TIM Prime Go illegale: scatta la denuncia ad Antitrust e Agcom

TIM Prime Go illegale: scatta la denuncia ad Antitrust e Agcom

La mossa "senza freni" di TIM è oggetto di una nuova segnalazione ad Antitrust e Agcom da parte di Aduc, una delle associazioni a tutela dei consumatori più attive degli ultimi periodi

di pubblicata il , alle 10:25 nel canale Telefonia
TIM
 

La settimana scorsa TIM proponeva Prime go, una rivisitazione di una rimodulazione che meno di due mesi fa veniva bocciata da Agcom. Abbiamo definito l'ultima mossa senza freni, proprio perché sfacciatamente l'operatore telefonico riproponeva un'offerta per la quale poco prima aveva ricevuto una pesante diffida. Quando abbiamo parlato la prima volta di TIM Prime go avevamo scritto che ci aspettavamo una risposta dall'Antitrust, risposta che potrebbe arrivare a breve.

Una delle associazioni italiane per i diritti dei consumatori, Aduc, ha chiesto ad Agcom e Antitrust di ordinare a TIM la sospensione dell'attivazione di TIM Prime go per via di una molteplice violazione normativa. Fra le accuse troviamo, secondo Aduc: violazione del divieto di opt-out, pratica commerciale scorretta e aggressiva (attivazione di un servizio non richiesto), pubblicità ingannevole, reintroduzione di costi fissi anche su SIM a consumo, aboliti dal decreto Bersani.

TIM Prime go sarà attiva a partire dal 15 giugno 2016 sui piani tariffari di alcuni clienti, che riceveranno quindi una modifica contrattuale. La società specifica che si tratta di un nuovo piano tariffario base che avrà un costo forfettario di 0,49 euro a settimana. Una modifica contrattuale, se posta in questo modo, consentita dalla vigente normativa secondo l'Aduc. A differenza dei proclami dell'operatore, tuttavia, TIM Prime go non è un piano tariffario base, ma un costo fisso.

Secondo TIM infatti "il piano tariffario base è la tariffa di riferimento della TIM Card ricaricabile, e si applica se non ci sono altre offerte eventualmente attive sulla linea (es. TIM Special, Young, ecc.) o quando si esaurisce la quantità di minuti, SMS o giga prevista dalle tue offerte". È chiaro che, stando a questa descrizione, TIM Prime go non dovrebbe figurare come piano tariffario, ma si configura più come un esborso aggiuntivo richiesto al cliente in maniera coercitiva.

La tariffa di 0,49€ a settimana infatti è "richiesta a prescindere", scrive l'Aduc, anche se non sono utilizzati i vantaggi pubblicizzati da TIM. L'associazione fa notare inoltre che l'attivazione è inoltre automatica e senza consenso preventivo, ma per usufruire dei vantaggi occorre il consenso e la richiesta del cliente. Se non si vuole TIM Prime go l'utente ha tre alternative: recedere dal contratto, passare ad altro operatore, scegliere un piano base TIM diverso dal precedente.

Quindi, chi aveva una SIM a consumo si ritrova a scegliere fra avere il costo fisso o avere un aumento del prezzo per minuto di chiamata quando sfora il tetto di minuti previsti dalla propria offerta. Secondo l'Aduc chi pagava meno di 0,29€ al minuto subirà un aumento, altrimenti il costo resterà invariato. Per tutte queste motivazioni l'Aduc richiede l'intervento di Agcom e Antitrust al fine di far prevalere gli interessi dei consumatori come successo di recente con la prima TIM Prime.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

42 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Vindicator2324 Maggio 2016, 10:28 #1
Viva gaudio ,aspettavo solo questa altri 2 milioni di multa spero
litocat24 Maggio 2016, 10:38 #2
Prevedo che Telecom verrà sanzionata con una multa ridicola, eliminerà l'opzione e la riproporrà dopo modifiche insignificanti cambiando il nome in TIM Prime Play.
gd350turbo24 Maggio 2016, 10:43 #3
Anzichè multarla, dovrebbero farli restituire 10 euro a cliente...
Dopo non lo fanno più !
cata8124 Maggio 2016, 11:14 #4
Multe proporzionali al fatturato, che aumentano in base alla recidiva, ci provano una due tre volte alla quarta chiudono...
roccia123424 Maggio 2016, 11:22 #5
Alla prossima non proporranno più opzioni aggiuntive, ma semplicemente rimoduleranno al rialzo i piani tariffari, come hanno sempre fatto e fine della storia.

Magari passando tutti a sms illimitati (tanto chi se li fila più? per loro è a costo zero) con un bel +2€ al mese a tutti quanti.
Ovviamente offerta prendere o prendere.
cerbert24 Maggio 2016, 11:24 #6
Su, su, ripetete con me: "privato è bello, privato è efficiente, la concorrenza autoregolandosi garantisce il cliente".
gd350turbo24 Maggio 2016, 11:38 #7
La storia insegna che non è mai stato così !
leddlazarus24 Maggio 2016, 11:50 #8
non e' che vogliono arrotondare i guadagni?
maxsy24 Maggio 2016, 11:58 #9
certo che all'AGCOM dormono eh!
Muppolo124 Maggio 2016, 12:02 #10
Ma in USA possono fare 'ste cose? O non si azzardano nemmeno, pena una class action milionaria?
Ma sono nel ns. paese delle banane la TIM può dirti: "guarda, ti avverto che presto ti ruberò dei soldi" e poi magari farlo senza aver nessuna conseguenza penale in capo agli amministratori della società? Solo una multina ina ina?

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^