Project Ara in arrivo nel 2017 senza CPU, RAM intercambiabili

Project Ara in arrivo nel 2017 senza CPU, RAM intercambiabili

Google torna a parlare di Project Ara durante la Google I/O, annunciando un nuovo developer kit e l'arrivo in commercio nel 2017. Ma con una pesante rivisitazione del concetto di base

di Marzio Tonutti pubblicata il , alle 11:01 nel canale Telefonia
Google
 

Nonostante i numerosi ritardi, il progetto alla base dello smartphone modulare è ancora oggetto di studi in Google. Durante la Google I/O, infatti, la società ha annunciato gli ultimi sviluppi su Project Ara e un nuovo developer kit, chiamato Developer Edition, che arriverà entro la fine del 2016. La versione pronta per il pubblico di massa viene però rimandata al 2017. Contestualmente la società ha pubblicato una nuova pagina dedicata sul sito ufficiale, in cui registrarsi per ottenere le novità sull'argomento.

Il nuovo developer kit atteso entro la fine dell'anno in corso sostituirà l'attuale Spiral 2. Il progetto nasceva nel 2013 e, come ogni progetto del team ATAP, si aspettava fosse pronto nel giro di due anni. Lo smartphone modulare era stato però rimandato dopo il 2015 per via del roll-out fallimentare a Porto Rico, e viene rimandato ancora una volta al 2017. Il posticipo arriva però con una pesante rivisitazione del progetto iniziale, apparentemente indispensabile per far sì che Ara raggiunga il grande pubblico.

Non tutta la componentistica dello smartphone sarà infatti modulare. Gli elementi base, in altre parole, non saranno in alcun modo sostituibili dall'utente finale, proprio come avviene sugli smartphone tradizionali venduti ad oggi. Il corpo del dispositivo Ara avrà pertanto CPU, GPU, antenne, sensori, batteria e display fissi, un compromesso che arriva con una logica ferrea: creando un corpo fisso, infatti, si guadagna parecchio spazio aggiuntivo per i moduli, con l'idea che estremizza il concetto di base dello smartphone modulare.

Purtroppo ne elimina al tempo stesso l'espandibilità nel corso del tempo, con gli utenti più navigati che non potranno sostituire CPU, RAM o display, come invece avviene nel mercato dei personal computer. L'obiettivo degli ingegneri Ara è realizzare smartphone per utenti con esigenze estremamente specifiche (ad esempio in ambiti lavorativi o medici), ed è per questo che si potranno installare fotocamere modulari, altoparlanti, lettori di impronte, display aggiuntivi o glucometri, ma non sostituire CPU e RAM.

La società sta pianificando ancora di realizzare un mercato aperto per gli sviluppatori di moduli in modo che possano creare le aggiunte più disparate per il modulo base. Tuttavia il nuovo cambio di strategia di Google dà in parte ragione ad LG che non ha voluto strafare realizzando una base su cui poter installare moduli di diversa tipologia sulla base di specifiche esigenze del momento. Certo, l'idea dei coreani è molto più semplice e di massa rispetto ad Ara, tuttavia LG offre una piattaforma già oggi pronta al pubblico, laddove ATAP ci rimanda al 2017 con l'ennesima promessa.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

21 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Cloud7623 Maggio 2016, 11:09 #1
Il corpo del dispositivo Ara avrà pertanto CPU, GPU, antenne, sensori, batteria e display fissi,

e anche la RAM (viene detto nell'articolo ma non in questo elenco).

Praticamente l'unica cosa di modulare sono i componenti opzionali... l'unica utilità è per chi vuole vari gingilli da usare sul telefono, per il resto lo smartphone vero e proprio nasce e muore come è stato acquistato, ergo, nessuna aggiornamento modulare ne potrà allungare la vita.
BoORDeL23 Maggio 2016, 11:14 #2
L'elefante ha partorito il topolino.
Praticamente una variante del G5?
Spike7923 Maggio 2016, 11:22 #3
Batteria e Ram fissi ? Bon, dimentichiamoci pure questa interessante e innovativa tecnologia, così com'è Project Ara non vale la spesa.
nickmot23 Maggio 2016, 11:24 #4
Ok...
Speravo in questo per avere un telefono con display piccolo (per gli standard odierni) e tastiera fisica.
Non sarà così, ne posso sperarci per il futuro.

Ciao Project Ara!
PsychoWood23 Maggio 2016, 11:33 #5
Originariamente inviato da: Cloud76
l'unica utilità è per chi vuole vari gingilli da usare sul telefono, per il resto lo smartphone vero e proprio nasce e muore come è stato acquistato, ergo, nessuna aggiornamento modulare ne potrà allungare la vita.


Il fatto che abbia una base fissa non è detto (non ho letto fino in fondo, lo ammetto) che impedisca di aggiungerne usando i moduli. E in caso di aggiornamento "basta" cambiare la base e mantenere i moduli, un discreto quantitativo di risparmio credo ci possa stare comunque.
demon7723 Maggio 2016, 11:44 #6
Originariamente inviato da: Cloud76
e anche la RAM (viene detto nell'articolo ma non in questo elenco).

Praticamente l'unica cosa di modulare sono i componenti opzionali... l'unica utilità è per chi vuole vari gingilli da usare sul telefono, per il resto lo smartphone vero e proprio nasce e muore come è stato acquistato, ergo, nessuna aggiornamento modulare ne potrà allungare la vita.


Come volevasi dimostrare.
Ho sempre sostenuto che questo progetto per quanto interessante era assolutamente utopistico.
gordon8823 Maggio 2016, 11:45 #7
Originariamente inviato da: BoORDeL
L'elefante ha partorito il topolino.
Praticamente una variante del G5?

Ho avuto la medesima riflessione
Comunque se, e sappiamo bene come funzionano i "se" e i "ma", venisse venduto a prezzo molto ridotto non sarebbe da buttare. Purtroppo se vuoi fare una cosa per tutti la devi rendere più facile possibile. A questo punto, come dici tu, meglio prendersi un g5 e morta lì. Tanto tra 4 anni saranno tutti vecchi e probabilmente da sostituire
Cloud7623 Maggio 2016, 11:46 #8
Originariamente inviato da: PsychoWood
Il fatto che abbia una base fissa non è detto (non ho letto fino in fondo, lo ammetto) che impedisca di aggiungerne usando i moduli. E in caso di aggiornamento "basta" cambiare la base e mantenere i moduli, un discreto quantitativo di risparmio credo ci possa stare comunque.


Potrebbe anche essere... ma la cosa è molto limitata.
Metterci un modulo che aggiunge 2GB di RAM, sì ok, ma lo spazio è limitato, se ci metti quello magari devi levare qualcos'altro...
E comunque rimane il problema di fondo, che ho detto prima, che tutto il resto non è aggiornabile.
Rimango sulla conclusione detta prima.
doctor who ?23 Maggio 2016, 11:56 #9
ahh ! tipo quei vecchi cellulari con la fotocamera esterna, the future is now !
Ork23 Maggio 2016, 11:57 #10
mah, per quelli che si aspettano di comprare un telefono da poter usare per 4/5 anni... ma non vi sembra di farvi delle grossissime illusioni?
già se dura 2 anni mi sembra grasso che cola.. alla fine si parla di un accessorio che si ha in mano tutto il giorno tutti i giorni. ovviamente è destinato a logorarsi e quindi ha una vita più breve di un televisore o di qualcosa di statico

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^