Samsung e Qualcomm innocenti, respinte in tribunale le accuse di NVIDIA

Samsung e Qualcomm innocenti, respinte in tribunale le accuse di NVIDIA

Un giudice amministrativo della International Trade Commission ha respinto le accuse di NVIDIA nei confronti di Samsung e Qualcomm. Le due società, secondo la ITC, non hanno violato due dei tre brevetti detenuti dalla compagnia di Santa Clara

di pubblicata il , alle 15:01 nel canale Telefonia
NVIDIASamsungQualcomm
 

Oltre un anno fa NVIDIA citava in giudizio Qualcomm e Samsung sostenendo che le due società violassero i propri brevetti sulle GPU. La compagnia di Santa Clara richiedeva alla International Trade Commission (ITC) il ban delle importazioni di tutti i dispositivi con ARM Mali, Adreno (di Qualcomm) o PowerVR. La risposta di ITC è arrivata lo scorso venerdì dal giudice amministrativo Thomas Pender, la cui sentenza è a favore di Samsung e Qualcomm e contro le richieste di NVIDIA.

Secondo il giudice non esiste alcuna violazione per due dei brevetti discussi, mentre le accuse sul terzo sono state considerate non valide perché lo stesso non includeva "alcuna nuova invenzione se comparato ad altri brevetti precedentemente rilasciati". Quanto successo rappresenta una forte battuta d'arresto per gli sforzi legali mossi da NVIDIA negli ultimi mesi, anche se la società non si arrende ed è intenzionata a richiedere alla Commissione una revisione completa soprattutto sulle decisioni del terzo brevetto.

Pender ritiene tuttavia che il particolare brevetto riguardi un concetto troppo ampio (un particolare metodo per il rendering delle ombre) per essere considerato una nuova invenzione. Per i restanti brevetti, NVIDIA si trova ad affrontare un problema particolarmente evidente: la compagnia sostiene di aver inventato lo shading programmabile, gli unified shader e il processamento parallelo in multi-threading all'interno delle GPU. Tuttavia, sebbene NVIDIA sia stata determinante nell'introduzione sul mercato di queste tecnologie, dimostrarlo all'interno di un'aula di tribunale non è semplice.

Se da una parte è vero che NVIDIA ha implementato per prima un engine T&L all'interno di una GPU consumer, dall'altra questo non si traduce di riflesso nel diritto di ottenere un compenso finanziario. Nel frattempo Samsung ha risposto con una controquerela nei confronti di NVIDIA, la quale probabilmente sarà sedata anch'essa nel prossimo futuro. Ma la compagnia di Santa Clara non demorde: "Continueremo verso lo step successivo nel processo perché crediamo fermamente che i nostri brevetti siano validi e che siano stati violati", ha infatti scritto sul blog ufficiale.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

4 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
demon7713 Ottobre 2015, 15:11 #1
GOMBLODDO!!1!1!!1
bobafetthotmail13 Ottobre 2015, 16:27 #2
la compagnia sostiene di aver inventato lo shading programmabile, gli unified shader e il processamento parallelo in multi-threading all'interno delle GPU.
Sì vabbè, sapevo che si poteva brevettare un processo specifico, non una idea generica.
CrapaDiLegno13 Ottobre 2015, 16:49 #3
In USA anche le idee si possono brevettare, non solo l'implementazione come in Europa. Tipo i brevetti fuffa che MS ha sventolato contro i produttori di dispositivi Android (tenuti nascosti per la vergogna di quel che rappresentavano e pagati guarda caso solo da chi dipendeva da MS per altri mercati).
Solo che il brevetto di una idea è qualcosa di complesso, perché non deve essere banale e nemmeno troppo generica.
E davanti ad un tribunale bisogna dimostrare che al momento della registrazione nessuno avesse già realizzato qualcosa che si basa su una idea simile, altrimenti ovviamente non vale... e mentre per una implementazione è più facile dire "l'ho fatta prima io", per le idee molto meno, dato che sono sempre un derivato di soluzioni passate, e a meno che non siano una vera rivoluzione, diventa difficile distinguere quando non sono che una piccola estensione di qualcosa che qualcuno ha già pensato (e magari realizzato e a sua volta brevettato).

Mi chiedo se AMD paga per questi brevetti (magari con lo scambio di altri brevetti), dato che anche lei ha le stesse tecnologie nelle sue GPU e nvidia non le ha fatto causa...
bobafetthotmail13 Ottobre 2015, 16:56 #4
Originariamente inviato da: CrapaDiLegno
Mi chiedo se AMD paga per questi brevetti (magari con lo scambio di altri brevetti), dato che anche lei ha le stesse tecnologie nelle sue GPU e nvidia non le ha fatto causa...

Arguta osservazione. Mi permetto di aggiungere anche Intel alla lista.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^