Rivoluzioni in casa Sony, eliminata definitivamente Ericsson (CEO compreso)

Rivoluzioni in casa Sony, eliminata definitivamente Ericsson (CEO compreso)

A qualche mese dall'acquisizione del marchio Ericsson, Sony annuncia alcune novità che portano alla creazione di una divisione mobile sempre più importante alla quale è stato aggregato anche il gruppo Sony Vaio

di Davide Fasola pubblicata il , alle 08:01 nel canale Telefonia
SonyVAIO
 

Dopo l'acquisizione delle quote Ericsson della joint-venture Sony Ericsson, l'azienda nipponica si prepara a grandi rivoluzioni all'interno del gruppo volte a rendere sempre meno frammentato il marchio. La nuova strategia concepita dal nuovo presidente e CEO della compagnia Zazuo Hirai, pone infatti come obiettivo principale la creazione di un solo grande gruppo racchiuso sotto il nome unico di Sony.

Proprio l'acquisizione di Ericsson è stato uno dei passi più importanti degli ultimi mesi, che ha portato ad avere i primi terminali, in arrivo in queste settimane, brandizzati con il solo marchio Sony. Come per gran parte delle realtà concorrenti, anche per Sony, sembra così acquisire grande importanza la divisione mobile, il cui mercato è in questo momento, senza ombra di dubbio, uno dei più fiorenti.

La nuova strategia del colosso giapponese porterà così l'azienda a concentrarsi principalmente su tre aree riconosciute come "colonne portanti" della strategia stessa e identificabili nel digital imaging, nel mondo dei videogiochi e delle consolle e, per concludere, proprio nel settore mobile.

Kunimasa Suzuki è stato eletto come 'Officer in Charge of User Experience, Product Strategy, and Creative Platform' e, oltre a supervisionare la progettazione di tutti i prodotti destinati ai consumatori, sarà anche responsabile della divisione mobile che ora include smartphone, tablet e PC. Divisione PC, costituita dal gruppo VAIO, che viene così formalmente inglobata in quella mobile.

Con la promozione di Suzuki sparisce definitivamente ogni traccia di Bert Nordberg, ex presidente di Sony Ericsson e di Sony Mobile Communication dal momento dell'acquisizione di Ericsson ad oggi. Secondo quanto dichiarato dal CEO Kazuo Hirai, il nuovo responsabile (Suzuki) sarà in grado di svolgere un lavoro migliore rispetto a quanto fatto fino ad oggi da Nordberg e si aspetta pertanto una crescita importante del proprio mercato mobile nel corso di questo 2012.

Non ci resta che attendere e verificare se realmente le decisioni prese dal nuovo CEO porteranno a dei risultati degni di nota. Nel frattempo attendiamo ancora il primo smartphone equipaggiato con l'ultima versione del sistema operativo Android, Ice Cream Sandwich.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

3 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Mr Resetti29 Marzo 2012, 09:32 #1
C'è un refuso: la prima volta che nominate il CEO lo avete scritto Zazuo invece di Kazuo.
^VaMpIr0^29 Marzo 2012, 10:17 #2

A me sembra che....

Posso dire una cosa? Sono anni che molte Aziende si comprano tra di loro quando sono più forti economicamente o per abbattere la concorrenza (nociva) per loro....però, poi, ce le ritroviamo, dopo anni, a far fronte a ridimensionamenti aziendali quali tagli di personale e di "rami secchi" della stessa azienda, con la conseguenza di scorporare e vendere i su detti rami....in pratica è un circolo vizioso e chi ha queste mire in fase d'0acquisizione di una azienda, sa anche come finirà!
Si comprano, si dividono, si vendono, si acquisiscono, si fondono, si dividono, si ri-svendono!
domthewizard29 Marzo 2012, 10:42 #3
Originariamente inviato da: ^VaMpIr0^
Posso dire una cosa? Sono anni che molte Aziende si comprano tra di loro quando sono più forti economicamente o per abbattere la concorrenza (nociva) per loro....però, poi, ce le ritroviamo, dopo anni, a far fronte a ridimensionamenti aziendali quali tagli di personale e di "rami secchi" della stessa azienda, con la conseguenza di scorporare e vendere i su detti rami....in pratica è un circolo vizioso e chi ha queste mire in fase d'0acquisizione di una azienda, sa anche come finirà!
Si comprano, si dividono, si vendono, si acquisiscono, si fondono, si dividono, si ri-svendono!

benvenuto nel mondo dell'economia

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^