Telefonia: quanto vengono rispettati i diritti dei lavoratori?

Telefonia: quanto vengono rispettati i diritti dei lavoratori?

Una ricerca di Altroconsumo e altre associazioni di consumatori rivela l'altra faccia della medaglia nella produzione di telefonini: soprattutto in Asia i lavoratori vedono calpestati i loro diritti

di Roberto Colombo pubblicata il , alle 08:25 nel canale Telefonia
 

Altroconsumo ha condotto una ricerca in collaborazione con le associazioni di consumatori di altri paesi europei per sondare il comportamento dei big della telefonia sul fronte dei diritti dei lavoratori, della protezione dell'ambiente e della trasparenza della comunicazione.

Sono stati presi in esami i 5 più grossi produttori di cellulari ossia Nokia, Samsung, Motorola, LG e Sony Ericsson. Nonostante le aziende abbiano dei codici di comportamento che sulla carta prevedono il rispetto dei diritti dei lavoratori sanciti dall'Oil (Organizzazione internazionale del lavoro), negli stabilimenti asiatici si registrano grosse violazioni.

La ricerca è stata portata avanti anche con interviste a dipendenti (un campione di 203 persone) e ha messo in evidenza che in Cina ci sono casi di lavoro minorile, scarsa attenzione alla sicurezza degli operai, orari eccessivi e salari che raggiungono a malapena il minimo legale. In Thailandia, si registrano abusi verbali, discriminazioni sessuali nei confronti delle donne e assenza di indumenti protettivi. In India e nelle Filippine la situazione è migliore, anche se i salari sono sempre inferiori rispetto ai livelli minimi di sussistenza.

Con i dati della ricerca è stato stilato un documento che riassume le violazioni più gravi in ogni Paese, la scheda è disponibile a questo indirizzo. Migliore il quadro sul fronte ambientale dove le recenti normative europee RoHS (Restriction of Hazardous Substances) e RAEE (Rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche) hanno dato impulso positivo in questa direzione.

Gli autori della ricerca sottolineano come sul fronte della trasparenza sia sempre difficile ottenere informazioni su questi temi, ma riportano che sui temi sociali la risposta più completa si è avuta da Nokia e in campo ambientale spiccano le informazioni date da LG e Samsung. Dal punto di vista etico è difficile stilare una classifica anche se i risultati migliori sono quelli di Nokia, nel senso che la multinazionale finlandese è quella che fa più sforzi a livello di politiche aziendali per la protezione dell'ambiente e dei diritti dei lavoratori. Il problema rimane però negli stabilimenti asiatici, soprattutto quando ad essere analizzati sono quelli dei fornitori e dei subfornitori.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

19 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
cecconellosamuel27 Aprile 2007, 08:55 #1

Cosa ci si Aspettava!!!!!!!!!!

Io mi domando e dico, ci volevano tutto questo dispendio di tempo e soldi per scoprire le reali condizioni dei lavoratori?? Se in Italia una semplice maglietta la pago 70,00€ e dai cinesi neanche 5,00€ ci sarà un motivoooo!!!! questi hanno scoperto l'acqua calda, se ci fossero i sindacati e non ci fossero delle scale gerarchice che tappano le ali ai lavoratori,penso che le cose cambierebbero radicalmente e anche le magliette cinesi costerebbero 100,00€ :-)
JohnPetrucci27 Aprile 2007, 09:09 #2
Una situazione che conoscevo, in un mondo globale che va sempre più verso lo sfruttamento dei più poveri e l'incremento di ricchezza dei più ricchi, ciò non mi meraviglia.
Come si dice, tirando via via la fune prima o poi si spezza, e se un giorno gli sfruttati inizieranno a chiedere i propri diritti con la forza, sia in Asia che in Sud America e nel resto del mondo, io starò dalla loro parte.
Portocala27 Aprile 2007, 09:33 #3
Se in Italia una semplice maglietta la pago 70,00€

anche quella è fatta in Cina
paghi solo il marchio, aumentando cosi il profitto di chi la vende.



La Nokia se non sbaglio i telefoni se li fa in Finlandia (i pezzi che non compra da altri) ed è ovvio che ha una situazione migliore viste le leggi in quel paese.


Anche imho, soldi sprecati per raccontare la scoperta dell'acqua calda
DevilsAdvocate27 Aprile 2007, 09:36 #4
Originariamente inviato da: cecconellosamuel
Io mi domando e dico, ci volevano tutto questo dispendio di tempo e soldi per scoprire le reali condizioni dei lavoratori?? Se in Italia una semplice maglietta la pago 70,00€ e dai cinesi neanche 5,00€ ci sarà un motivoooo!!!! questi hanno scoperto l'acqua calda, se ci fossero i sindacati e non ci fossero delle scale gerarchice che tappano le ali ai lavoratori,penso che le cose cambierebbero radicalmente e anche le magliette cinesi costerebbero 100,00€ :-)

Concordo solo parzialmente. Sicuramente se non li sfruttassero (ma occhio
che per i cinesi venire sfruttati è attualmente un passo avanti rispetto alla
miseria in cui stavano 15 anni fa!*) i prodotti cinesi passerebbero dai 5 euro
attuali a 15-20 euro di prezzo. I 70 euro di prezzo del prodotto italiano sono
invece cosi' composti: 15-20 per la manodopera "vera e propria", altri 5-10 per
i materiali di qualità migliore, i restanti 40-50 euro invece, visto che siamo
nella solita "italietta", finiscono in tasca ad azienda,magazzino, ed una
catena piuttosto lunga di fornitori subfornitori e venditori.....

*Non a caso uno dei lavori piu' noti delle province cinesi piu' povere era smaltire
i materiali tossici dai nostri computers usati....
Alucard8327 Aprile 2007, 09:36 #5
Questa storia mica vale solo per i produttori di telefonini.

Chi si ricorda l'indagine sui lavoratori che assemblano gli iPod?
Puddus27 Aprile 2007, 09:39 #6
In realtà ci vuole solo equilibrio nelle cose, allora la convivenza tra le masse sarà possibile.


OT
Scusa se mi permetto un commento JohnPetrucci, ma se vuoi schierarti dalla loro parte comincia a non comprare i prodotti realizzati nei paesi poveri se veramente vuoi fare qualcosa.
Il resto sono solo chiacchiere da no-global con le nike e il cellulare UMTS.
Labico27 Aprile 2007, 09:54 #7
Purtroppo è una situazione che tutti conosciamo e nessuno muove un dito. In Italia non siamo da meno visto che da una parte, spostiamo le nostre imprese in quei paesi (chissà prchè e dall'altra, favoriamo l'immigrazione di questi poveracci per poi sfruttarli allo stesso modo come fanno nel loro paese (vedi le 5 aziende di sedie su tg5 di qualche giorno fa).

Catan27 Aprile 2007, 09:54 #8
a parte che la buffonata sta qui

(un campione di 203 persone)

ma non so 203 persone tra india,cina,filippine e thailandia?

a parte questo poi l'articolo conclude con "Il problema rimane però negli stabilimenti asiatici, soprattutto quando ad essere analizzati sono quelli dei fornitori e dei subfornitori. "

se sono i fornitori nokia e compagnia non è che ci possono fare nulla quelli non sono loro dipendenti diretti.
e nemmeno possono pretendere chi sa quale trattamento degli operai di quelle ditte anche xè se no le forniture per i componenti chi le fà?

cmq almeno le direttive ambientali sono state recepite almeno da tutti.
W4rfoX27 Aprile 2007, 09:55 #9
A trovarne di roba non prodotta in cina.. Ho provato per un periodo di tempo a controllare la provenienza dei prodotti che volevo acquistare, valutando eventualmente altre ternative... Beh.. direi che è impossibile, nemmeno la vecchia e cara Taiwan produce qualcosa arriva tutto dalla PRC.
Minipaolo27 Aprile 2007, 10:50 #10
Originariamente inviato da: Puddus
OT
Scusa se mi permetto un commento JohnPetrucci, ma se vuoi schierarti dalla loro parte comincia a non comprare i prodotti realizzati nei paesi poveri se veramente vuoi fare qualcosa.
Il resto sono solo chiacchiere da no-global con le nike e il cellulare UMTS.


quoto

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^