Modem libero: gli operatori non sempre informano correttamente i clienti

Modem libero: gli operatori non sempre informano correttamente i clienti

Secondo un'inchiesta di Altroconsumo, nei negozi i clienti non sempre ricevono informazioni corrette rispetto alle loro richieste di informazioni sul modem libero

di pubblicata il , alle 15:01 nel canale Telefonia
 

Altroconsumo è andato a verificare nei negozi come gli operatori informano i loro clienti a proposito di modem libero. Servendosi di una telecamera nascosta, infatti, sono state poste delle domande sul modem libero agli addetti dei negozi fisici e le loro risposte sono state montate nel video che vedete in calce alla news. Come noto, con la delibera 348/18/CONS l’AGCOM ha confermato il diritto degli utenti di scegliere liberamente i terminali di accesso ad Internet da postazione fissa, fissando al contempo specifici obblighi sugli operatori, finalizzati a garantire scelte consapevoli e informate ai consumatori finali.

Modem libero

Guida per la configurazione del modem libero
L'inchiesta ha voluto dare una risposta a una semplice domanda: come gli operatori si interfacciano con i potenziali clienti quando questi ultimi si recano nei negozi fisici per attivare un contratto? La risposta è in parte allarmante visto che alcuni operatori non informano correttamente sulla possibilità di utilizzare un modem di proprietà rispetto a quello fornito dall'operatore stesso.

Tre

Tre è l'operatore che ha fornito le informazioni più discordanti secondo l'inchiesta di Altroconsumo: in questi negozi, infatti, i commessi hanno sempre indirizzato il potenziale nuovo cliente a prendere il modem dell’operatore in 48 rate mensili da 5,99 euro per un totale di 287 euro.

Vodafone

Nel caso di Vodafone, in due negozi su tre si è data apertamente l'opportunità di propendere per il modem libero, mentre nel terzo è stata addotta una scusa circa le inferiori prestazioni legate alla scelta di un modem differente da quello dell'operatore.

Wind

Anche in Wind i giornalisti di Altroconsumo hanno ricevuto risposte similari: in ogni caso il modem è incluso nell'offerta e va preso obbligatoriamente. "È un modem libero, che può essere installato dappertutto" è stato detto.

TIM

I negozi TIM sono gli unici in cui, in tutti i casi, è stato comunicato che ci sarebbe comunque stata libertà nella scelta di un modem differente rispetto a quello fornito dall'operatore, in due casi su tre senza un'esplicita domanda da parte del finto cliente.

Fastweb

Fastweb fornisce un modem all'interno del proprio contratto, ma consente l'utilizzo di un altro dispositivo di proprietà. Le informazioni nei negozi fisici date ai clienti, come ha rilevato Altroconsumo, però sono anche in questo caso frammentarie, e comunque si tende a scoraggiare l'acquisto di un modem perché sarebbe non conveniente economicamente.

Tiscali

Situazione molto simile al caso precedente, con la possibilità di utilizzare un modem di proprietà anche se il modem in comodato rimane obbligatorio.

In nessun caso è stato comunicato che sul sito di ogni operatore è possibile trovare tutte le informazioni necessarie per configurare un modem differente da quello in comodato, come abbiamo visto qui.

Altroconsumo è un'associazione italiana di consumatori senza fini di lucro, la prima e la più diffusa, con oltre 396.000 soci. È nata nel 1973 sotto il nome di Comitato Difesa Consumatori. Per combattere le ingiustizie legate alla questione del modem libero ha aderito all’alleanza Modem libero, della quale fanno parte anche AIRES, Assoprovider, VTKE, AllnetItalia, Aiip, e Movimento Difesa del Cittadino.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

57 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
francesco.ascione17 Aprile 2019, 16:58 #1
Buonasera... il problema è che altroconsumo dovrebbe anche sottolineare l'aspetto fondamentale della vicenda, cioè il perchè i rivenditori adottano queste politiche di vendita che all'utente comune possono sembrare scorrette.

Per quella che è la mia esperienza vi posso dare delle spiegazioni. Io ho un negozio di telefonia e sono rivenditore di 3 dei 6 nomi elencati, non li specifico per correttezza. Di questi, 2 mi OBBLIGANO a dare al cliente il modem in comodato d'uso, pena la non percezione di nessun tipo di compenso. In parole povere, significa che se io attivo una linea fissa ad un cliente e quest'ultimo mi dice "no, il modem non lo voglio" io avrò perso mezz'ora per inserire il contratto ed il gestore mi darà 0€. Noi ci facciamo un "cuore" così per cercare di portarci a casa un abbonamento di un fisso che ci da qualcosa ma non pensate che ci paghino 1000€. Capirete bene che ovviamente, sia io che qualsiasi rivenditore, è portato per forza a dire cose inventate o cose astruse pur di inserire il modem all'interno del contratto.

Quindi Altroconsumo, invece di additare i rivenditori come scorretti e poco chiari, dovrebbe portare alla luce questi fatti e far presente ad AGCOM la cosa. Quest'ultima poi dovrebbe termine quello che ha cominciato con il modem libero:

1- OBBLIGARE al 100% i gestori a fornire i parametri di configurazione per un modem generico (Vodafone li da a metà, che io sappia anche Fastweb e non so chi altri).
2- OBBLIGARE i gestori a dare il medesimo compenso ad un rivenditore che attivi un abbonamento fisso, che sia presente o meno il modem in comodato.

Se i gestori ci dicessero: guarda noi ti paghiamo X sia con il modem che senza il modem noi non diremmo nessuna frottola a nessuno ed il cliente, solo in questo caso, sarebbe davvero libero di scegliere.
radeon_snorky17 Aprile 2019, 17:04 #2
ho fatto un nuovo contratto tim un mese prima della delibera "modem libero" per 4 anni sarò schiavo di un catorcio
recedere per riattivare una nuova offerta mi sembra che non convenga, o sbaglio?
ftth a 33 e rotti €
nickname8817 Aprile 2019, 17:06 #3
A me continuano a non comunicare le credenziali per autenticarsi su altro modem, nè per la rete nè per il VOIP.
elgabro.17 Aprile 2019, 17:35 #4
Ridicoli, il modem che raggiungono il giga sono costosissimi? è l'esatto contrario, basta un normalissimo router con la gigabit da collegare all'ont, ecco un esempio: https://www.amazon.it/TP-Link-Gigab...way&sr=8-19
Baio7317 Aprile 2019, 17:48 #5
Originariamente inviato da: francesco.ascione
Buonasera... il problema è che altroconsumo dovrebbe anche sottolineare l'aspetto fondamentale della vicenda, cioè il perchè i rivenditori adottano queste politiche di vendita che all'utente comune possono sembrare scorrette.

Per quella che è la mia esperienza vi posso dare delle spiegazioni. Io ho un negozio di telefonia e sono rivenditore di 3 dei 6 nomi elencati, non li specifico per correttezza. Di questi, 2 mi OBBLIGANO a dare al cliente il modem in comodato d'uso, pena la non percezione di nessun tipo di compenso. In parole povere, significa che se io attivo una linea fissa ad un cliente e quest'ultimo mi dice "no, il modem non lo voglio" io avrò perso mezz'ora per inserire il contratto ed il gestore mi darà 0€. Noi ci facciamo un "cuore" così per cercare di portarci a casa un abbonamento di un fisso che ci da qualcosa ma non pensate che ci paghino 1000€. Capirete bene che ovviamente, sia io che qualsiasi rivenditore, è portato per forza a dire cose inventate o cose astruse pur di inserire il modem all'interno del contratto.

Quindi Altroconsumo, invece di additare i rivenditori come scorretti e poco chiari, dovrebbe portare alla luce questi fatti e far presente ad AGCOM la cosa. Quest'ultima poi dovrebbe termine quello che ha cominciato con il modem libero:

1- OBBLIGARE al 100% i gestori a fornire i parametri di configurazione per un modem generico (Vodafone li da a metà, che io sappia anche Fastweb e non so chi altri).
2- OBBLIGARE i gestori a dare il medesimo compenso ad un rivenditore che attivi un abbonamento fisso, che sia presente o meno il modem in comodato.

Se i gestori ci dicessero: guarda noi ti paghiamo X sia con il modem che senza il modem noi non diremmo nessuna frottola a nessuno ed il cliente, solo in questo caso, sarebbe davvero libero di scegliere.


Senza offesa ma trovo questo tuo post piuttosto allucinante.
Stringendo molto il succo stai dicendo che, siccome fra te e certi operatori c’è un contratto per te non conveniente, allora io utente finale me lo devo prendere in quel posto.
Mi permetto di dissentire.

Baio
giovanni6917 Aprile 2019, 18:17 #6
Concordo, Baio.
E si ritorna sempre in quel discorso: al consumatore viene sempre proposto ciò che conviene al rivenditore, che tra l'altro per voce di francesco.ascione (iscrittosi proprio per dire la sua in data odierna) racconta candidamente pure "frottole" per giustificare il suo interesse economico a raccontarle .

Tuttavia concordo sul fatto che l'AGCOM non tiene conto di queste distorsioni tra gestori e rivenditori quando dovrebbe invece affrontarle seriamente.

Cioè che è una questione tra gestori e rivenditori dovrebbe essere affrontata nella opportune sedi e non farla ricadere in modo pretestuosi sul consumatore, violando la trasparenza delle informazioni trasmessegli.
Originariamente inviato da: Baio73
allora io utente finale me lo devo prendere in quel posto.


In Italia se il consumatore non conosce il propri diritti, difficilmente può contare sul fatto che la controparte si comporti eticamente in modo onesto. La correttezza commerciale è un optional.

E ne abbiamo appena letto una testimonianza.

Al contrario, [U]per responsabilizzare il negoziante[/U], il consumatore dovrebbe poter firmare un contratto in cui afferma in modo espresso che gli è stato offerta una soluzione "con" e "senza" il modem. E questa cosa dovrebbe essere scritta a caratteri leggibili, separatamente da tutto il resto (anche se ovviamente parte integrante del contratto), in modo semplice chiaro ed immediato. Ed il cliente sarebbe tenuto a spuntare con due crocette separate (come minimo) entrambe, [U]in quanto doveroso per il negoziante di averle presentate entrambe[/U]. A quel punto se il consumatore non si rendesse conto di ciò che sta spuntando, perchè non legge, sarebbe altra questione. Ed il negoziante non avrebbe alcuna colpa ( a meno di moduli pre-compilati furbescamente in automatico per travisare la volontà del consumatore).
thresher325317 Aprile 2019, 18:46 #7
Originariamente inviato da: francesco.ascione
Buonasera... il problema è che altroconsumo dovrebbe anche sottolineare l'aspetto fondamentale della vicenda, cioè il perchè i rivenditori adottano queste politiche di vendita che all'utente comune possono sembrare scorrette.

Per quella che è la mia esperienza vi posso dare delle spiegazioni. Io ho un negozio di telefonia e sono rivenditore di 3 dei 6 nomi elencati, non li specifico per correttezza. Di questi, 2 mi OBBLIGANO a dare al cliente il modem in comodato d'uso, pena la non percezione di nessun tipo di compenso. In parole povere, significa che se io attivo una linea fissa ad un cliente e quest'ultimo mi dice "no, il modem non lo voglio" io avrò perso mezz'ora per inserire il contratto ed il gestore mi darà 0€. Noi ci facciamo un "cuore" così per cercare di portarci a casa un abbonamento di un fisso che ci da qualcosa ma non pensate che ci paghino 1000€. Capirete bene che ovviamente, sia io che qualsiasi rivenditore, è portato per forza a dire cose inventate o cose astruse pur di inserire il modem all'interno del contratto.

Quindi Altroconsumo, invece di additare i rivenditori come scorretti e poco chiari, dovrebbe portare alla luce questi fatti e far presente ad AGCOM la cosa. Quest'ultima poi dovrebbe termine quello che ha cominciato con il modem libero:

1- OBBLIGARE al 100% i gestori a fornire i parametri di configurazione per un modem generico (Vodafone li da a metà, che io sappia anche Fastweb e non so chi altri).
2- OBBLIGARE i gestori a dare il medesimo compenso ad un rivenditore che attivi un abbonamento fisso, che sia presente o meno il modem in comodato.

Se i gestori ci dicessero: guarda noi ti paghiamo X sia con il modem che senza il modem noi non diremmo nessuna frottola a nessuno ed il cliente, solo in questo caso, sarebbe davvero libero di scegliere.

Perdonami, ma se non deve essere un tuo problema deve diventare mio? Non dovrebbe essere proprio di tuo interesse cercare di contattare AGCOM e qualche associazione di esercenti per tentare di fare presente il problema?
Cloud7617 Aprile 2019, 20:03 #8
Originariamente inviato da: francesco.ascione
CUT


Oltre a quello che ti è stato già risposto aggiungerei che ovviamente TU che sei il diretto interessato e ne hai le prove hai denunciato questo comportamento vero?
Anche perchè ti stanno obbligando a commettere un illecito e se TU lo fai poi sei TU a pagarne le conseguenze.
Piedone111317 Aprile 2019, 20:44 #9
Originariamente inviato da: Cloud76
Oltre a quello che ti è stato già risposto aggiungerei che ovviamente TU che sei il diretto interessato e ne hai le prove hai denunciato questo comportamento vero?
Anche perchè ti stanno obbligando a commettere un illecito e se TU lo fai poi sei TU a pagarne le conseguenze.


Loro non ti obbligano affatto ad un illecito, è il negoziante che lo fa.
Il problema che il grosso mangia ed il piccolo a volte trova le briciole.
francesco.ascione17 Aprile 2019, 20:49 #10
Mi sono iscritto apposta per commentare la notizia proprio perché noi rivenditori siamo sempre visti da voi utenti finali come i cattivi della situazione, quelli che raccontano stronzate... Noi facciamo solo quello per cui abbiamo investito denaro in un'attività commerciale, cioé il guadagnare qualcosa. Non devo essere io a contattare tizio o caio, c'é agcom e organi predisposti per questo. Voi chiedetevi perché, nonostante esista una legge, questa non venga applicata fino in fondo. Forse solo con tim e pochi altri c'é la possibilità di avere realmente un modem generico, con gli altri siete comunque ancora vincolati per quello che riguarda il voip. E questo chi lo deve controllare? Di certo non io...

Per quanto riguarda la questione economica, come detto sopra, secondo voi un negozio che dovrebbe fare? Combattiamo tutti i giorni per guadagnare qualcosa, non vogliamo metterlo in quel posto a nessuno come molti di voi credono... Purtroppo mi rendo conto che però voi ci vedete sempre come i nemici. Semplicemente siamo "costretti", non detto esplicitamente, a comportarci così. Paghiamo oltre il 50% in tasse di quello che guadagniamo...e sono convinto che molti di voi nemmeno a questo credono. Ditemi voi se possiamo anche lavorare per niente...


Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^