Marshmallow è installato nel 10,1% dei dispositivi Android. Dati giugno

Marshmallow è installato nel 10,1% dei dispositivi Android. Dati giugno

Google pubblica le statistiche ufficiali sulla diffusione del sistema operativo Android, suddivise in base alla versione. I dati aggiornati al mese di giugno si caratterizza

di pubblicata il , alle 09:31 nel canale Telefonia
Android
 

Google ha recentemente fornito un nuovo aggiornamento ufficiale sulla diffusione del sistema operativo Android, indicando la percentuale raggiunta dalle singole release dell'OS. I dati aggiornati al 6 giugno scorso sono caratterizzati dalla crescente diffusione della più recente versione (stabile) del sistema operativo mobile di Google. Android 6.0 Marshmallow è riuscito a superare la barriera del 10% (10,1% per l'esattezza) registrando un incremento del +2,6% rispetto allo share rilevato all'inizio di maggio (ved. precedente news). Il dato è positivo, anche se non si può certamente parlare di una crescita a ritmi travolgenti, né di una percentuale in grado di contenere il fenomeno della frammentazione che resta una costante dell'ecosistema della casa di Mountain View. 

Android

Dati  raccolti in un periodo di sette giorni terminato il 6 giugno 2016 (fonte: Google)

L'aumento della base installata di dispositivi Android Marshmallow è in buona determinata dai nuovi dispositivi che arrivano sul mercato tale versione dell'OS preinstallata. Se si esamina, infatti, la percentuale complessiva detenuta da Lollipop (Android 5.0 + Android 5.1) si può notare che la variazione rispetto al precedente aggiornamento è minima: 35,4% a giugno, 35,6% a maggio. Ciò significa che la crescita di Android Marshmallow è stata determinata solo in minima parte dall'aggiornamento dei terminali basati sulla precedente versione Lollipop. 

Lollipop continua a porsi come la versione del sistema operativo Android più diffusa, detenendo oltre un terzo dell'intera base installata. Poco distante si trova Android 4.4 KitKat con il 31,6 % di share, una percentuale in lieve calo rispetto a quella registrata all'inizio di maggio, pari a 32,5%. Scende sotto il 20% lo share riconducibile alla complessiva  base installata di dispositivi JellyBean, formata quindi da tutti i dispositivi Android 4.1.x, 4.2.x e 4.3, che rappresentano, al momento, il 18,9% dei device Android (20,1% nell'aggiornamento fornito all'inizio di maggio).

I dispositivi Android più datati basati su JellyBean vengono quindi utilizzati meno e sostituiti da terminali più recenti, anche se fa riflettere il dato della tuttora rilevante presenza di tali device nelle statistiche di Google, soprattutto se si confronta il dato con quello di Android Marshmallow. Tale versione dell'OS è stata introdotta nell'autunno del 2015, ma, come detto, solo nel mese da poco iniziato è riuscita a superare il limite del 10%. Chiudono in quadro le versioni ancor più risalenti, ma ancora in grado di lasciare tracce nelle statistiche: Ice Cream Sandwich è all'1,9% (2% all'inizio di maggio), Gingerbread al 2% (2,2% a maggio), Froyo allo 0,1% (stessa percentuale all'inizio di maggio). 

Nelle statistiche di Google non si fa menzione di Android N, la più recente versione del sistema operativo che si trova al momento in fase di sviluppo in vista dell'esordio fissato per l'autunno. Come chiarito da Google, vengono riportate esclusivamente le versioni che superano la percentuale dello 0,1% dell'intera base installata ed Android N, al momento, viene utilizzata dal ristretto gruppo di sviluppatori ed utenti interessati a provare in anteprima la nuova release. 

android market share

Dati  raccolti in un periodo di sette giorni terminato il 6 giugno 2016 (fonte: Google)

Come di consueto, le statistiche ufficiali contengono alcuni dati relativi agli schermi utilizzati dai terminali tracciati mensilmente da Google. I dispositivi con schermi xhdpi, ovvero quelli con una densità di pixel di circa 320 ppi continuano a crescere seppur lentamente (26,8% a giugno, 26,1% a maggio), mentre i device con schermi hdpi (~240dpi) sono quelli tuttora più diffusi con uno share stabile pari al 41,9% dell'intera base installata. La fisiologica sostituzione dei dispositivi più datati con altri più recenti determina, parallelamente, un riduzione dei terminali con schermi ldpi( ~120dpi) e mdpi (~160dpi)

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

11 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Ginopilot08 Giugno 2016, 09:41 #1
Situazione disastrosa, tenuto anche conto dei numerosi dispositivi aggiornati a mm e che hanno problemi. Praticamente la percentuale di adozione delle nuove release e' quasi esclusivamente dovuta all'acquisto di nuovi terminali con quella versione nativa.
Apix_102408 Giugno 2016, 09:52 #2
Originariamente inviato da: Ginopilot
Situazione disastrosa, tenuto anche conto dei numerosi dispositivi aggiornati a mm e che hanno problemi. Praticamente la percentuale di adozione delle nuove release e' quasi esclusivamente dovuta all'acquisto di nuovi terminali con quella versione nativa.


quoto. Google è pronta con i prossimi nexus con android N e si ha solo il 10% di M? deprimente!
nickmot08 Giugno 2016, 10:34 #3
Originariamente inviato da: Ginopilot
Situazione disastrosa, tenuto anche conto dei numerosi dispositivi aggiornati a mm e che hanno problemi. Praticamente la percentuale di adozione delle nuove release e' quasi esclusivamente dovuta all'acquisto di nuovi terminali con quella versione nativa.


Senza contare che ancora fanno uscire terminali con Lollipop.
Già non li aggiornano, se poi non mettono l'ultim aversione nemmeno su quelli nuovi il disastro è assicurato.
Maddog197608 Giugno 2016, 11:48 #4
Provate a farvi un giretto e scoprirete che ci sono ancora in vendita terminali con KitKat...
Pier220408 Giugno 2016, 11:54 #5
Si ma alla fine si scopre che Android aumenta anno per anno la quota globale del mercato, windows Phone è a un bivio ma anche iOs si vede le quote erodere anno per anno come si evince nel grafico.

Link ad immagine (click per visualizzarla)


Come si spiega sta cosa?
Il Picchio08 Giugno 2016, 12:04 #6
Che la gente non sa quello che compra: legge android ed è contenta, legge Windows e dice "che schifo" a prescindere, legge iphone e dice "che schifo meglio android (senza sapere neanche cosa sta dicendo), Costa troppo". Se aggiungi che molti non comprando Apple a prescindere o che non si vogliono sobbarcare la spesa, la perdita di mercato di ios è più che giustificata

Ciò non significa che la situazione di Android non sia scandalosa,Google lo sa benissimo e sta cercando di attivarsi per evitare questa situazione
Mparlav08 Giugno 2016, 13:28 #7
La gente sa' bene cosa compra e soprattutto ne apprezza l'offerta quanto mai variegata.
Questa è da sempre la forza di Android, che piaccia o meno, è così.

Anche Windows Mobile/Phone avrebbe potuto avere questa forza, ma hanno preferito buttare tutto all'aria, volendo imitare Apple come produttore sw/hw, e creando competizione ai pochi partner che in breve tempo l'hanno abbandonata.
I prodotti Nexus invece, non sono mai stati visti come una minaccia, perchè di volta in volta ne è stata offerta la produzione a partner diversi.
Certo hanno rischiato grosso, quando Google a suo tempo comprò Motorola.
Il Picchio08 Giugno 2016, 13:36 #8
La frammentazione software è tutto tranne che un punto di forza. La personalizzazione, che sia degli oem o dell'utente, è un punto di forza, la frammentazione no. Avere 1000 Android in circolazione con l'ultima versione ferma al 10% e con la nuova in uscita, con oem che vendono Android vecchi NON è un vantaggio. Che la gente compri a caso lo dimostra il fatto che non si sappia distinguere l'ultima release ed evitare i prodotti che nascono e muoiono con un Android specifico e per di più vecchio (es un sacco di cinesoni che vendono oggi con Android 5.0 o peggio 4.4) Ma anche un certo numero di prodotti samsung.
Rom custom e modding di utenti esperti è un discorso a parte.

Che Google pensi che la frammentazione è una brutta cosa lo dimostri l'idea di fare una blacklist per i produttori che non aggiornano.
GTKM08 Giugno 2016, 13:41 #9
Veramente, il punto è che agli utenti non frega una beneamata ceppa la versione.
"Ha Android?"
"Sì"
"Lo compro"

Il resto è fuffa.
Il Picchio08 Giugno 2016, 13:45 #10
Si è quello che intendevo

Aggiungerei anche un "guardi vuole provare questo telefono lg invece di quel samsung? È migliore"
"No lg fa schifo"
Trasporre per tutti i produttori e tutti gli os che non siano A (oem preferito) o B (apple), sostituire B con "Costa troppo, meglio android) se A=/=B

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^