Samsung, in discesa le quote di mercato per gli smartphone, bene Huawei e Apple

Samsung, in discesa le quote di mercato per gli smartphone, bene Huawei e Apple

Nel corso di queste ultime ore la compagnia di ricerca Trend Force ha ufficialmente rilasciato alcuni dati secondo i quali alla fine di questo anno Samsung potrebbe segnare un negativo rispetto agli scorsi 12 mesi. Al contrario Huawei e Apple appaiono in grande forma

di Davide Fasola pubblicata il , alle 08:21 nel canale Telefonia
SamsungHuawei
 

In accordo con un recente report pubblicato dalla compagnia di ricerca TrendForce, le quote di Samsung riguardanti la distribuzione degli smartphone in tutto il mondo nel corso del 2015 sarebbero inferiori rispetto a quelle dello scorso anno.

Dopo una serie di anni di crescita continua, in alcuni casi anche con risultati davvero oltre ogni previsione, sembra infatti che le vendite dei dispositivi del colosso coreano siano, seppur di poco, per la prima volta in calo.

Trend Force stima le vendite dei dispositivi Samsung nel corso del 2015 in 323,5 milioni di unità, un solo punto percentuale in meno rispetto allo scorso anno. Naturalmente un declino, se così possiamo chiamarlo, che si prospetta quindi tutt'altro che disastroso. Un punto percentuale sulla quota di mercato attuale resta infatti una cifra estremamente contenuta, ma è comunque un segno di come i tempi siano cambiati e di come la torta sia divisa tra sempre più commensali.

Nel recente report, altri numeri rilasciati da Trend Force evidenziano si stia sempre più concretizzando una delle situazioni previste ormai da tempo da tutti, o quasi, gli addetti ai lavori. L'avvento dei produttori cinesi e delle loro soluzioni low-cost, seppur qualitativamente all'altezza della concorrenza, sta rallentando in maniera evidente la crescita delle vendite, nelle fasce media e bassa del mercato, dei dispositivi dei produttori già affermati.

Con una perdita del solo 1% annuo, nonostante la strategia sempre più aggressiva della concorrenta, tuttavia, possiamo affermare che, almeno per il momento, Samsung non ha nulla di cui preoccuparsi. La leadership di mercato è ancora salda ma allo stesso tempo conviene cominciare a guardarsi le spalle.

La principale rivale Apple, sembra infatti voler segnare un trend diametralmente opposto. Con la spinta dei nuovi iPhone il colosso di Cupertino potrebbe ottenere una crescita annua del 16% rispetto alle quote dello scorso anno. Una cifra significativa, soprattutto se consideriamo come sia ogni anno ottenuta con la vendita di un solo modello di smartphone.

E per quanto riguarda le realtà cinesi? Xiaomi, partita quest'anno con l'intento di superare quota 100 milioni di smartphone distribuiti sembra non riuscirà nella sua impresa a causa di un successo inferiore a quanto sperato dei propri top di gamma Mi Note e Mi Note Pro. Al contrario Huawei, principale rivale di Xiaomi in patria, sembra essere in continua crescita e potrebbe far segnare un incremento nelle vendite pari al 40%.

Se le stime si rivelassero accurate Huawei sarebbe quindi il primo produttore cinese a superare quota 100 milioni di smartphone distribuiti in un solo anno.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

6 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
nickmot15 Ottobre 2015, 09:10 #1
Visto ciò che offrono i terminali samsung e ciò che offrono i terminali concorrenti mi pare normale una redistribuzione del mercato.

Non c'è e non c'è mai stata una differenza tale da giustificare il dominio di un solo produttore nel mondo android.

Se gli acquireti iniziano a valutare anche gli altri marchi è solo un bene per tutto il mercato.
benti7715 Ottobre 2015, 09:37 #2
Se si valuta solo il prezzo i terminali cinesi sono imbattibili.
Controllando le emissioni, il supporto etc... Bah
Armage15 Ottobre 2015, 10:47 #3
Non riuscivo a credere che Nino avesse scritto una notizia con un titolo del genere, addirittura apple in grande forma ?! "gli saranno venute le crepe sulla pelle mentre lo scriveva", ho pensato. Poi ho letto il nome dell'autore e tutto è tornato al suo posto.
Ma come saranno andate le cose? vi siete sentiti obbligati a pubblicarla in quanto notizia interessante ma Nino si è categoricametne rifiutato di scrivere che apple sta andando meglio di samsung?
globi15 Ottobre 2015, 11:35 #4
Credo già che a Huawei vada bene, non a caso quest`anno ho scelto il loro P8 a scadenza abbonamento, me lo hanno dato incluso nell`abbonamento mobile senza dover pagare nulla in aggiunta. Mi ricordo che anche il commesso mi disse che gli Huawei erano fra quelli che si vendevano meglio per il loro prezzo inferiore. Di S6 qui in Svizzera se ne vedono sì ma non così tanti come fu con l`S4 e l`S5.
InvincibleBoy15 Ottobre 2015, 13:17 #5
Sono proprio contento. ...Prezzi assurdi di Samsung. ..poi boicottano l Europa per il note 5 e noi boicottiamo loro.....
Bluknigth15 Ottobre 2015, 17:38 #6
Io invece l'articolo lo trovo un po' confusionario.

Se Samsung ha venduto l'1% in meno di telefoni rispetto allo scorso anno,
quindi 3 milioni in meno, Apple ne ha venduti il 16% in più (il 16% 50 milioni stimati lo scorso anno) quindi 8 milioni in più, i cinesi una barca in più, e che gli altri produttori qualche punto in percentuale lo hanno rosicchiato, la quota di mercato di SAmsung è scesa sicuramente più dell'1%.

Inoltre è una dato inutile per capire la salute di una società, perchè se hanno perso quote nelle fascie economiche e hanno guadagnato nelle fascie alte di prodotto, probabilmente sono persino contenti.

In realtà mi sa che hanno perso soprattutto nella fascia alta di device.
A favore di Apple (che a mio parere se la ride...) e dei cinesi che propongono prodotti di fascia alta alla metà del prezzo dei Coreani.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^