TIM raddoppia costo delle chiamate: pesante diffida dall'Agcom

TIM raddoppia costo delle chiamate: pesante diffida dall'Agcom

L'Autorità ha fatto sapere che ha approvato un provvedimento di diffida nei confronti di Telecom Italia per il raddoppio nei costi di chiamata da linea tradizionale. Secondo TIM non c'è però nessun illecito

di pubblicata il , alle 11:41 nel canale Telefonia
TIM
 

Il Consiglio dell'Agcom presieduto da Angelo Marcello Cardani ha approvato un provvedimento di diffida nei confronti di TIM per le ultime rimodulazioni dei profili base di telefonia mobile che comportano un "aumento del 300% del prezzo delle chiamate nazionali da linea tradizionale". Nella diffida si fa riferimento al cambiamento annunciato lo scorso 22 febbraio, con cui di fatto si raddoppiava il costo delle chiamate nell'offerta VOCE e nella linea ISDN da 10 a 20 cent al minuto.

Con la delibera 112/16/CONS l'Agcom intende bloccare la modifica delle tariffe telefoniche di TIM a difesa del servizio universale. L'aumento del prezzo non appare giustificato dalle condizioni economiche generali del paese, secondo l'Autorità, come l'andamento dei prezzi al consumo o il potere d'acquisto degli italiani. L'aumento va inoltre a sommarsi all'aumento del canone mensile degli ultimi tre anni, con un potenziale "rischio di esclusione sociale" visto che l'offerta è estesa a tutti gli utenti.

L'aumento è previsto anche per i Clienti a basso reddito, i quali potrebbero essere tagliati fuori da un servizio considerato di fondamentale importanza. Le novità provenienti da Agcom non sono importanti solamente perché rappresentano un divieto forte da osservare da parte dell'operatore telefonico italiano, ma anche perché potrebbero rappresentare la base per nuove azioni a tutela degli utenti meno abbienti e non coperti da una qualità del servizio soddisfacente. 

"L'Autorità ha avviato un procedimento volto a determinare il metodo più efficace e adeguato per garantire, anche in prospettiva, la fornitura dell'accesso alla rete di sicurezza sociale e dei servizi minimi del servizio universale, che dovranno assicurare ai cittadini-utenti disponibilità, convenienza e accessibilità, quali condizioni necessarie per l'inclusione sociale", si legge nella nota. TIM ha fatto sapere nella stessa serata del 1° aprile di non essere intenzionata a ritirare la rimodulazione.

Secondo la Repubblica l'azienda "fornirà all'Autorità tutte le informazioni necessarie a dimostrare la correttezza del proprio comportamento e la legittimità della rimodulazione tariffaria".

Nella nota rilasciata dall'Agcom si legge una seconda parte molto interessante, relativa al riesame della qualità del servizio di accesso a internet all'interno del servizio universale. La connessione a banda larga potrebbe pertanto diventare una caratteristica obbligatoria da offrire nel servizio universale, laddove ad oggi negli obblighi rientrano le tecnologie internet a partire da una velocità di 56kb, "un livello evidentemente non più in linea con i fabbisogni minimi della popolazione servita".

L'Autorità dovrà considerare alcune clausole nel prossimo riesame: verificare il contributo della banda larga per colmare il digital divide sul territorio nazionale, tener conto del rischio di esclusione sociale e valutare l'eventuale distorsione nella concorrenza e i possibili oneri non giustificati a carico del settore (TIM è l'unico operatore incaricato di fornire il servizio universale in Italia). Nell'analisi verrà anche determinata la soglia di banda minima di accesso ad internet, la velocità da garantire universalmente su tutto il territorio nazionale a prezzi accessibili.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

17 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Apix_102404 Aprile 2016, 12:02 #1
"Nell'analisi verrà anche determinata la soglia di banda minima di accesso ad internet, la velocità da garantire universalmente su tutto il territorio nazionale a prezzi accessibili."

finirà a tarallucci e vino?
Tedturb004 Aprile 2016, 12:06 #2
non bastava aver equiparato i costi delle chiamate fisse a quelle mobili (cioe averle alzate da 1 cent al minuto a 10!!!).
Adesso vogliono pure raddoppiarle.

L'unica consolazione e' che con la fibra di Enel fortunatamente TIM riuscira' a sparire una volta per tutte. E spero tronchetti con lei.
Per quanto mi riguarda ho gia bypassato telecom per le chiamate in uscita, che finiscono con telecom solo per i numeri verdi, 187 e poco altro.
BigViper04 Aprile 2016, 12:41 #3
Ma cosa c'entra l'Enel con la sparizione di TIM?
matrix8304 Aprile 2016, 12:43 #4
Nulla, non sa di cosa parla.
BigViper04 Aprile 2016, 12:48 #5
Esatto, anche perchè Enel non si proporrà come nuovo provider ma come servizio di noleggio fibra (ultimo miglio).
roccia123404 Aprile 2016, 12:52 #6
Originariamente inviato da: Apix_1024
"Nell'analisi verrà anche determinata la soglia di banda minima di accesso ad internet, la velocità da garantire universalmente su tutto il territorio nazionale a prezzi accessibili."

finirà a tarallucci e vino?


No, finirà a banda minima garantita di, sparo, 64/256 kbps o roba simile.
Apix_102404 Aprile 2016, 12:56 #7
Originariamente inviato da: roccia1234
No, finirà a banda minima garantita di, sparo, 64/256 kbps o roba simile.


che è come dire tarallucci e vino visto che nel 2016 se ti ritrovi quella banda fai fatica a mandare whatsapp
ziozetti04 Aprile 2016, 13:11 #8
Originariamente inviato da: roccia1234
No, finirà a banda minima garantita di, sparo, 64/256 kbps o roba simile.

La banda minima teorica garantita è ben più alta (se è vero quanto riportato QUI).
Poi ci sono posti dove, riporto testualmente il messaggio del servizio clienti TIM: "[B]l’utenza [CUT] è attestata su un apparato Digital Divide con velocità attestata a 640 Kbps in download[/B]".
Nota bene, il messaggio è di febbraio 2016.
Tedturb004 Aprile 2016, 13:32 #9
Originariamente inviato da: BigViper
Esatto, anche perchè Enel non si proporrà come nuovo provider ma come servizio di noleggio fibra (ultimo miglio).


Vedo che anche fare 1+1 qua dentro e' difficile, specie da parte di utenti con 50 o 100 messaggi..
DakmorNoland04 Aprile 2016, 13:51 #10
Originariamente inviato da: Tedturb0
Vedo che anche fare 1+1 qua dentro e' difficile, specie da parte di utenti con 50 o 100 messaggi..


Infatti... lascia perdere. Io ci ho rinunciato da un pezzo. Tanto chi può, capisce benissimo cosa intendevi. Ed in effetti concordo in pieno, sempre che Enel rispetti effettivamente quanto detto.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^