Solo 12 minuti per la ricarica completa della batteria: il sogno di Samsung

Solo 12 minuti per la ricarica completa della batteria: il sogno di Samsung

Samsung sta cercando di realizzare una batteria capace di portare la sua carica da 0 al 100% in pochi minuti

di Nino Grasso pubblicata il , alle 19:21 nel canale Telefonia
Samsung
 

Non tutti i mali vengono per nuocere, e il caso di Galaxy Note 7 echeggia ancora nelle stanze dei vertici Samsung. La compagnia si è trovata a dover sospendere le vendite dello smartphone di punta dell'anno scorso per un problema nelle batterie integrate, ma da allora lavora su tecnologie per migliorare l'affidabilità del delicato componente. Inoltre, ha bisogno di mostrarsi ancora una volta leader in questo particolare ambito per riacquisire la fiducia di pubblico e investitori.

Sarà probabilmente per questo che il SAIT, Samsung Advanced Institute of Technology, è al lavoro su una nuova tipologia di batteria che può essere caricata cinque volte più velocemente rispetto alle tecnologie di ricarica rapida odierne. Il merito è dovuto all'uso di "sfere di grafene", materiale che negli ultimi anni ha rappresentato la base di numerosi studi rivoluzionari in ambito tecnologico e, nello specifico, degli studi su nuovi tipi di batterie.

Il grafene del resto è parecchio più stabile rispetto ai materiali chimici utilizzati nelle batterie odierne, e anche un conduttore migliore per la carica elettrica. Secondo il SAIT è di 140 volte più veloce del silicio, al punto che le sue nuove batterie sono in grado di raggiungere la piena carica in 12 minuti, partendo da 0. Si tratta di un risultato rivoluzionario se fosse portato nel mercato di massa, soprattutto se consideriamo i benefici delle ultime tecnologie di carica rapida.

Su una batteria da circa 3000 mAh, le migliori tecnologie odierne presenti sul mercato consumer consentono la carica completa in poco più di un'ora. Non ci dovrebbero essere problemi neanche per quanto riguarda la sicurezza nel processo di carica, che come è noto produce calore e può diventare pericoloso se non gestito al meglio (e Samsung ne sa qualcosa). Secondo la compagnia le nuove batterie possono essere stabili fino ad una temperatura di 60°C.

In relazione a questi ultimi dati appare possibile che la nuova tecnologia possa essere utilizzata anche all'interno di veicoli a propulsione elettrica, destinazione d'uso a nostro avviso ben più interessante rispetto all'adozione sui dispositivi mobile. Se da una parte è importante navigare in mobilità anche ad ora di cena, dall'altra un'automobile ricaricabile in un quarto d'ora potrebbe rivoluzionare  il mondo dei trasporti come lo conosciamo oggi.

Samsung non produce infatti batterie solo per i dispositivi mobile e la nuova tecnologia potrebbe fare da apripista per una nuova generazione di veicoli elettrici capace di mettere a serio rischio l'egemonia dei combustibili fossili. La batteria è stata brevettata sia in Corea del Sud che negli Stati Uniti, ma è ancora troppo presto per dire quando - e se - verrà implementata su larga scala. 

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

26 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
qboy27 Novembre 2017, 19:30 #1
è esattamente dal 2007 che si parla di grafene

eppure ancora niente. rimaniamo al litio e le batterie che si caricano in 1 ora e mezza va
Ginopilot27 Novembre 2017, 20:30 #2
Le sfere di grafene devono fare un gran male
Uakko27 Novembre 2017, 20:54 #3

Galaxy Note 7

Ma perchè ogni volta che si parla di Samsung dovete sempre rivangarlo??
Ginopilot27 Novembre 2017, 20:56 #4
Immagino perche' e' il piu' grande disastro nella storia della telefonia mobile. E forse non solo.
Dumah Brazorf27 Novembre 2017, 22:05 #5
"Non ci dovrebbero essere problemi" mica tanto. Servono alimentatori della Madonna Louise Veronica Ciccone.
3000mAh in 12' richiedono @5V 12-15A di corrente. Servono gli alimentatori dei notebook @19V. Ce ne saranno un sacco disponibili visto che a loro volta i notebook verranno ricaricati @100V, in america direttamente alla presa di corrente.
Cappej27 Novembre 2017, 22:32 #6
Mitico Grafene... Era un po' che non se ne sentiva più parlare
GabrySP27 Novembre 2017, 22:39 #7
pensavo che le news sul grafene fossero state soppiantate da quelle sulle minchiate che spara Elon Musk
-Vale-27 Novembre 2017, 23:09 #8
Link ad immagine (click per visualizzarla)

non so perchè ho pensato al terminator e alla sua batteria
Donagh27 Novembre 2017, 23:52 #9
Originariamente inviato da: GabrySP
pensavo che le news sul grafene fossero state soppiantate da quelle sulle minchiate che spara Elon Musk


ah ah ah!
Notturnia27 Novembre 2017, 23:57 #10
3Ah in 12 minuti richiedono 15A di corrente.. diciamo 16 con le perdite.. 5V.. 80W di alimentatore ?.. saranno piccoli e tascabili ....

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^