Prima connessione HSPA Evolution a 21 Mbps

Prima connessione HSPA Evolution a 21 Mbps

Ericsson e l'operatore australiano Telstra hanno mostrato la prima connessione HSPA Evolution, con velocità di picco di 21 Mbps

di pubblicata il , alle 14:44 nel canale Telefonia
 

Le reti cellulari sono in continua evoluzione e la tecnologia HSPA vuole dimostrare che ha ancora molto da dire e diverse carte da giocare prima che WiMax Mobile e LTE raggiungano una buona copertura.

Ericsson e l'operatore australiano Telstra hanno messo in piedi la prima comunicazione dati su rete cellulare commerciale della tecnologia HSPA Evolution. Non si tratta quindi solo di un prototipo costruito ad hoc, ma di una installazione sulla rete dell'operatore australiano.

La velocità di picco di questa tecnologia può arrivare a 21Mbps in download e in un paese come l'Australia si candida a diventare una valida alternativa alla banda larga su rete fissa. Questo anche in considerazione della banda in upload, che può arrivare a picchi di 5,8Mbps.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

24 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
supertigrotto05 Dicembre 2008, 14:49 #1

ma dai!

poi in reale?quanto andrà?
appleroof05 Dicembre 2008, 14:52 #2
quando leggo di tutte queste reti che si accavallano (e si aggiungono a quelle esistenti) il pensiero mi và inevitabilmente al fatto che non vorrei tra 20 anni esce che fanno gravemente male alla salute

nel dubbio, loro intanto implementano e VENDONO, poi si vedrà
Nenco05 Dicembre 2008, 14:55 #3
Originariamente inviato da: appleroof
quando leggo di tutte queste reti che si accavallano (e si aggiungono a quelle esistenti) il pensiero mi và inevitabilmente al fatto che non vorrei tra 20 anni esce che fanno gravemente male alla salute

nel dubbio, loro intanto implementano e VENDONO, poi si vedrà


Non credo che per la salute gsm o hsdpa faccia qualche differenza
Vashino05 Dicembre 2008, 14:55 #4
tanto noi le vedremo tra 10 anni queste tecnologie
DarkwaveNs05 Dicembre 2008, 14:56 #5
@appleroof:
non è che la tecnologia fa male alla salute..
Inoltre il corpo umano reagisce alle radiazioni a seconda della loro ampiezza (leggi potenza ricevuta), frequenza e fase.
Detto ciò le tecnologie di trasmissione tipicamente hanno parametri simili, ciò che cambia è come viene codificato il segnale ergo che ne facciano 10 o 20 o 1 non cambia niente.
appleroof05 Dicembre 2008, 15:03 #6
Originariamente inviato da: Nenco
Non credo che per la salute gsm o hsdpa faccia qualche differenza


Originariamente inviato da: DarkwaveNs
@appleroof:
non è che la tecnologia fa male alla salute..
Inoltre il corpo umano reagisce alle radiazioni a seconda della loro ampiezza (leggi potenza ricevuta), frequenza e fase.
Detto ciò le tecnologie di trasmissione tipicamente hanno parametri simili, ciò che cambia è come viene codificato il segnale ergo che ne facciano 10 o 20 o 1 non cambia niente.


premetto che sono completamente ignorante in materia, quindi tecnicamente meno di zero (anzi diciamo qualcosina di più di zero, da semplice appassionato )

Ma leggo, da profano, quindi, che ancora non vi è certezza che le reti cellulari non facciano male, insomma la discussione è aperta e in un mondo perfetto vorrei che prima che si diffonda una nuova tecnologia ci sia la ragionevole (non dico assoluta, diciamo al 95%) convinzione che non sia pericolosa

poi aggiungiamo quelle wi-max, lte, in casa il wi-fi ecc ecc

sono giovane ma ho fatto in tempo a vedere che senza telefonini si stava lo stesso alla grande, essendo giovane non voglio fare il nonno che si lamenta del progresso , ma dico solo che prima si verifica che non fà male, poi si implementa, sennò il reale vantaggio è zero assoluto (per internet pazienza se non mi connetto in giro, mi accontento della connessione via cavo, poi si vedrà, non credo che morirei nel frattempo)
marcos8605 Dicembre 2008, 15:05 #7
ottima notizia (se sei un canguro)
Claudio196905 Dicembre 2008, 15:33 #8
Tempo fa avevo sentito di una notizia riguardo ad una invenzione americana, una vernice che si poteva usare come interruttore per le frequenze, tipo vernice polarizzatrice o altro, non ricordo come ma si poteva abilitare e inibire tutte le frequenze, quindi la ricezione di segnali gsm umts wi-fi wi-max ecc.
Nel futuro potremmo verniciarci la casa con questo prodotto e mettere le antenne fuori, tv adsl wi-fi ecc. avendo all' interno la certezza di non ricevere nessuna frequenza.
ilterzo05 Dicembre 2008, 15:54 #9
Tanto poi abbiamo tariffe ridicole con pacchetti da 2000 euro al mese per 50 ore di navigazione mentre negli altri stati viaggiano a flat o addirittura gratis... solite mucche da mungere!!
King8305 Dicembre 2008, 16:01 #10
ma non diciamo cavolate mezza italia o quasi naviga ancora senza adsl!!! io sono passato da alice alla navigazione con telefonino e dove abito (provincia di brescia vicino alla città tim-vodafone-tre e wind navigano ancora in gprs!!!!! alla faccia del hdspa!!! e non sono disperso tra le montagne ma in pianura vicino alla città quindi dovrebbe essere coperto da buon segnale

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^