Operatori e provider di contenuti firmano un Codice di Condotta

Operatori e provider di contenuti firmano un Codice di Condotta

I fornitori di servizi a pagamento per cellulari e gli operatori telefonici hanno firmato un codice di autoregolamentazione volto a tutelare i consumatori, con un comportamento più trasparente

di pubblicata il , alle 13:32 nel canale Telefonia
 

Poco prima delle ferie di agosto avevamo riportato, a questo indirizzo, dell'indagine, aperta dalla Commissione Europea, sui contenuti a pagamento per cellulare, in particolare sfondi e suonerie. L'azione ha sicuramente contribuito a smuovere le acque di questo settore, molto redditizio, ma anche esposto a facili truffe per il consumatore, spesso attratto da pubblicità abbastanza ingannevoli.

Per prendere le distanze in modo chiaro da questi comportamenti e per venire incontro alle richieste della Commissione Europea, nei primi giorni di agosto gli operatori di telefonia mobile (Tim, Vodafone, Wind, 3 Italia) e i principali Content Provider italiani (Buongiorno, Dada, David2, Neomobile, M-Platform) hanno sottoscritto un Codice di Condotta per l’acquisto e la fruizione di servizi a sovrapprezzo in abbonamento forniti dagli operatori attraverso numerazioni in decade 4 (es. 4XXXX).

Come riportato in un comunicato stampa congiunto, in un’ottica di sempre maggior semplificazione e trasparenza nella fruizione di tale tipologia di servizi da parte dei clienti finali, gli operatori telefonici e i fornitori di contenuti hanno dato vita ad uno strumento di autoregolamentazione, che è già sottoposto all’attenzione delle competenti Autorità, in grado di rispondere concretamente alle esigenze dei consumatori.

Con questo strumento vengono stabilite le linee-guida operative comuni, con l'obiettivo di rendere omogeneo per tutto il mercato il livello di protezione dei clienti-consumatori, con una specifica attenzione ai minori. Operatori e provider hanno pertanto condiviso delle regole e linee guida attraverso formati standard e procedure comuni da adottare su tutti i canali di comunicazione in modo da assicurare ai clienti chiarezza e trasparenza dei singoli servizi: in primis, una sintassi universale per la loro disattivazione.

Con l’entrata a regime del Codice di Condotta, infatti, tutti i consumatori potranno disattivare il servizio precedentemente attivato inviando un semplice sms di testo con scritto STOP alla numerazione breve di riferimento. La disattivazione sarà possibile anche contattando il servizio assistenza clienti del provider dove verrà inserita una voce esplicita nel primo livello del menù.

Infine, novità sulla riorganizzazione dell'assistenza clienti dei servizi a sovrapprezzo: gli operatori hanno concordato l'introduzione di un solo numero di assistenza per ogni provider, disponibile sette giorni su sette, con risposta degli operatori dalle 9 alle 21 e risponditore automatico nelle ore notturne. Inoltre, ogni provider presenterà sull’homepage del proprio sito un’area Help, con accesso diretto al servizio assistenza clienti e con tutte le informazioni sulle modalità di disattivazione dei servizi.

Ci sembra un passo importante nella direzione della tutela del consumatore, staremo a vedere le tempistiche con cui le aziende si adegueranno al codice e se lo strumento dell'autoregolamentazione si rivelerà sufficiente.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

18 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
demon7720 Agosto 2008, 13:53 #1
Spero seriamente che si arrivi ad un bel giro di vite verso queste squalliderie...

E' mostruoso vedere come sia grande il mercato legato a simili boiate che mira ad estorcere denaro alla fetta più "babbea" dell'utenza.. che a giudicare dal numero degli spo teve essere piuttosto grande..

Me ne rendo conto guardando la tv:
martellanti pubblicità di loghi e suonerie oltre il limite del ridicolo, sedicenti giochi a premi per mentecatti che ti danno cento euro se indovini quanto fa 3+3, combinazioni di numeri per vincere al lotto...

vabbeh lasciamo perdere che sennò mi girano và..
Johncook20 Agosto 2008, 13:54 #2
Era ora...
Genesio20 Agosto 2008, 13:56 #3
"se lo strumento dell'autoregolamentazione si rivelerà sufficiente."



non è un problema, in un modo o nell'altro qualche simil-truffa la inventano sempre...
vogliono autoregolamentarsi? Tutte le sim vendute devono essere di default settate su "disabilita qualunque seccatura che non sia l'uso normale del telefono". E per abilitarla bisogna essere maggiorenni.

Però devo ammettere che loro fanno il loro lavoro...quello che mette tristezza siamo noi clienti che usufruiamo di questi "servizi".
Dumah Brazorf20 Agosto 2008, 14:13 #4
Almeno dovrebbero eliminare l'iscrizione attraverso i siti internet.
Se voglio un servizio lo richiedo dal mio numero, non che un pirla mi fa lo scherzetto da casa sua iscrivendomi sul sito x semplicemente scrivendo il mio numero.
Willy_Pinguino20 Agosto 2008, 14:33 #5
- Pierino hai preso tu la marmellata?

- no signora maestra

- Pierino hai preso tu le caramelle?

- no babbo

- Pierino hai preso tu i biscotti?

- no mammina

da quando Pierino è in attesa al prontosoccorso per una indigestione da paura, stà rimuginando su un proprio Codice di Condotta che gli impedisca di stare così male in futuro...

quanti di voi credono che Pierino rinuncerà ai dolci???
MBT20 Agosto 2008, 14:43 #6
Speriamo che ora si diano una regolamentata anche i siti web...
ce ne sono alcuni con spot e pubblicità che non hanno nulla da invidiare a quelle delle suonerie per cellulari...
della serie "sei il 1.000.000 utente.. hai vinto! Clikka qui...:"
redeagle20 Agosto 2008, 15:11 #7
Troveranno sempre il modo per fregarci...
brugi20 Agosto 2008, 15:12 #8
io mi chiedo il perchè la gente continua a buttare soldi in ste cavolate (poi lo so sono i bambini la maggiore utenza per questi servizi...)
dai ormai TUTTI i cellulari in vendita da almeno 2 anni hanno bluetooth o come minimo un accesso USB...

E SCRICATEVELE DAL PC STE MUSICHETTE E STI LOGHI
angel11020 Agosto 2008, 15:30 #9
Originariamente inviato da: Willy_Pinguino
- Pierino hai preso tu la marmellata?

- no signora maestra

- Pierino hai preso tu le caramelle?

- no babbo

- Pierino hai preso tu i biscotti?

- no mammina

da quando Pierino è in attesa al prontosoccorso per una indigestione da paura, stà rimuginando su un proprio Codice di Condotta che gli impedisca di stare così male in futuro...

quanti di voi credono che Pierino rinuncerà ai dolci???


Ahahah
MBT20 Agosto 2008, 15:55 #10
Originariamente inviato da: brugi
io mi chiedo il perchè la gente continua a buttare soldi in ste cavolate (poi lo so sono i bambini la maggiore utenza per questi servizi...)
dai ormai TUTTI i cellulari in vendita da almeno 2 anni hanno bluetooth o come minimo un accesso USB...

E SCRICATEVELE DAL PC STE MUSICHETTE E STI LOGHI


ma infatti me lo sono chiesto anch'io...
io stesso ho come suoneria una canzone in MP3.
anche perchè quelle pubblicizzate NON osno originali, ma versioni ricantate e riarrangiate. Ascoltatele attentamente durante le pubblicità....

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^