OnePlus chiude le porte agli sviluppatori: niente più ''custom ROM'' sugli smartphone?

OnePlus chiude le porte agli sviluppatori: niente più ''custom ROM'' sugli smartphone?

L'azienda cinese sembra voler difendere il proprio sistema operativo OxygenOS. PEr farlo ha intenzione di bloccare le "custom ROM" che la comunità del modding da sempre sviluppano. Sarà davvero così?

di pubblicata il , alle 18:01 nel canale Telefonia
OnePlus
 

Sappiamo bene come OnePlus sin dall'inizio del suo arrivo nel mondo degli smartphone abbia trovato successo non solo per la qualità dei propri device ma anche e soprattutto perché uno dei produttori più amichevole nei confronti degli sviluppatori. L'azienda ha sempre permesso di "smanettare" con il proprio codice sorgente del kernel e consente di sbloccare facilmente il bootloader dei propri dispositivi. Per anni tutto questo ha portato grandi vantaggi e un grande lavoro di sviluppo da parte degli sviluppatori più attivi che hanno creato una comunità come poche altre aziende.

OnePlus ha sempre inviato i nuovi smartphone ad una manciata di sviluppatori per dare il via allo sviluppo di ROM e kernel personalizzati sui nuovi top di gamma più recenti di OnePlus. L'arrivo del nuovo OnePlus 6T di quest'anno però sembra aver cambiato le carte in tavola visto che lo smartphone non è arrivato ai più importanti sviluppatori attuali. Da qui la conferma anche tramite il rappresentante OnePlus responsabile delle relazioni con gli sviluppatori che ha annunciato la chiusura del programma di seeding dei dispositivi.

OnePlus e il modding: cosa cambierà in futuro?

Attraverso il programma di invio del dispositivo, sviluppatori come l'ormai famoso franciscofranco hanno ricevuto diversi dispositivi OnePlus su cui lavorare. Proprio grazie ad essi che è stato possibile sviluppare custom ROM come la LineageOS, CarbonROM, TWRP e altre che ancora oggi sono alla base del modding mondiale. I dispositivi OnePlus sono ancora tra i più popolari per gli appassionati di Android, ma la crescente concorrenza di Xiaomi e il fascino dell'ultimo Google Pixel potrebbero allontanare alcuni sviluppatori dal marchio OnePlus soprattutto ora che tali restrizioni sono state apportate dall'azienda.

La chiusura del programma di seeding dei dispositivi potrebbe causare un duro colpo alla neonata comunità di sviluppatori di OnePlus e la nuova generazione di OnePlus 7 potrebbe risentire proprio della mancanza di sviluppo personalizzato rispetto ai dispositivi OnePlus precedenti. La chiusura del programma potrebbe causare anche l'insorgere di bug e vulnerabilità per quanto riguarda la sicurezza. Ricordiamo come proprio uno sviluppatore su XDA aveva scoperto una vulnerabilità sul bootloader di OnePlus 6 prontamente risolto dopo la sua divulgazione. 

La causa di tutto questo potrebbe essere rimandata al fatto che OnePlus negli anni abbia raggiunto una tale maturità da ritenere inutile mantenere una comunità attiva di modding come l'attuale. La fiducia degli utenti è ormai assodata e l'azienda riesce oggi a conquistare un pubblico ben più ampio dei nerd e degli appassionati di modding. Sarà la giusta strada? Lo vedremo sicuramente con l'uscita del prossimo smartphone dell'azienda.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

11 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Opteranium29 Novembre 2018, 18:26 #1
addio oneplus..
matrix8329 Novembre 2018, 18:41 #2
Ma che addio e addio. Premesso che uso OnePlus dal One, e sempre con rom custom.
Dal 3T OxygenOS è la rom migliore che si possa trovare su un Android, tutte le altre (LOS,NOS,AOSP,MIUI,etc) non sono al suo livello.
Sono esercizi di stile, ma nulla a che vedere con un driver quotidiano. Per dirne una su tutte, sulle custom Pie lo screencast wireless non funziona e reboota il dispositivo. Perchè non hanno cambiato ancora dopo mesi una funzione del cavolo che è cambiata con Android 9 (nonostante abbia segnalato cosa e dove cambiare ai dev di diverse rom, incluso NOS)
Fermo restando che il fatto di non dare più device a gratis non vuol dire fermare il modding.
E scrivo tutto questo da un 3T con Android 9 Pie (Havoc OS), messo perchè sperimento sempre custom rom ma da quello che vedo tornerà a Oxygen a breve.
Detto questo salto il 6T perchè non porta nulla di nuovo rispetto al precedente, ma il prossimo telefono sarà sicuramente un altro OnePlus visto che non mi ha mai dato problemi e sono di ottima fattura.
TheDarkAngel29 Novembre 2018, 19:14 #3
LOL vendo il mate 10 pro perchè huawei ha bloccato quel poco di modding per passare a oneplus 6 e.... anche loro iniziano politiche avverse al modding, sono senza parole.
kean3d29 Novembre 2018, 19:26 #4
non passare mai a Xiaomi allora per favore
ToysLand29 Novembre 2018, 20:07 #5
Originariamente inviato da: TheDarkAngel
LOL vendo il mate 10 pro perchè huawei ha bloccato quel poco di modding per passare a oneplus 6 e.... anche loro iniziano politiche avverse al modding, sono senza parole.


Io ho fatto il tuo stesso passaggio a maggio perchè ho distrutto il mate.. ma avendoli avuti entrambi ti posso dire che con il mate mi ci trovavo meglio..
Tedturb029 Novembre 2018, 20:49 #6
bwahahahahah
demon7729 Novembre 2018, 23:22 #7
Ma si usano ancora le custom rom?
Pensavo fosse una moda ormai passata.

L'ultima volta che ho smanettato con le custom è stato col galaxy S2..
Ora come ora ci sono tamente tanti modelli che già hai culo a trovare una rom.. e se la trovi è una nightly buggata come la morte.. e i cell è ormai vetusto quando arriva a maturazione. Se arriva.
Vale davvero la pena?
tommy78130 Novembre 2018, 08:28 #8
Ricordo bene come la fine di HTC iniziò il giorno in cui chiusero le porte alla comunità di sviluppatori blindando le rom e la fuga dal marchio ebbe inizio. Evidentemente Oneplus non guarda la storia o pensa di essere diversa. Certi marchi hanno bisogno di lasciare libero il codice per garantirsi la base di vendite, persa quella addio.
s0nnyd3marco30 Novembre 2018, 08:56 #9
Originariamente inviato da: demon77
Ma si usano ancora le custom rom?
Pensavo fosse una moda ormai passata.

L'ultima volta che ho smanettato con le custom è stato col galaxy S2..
Ora come ora ci sono tamente tanti modelli che già hai culo a trovare una rom.. e se la trovi è una nightly buggata come la morte.. e i cell è ormai vetusto quando arriva a maturazione. Se arriva.
Vale davvero la pena?


Dipende dallo smartphone, dalla rom e da quello che uno vuole dal device. Ho avuto LOS (e prima ancora cyanogen) su moto g 2014 LTE fin dall'inizio e non ho mai avuto grossi problemi. Ora ho preso un xiaomi mi a1 proprio perche' e' un android one e ha un gran supporto dalla comunita' (sbloccare il boot loader e' veramente banale).
PHØΞИIX30 Novembre 2018, 09:15 #10
Ecco.... Manca solo il prossimo top di gamma a 800€ e poi OnePlus sarà diventata una Huawei qualsiasi

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^