoco/si ustiona con il carica batterie delle prese 220v/110v, figuriamoci con un caricabatterie INDOSSABILE!


Link ad immagine (click per visualizzarla) .
andbad16 Aprile 2014, 15:17 #10
Originariamente inviato da: GabrySP
nella foto il tester segna 3 miseri mV
io prendendo in mano i puntali del tester faccio segnare 200 mV

FAIL


Ottimo, ma...quanti ampere?

By(t)e

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^