Nuova concorrenza nella telefonia mobile?

Nuova concorrenza nella telefonia mobile?

Dopo l'istruttoria aperta dall'Antitrust ora Vodafone si impegna ad aprire agli operatori virtuali

di Roberto Colombo pubblicata il , alle 10:41 nel canale Telefonia
Vodafone
 

Vodafone si è impegnata con una lettera all'Antitrust a fare in modo che un operatore virtuale possa entrare nel mercato della telefonia mobile italiana. Per chiarire la questione portiamo ad esempio cosa avviene negli Stati Uniti con i MVNO, ovvero Mobile Virtual Network Operator; la chiave di volta sta nella parola "Virtual": per essere una compagnia di telecomunicazioni, negli USA non è necessario possedere una propria infrastruttura di rete ma è sufficiente affittare questa da altri operatori già presenti sul territorio. Virgin Mobile, ad esempio, fa uso delle infrastrutture della compagnia Sprint. É più o meno quello che già avviene oggi in Italia con i servizi ADSL di alcuni provider.

In questo modo ci potrà essere un nuovo operatore in Italia che fornirà servizi agli utenti finali, accanto a quelli proprietari delle infrastutture come Vodafone, Tim, Wind e Tre. La notizia è sicuramente positiva per il mercato, che vedrà crescere la concorrenza. Vodafone ha posto le seguenti condizioni per la conclusione positiva dell'accordo:

  • l'Operatore scelto come parte sarà dotato di una rete distributiva idonea a formulare offerte commerciali con propri marchi nell'intero territorio nazionale;
  • la fornitura di servizi di accesso avrà durata non inferiore a tre anni;
  • la titolarità dell'offerta di Servizi Finali spetterà esclusivamente all'Operatore, che dunque sarà libero di definire la propria offerta commerciale, scegliere i propri marchi e stabilire i prezzi di offerta alla clientela finale".
Staremo a vedere chi si presenterà alla porta di Vodafone. In pratica dopo l'istruttoria avviata dall'Antitrust quasi due anni fa, per "abuso di posizione dominante collettiva" (oltre a Vodafone, l'indagine coinvolge anche TIM e Wind), nata dalla denuncia di alcune telco (tra cui Elsacom), desiderose di diventare MVNO, che avevano lamentato notevoli difficoltà nell'aprire trattative con i gestori di telefonia mobile, ora Vodafone mostra la propria disponibilità a concedere l'accesso alla propria rete mobile, con una dichiarazione di intenti che le varrà la chiusura dell'istruttoria senza accertamento di infrazione. La valutazione dell'impegno, rende noto l'Authority, sarà conclusa entro il 7 giugno 2007.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

17 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
UIQ31 Gennaio 2007, 11:01 #1

Ma...

Non sono sicuro ci si riesca a guadagnare, comunque tutto ciò che va a favore della concorrenza e dell'apertura del mercato è ben accetto. Ovviamente anche gli altri 3 gestori dovrebbero aprire le proprie reti....
MaxArt31 Gennaio 2007, 11:16 #2
Giocare d'anticipo per Vodafone può esere una buona chance: diventerebbe, almeno nel primo periodo, l'unico partner possibile delle MVNO, incassando tutti gli "affitti" della rete telefonica dalle nuove compagnie.
NtBIG31 Gennaio 2007, 11:33 #3
ma se non lasciano nemmeno crescere quelle che ci sono di compagnie... (vedi gli ostacoli a 3) come possono pensare di farne nascere altre?
oxota31 Gennaio 2007, 11:42 #4
Alla fine e' un roaming nazionale
Luca6931 Gennaio 2007, 11:46 #5
L'idea é quella di separare le i due mondi: chi possiede l'nfrastruttura e chi fornisce i servizi. Un po' come si é fatto con ENEL e TERNA e anche con il GAS.
La nuova tecnologia su cui si punta é quella di formire un terminale che é in grado di collegarsi automaticamente alla rete piú conveniente disponibile e in maniera trasparente per fornire il servizio di fonia.
Esempio: sono a casa, si collega alla rete WiFi (VoIP). Suno in una zona coperta da rete UMTS? Utilizzo connessione dati e VoIP. É presente la sola rete GSM? Utilizzo quest'ultima.
Fantascienza? Mica poi molto. La tecnologia esiste giá, mancano gli accordi commerciali, le normative e gli standard
GianL31 Gennaio 2007, 11:55 #6
nella telefonia voce c'è già il caso di successo di Tele2:
la compagnia svedese dà servizi di telefonia (verso fisso) senza avere una infrastruttura proprietaria.
danyroma8031 Gennaio 2007, 12:37 #7
sì infatti è un roaming nazionale della durata maggiore di tre anni.
Attualmente quando un nuovo operatore entra in commercio, gli altri operatori hanno l'obbligo di fornirgli in affitto le proprie infrastrutture per tre anni (così come è accaduto con wind) e sono ripagate in % sul fatturato della nuova compagnia.
Durante i tre anni ovviamente la nuova compagnia telefonica deve mettere su una propria infrastruttura.

Con questa nuova "regola" difatto verrebbe abolita la durata massima dell'affitto.
Raid531 Gennaio 2007, 12:50 #8
Originariamente inviato da: Luca69
Fantascienza? Mica poi molto. La tecnologia esiste giá, mancano gli accordi commerciali, le normative e gli standard

No, siamo molto più vicini di quanto si possa pensare.
Ci sono i telefoni Nokia E60, 61 e 70 che sono in grado di collegarsi ad una rete wi-fi e telefonare in VoIP tramite il protocollo SIP (che è affermato da anni) e i provider telefonici SIP, nazionali ed internazionali non mancano. Mi pare che siano anche in grado di collegarsi in VoIP anche via UMTS.

L'altra possibilità è tramite il telefono Samsung SHG P-200 (o qualcosa del genere) o un nuovo Nokia, di cui mi sfugge il modello, usano il sistema UMA, che consente di usare il proprio telefono indifferentemente via UMTS, GSM o Wi-fi, con la possibilità di migrare anche durante una telefonata in corso da una rete all'altra. Naturalmente mantenendo sempre lo stesso numero (contrariamente al SIP, che mantiene i servizi separati) e lo stesso gestore, anche se le chiamate via wi-fi costano meno.
ataru8131 Gennaio 2007, 21:21 #9
Originariamente inviato da: Raid5]No, siamo molto più
Nokia E60, 61 e 70[/B] che sono in grado di collegarsi ad una rete wi-fi e telefonare in VoIP tramite il protocollo SIP (che è affermato da anni) e i provider telefonici SIP, nazionali ed internazionali non mancano. Mi pare che siano anche in grado di collegarsi in VoIP anche via UMTS.

L'altra possibilità è tramite il telefono Samsung SHG P-200 (o qualcosa del genere) o un nuovo Nokia di cui mi sfugge il modello usano il sistema UMA, che consente di usare il proprio telefono indifferentemente via UMTS, GSM o Wi-fi, con la possibilità di migrare anche durante una telefonata in corso da una rete all'altra. Naturalmente mantenendo sempre lo stesso numero (contrariamente al SIP, che mantiene i servizi separati) e lo stesso gestore, anche se le chiamate via wi-fi costano meno.



Queste dovrebbero essere le tecnologie da promuovere pesantemente!!!!
Info sulla tecnologia UMA http://www.umatechnology.org
grazie della dritta Raid5!
DKDIB31 Gennaio 2007, 22:48 #10
Udio... speriamo di non vedere Tele2 pure sui cellulari! O_O
Visti i problemi che hanno nell'offrire servizi di ADSL, sarebbe seccante se la stessa cosa si ripetesse con i cellulari, dove sono coinvolte 2 o piu' persone.

Persino il servizio di Wind non e' impeccabile, nonostante l'infrastruttura propria e gli anni di esperienza (anche Tele2 ha anni di esperienza nella telefonia mobile, ma non certo la divisione italiana).

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^