LTE e HSPA+ nel futuro della telefonia mobile

LTE e HSPA+ nel futuro della telefonia mobile

Uno dei temi caldi del Mobile World Congress è stato sicuramente quello del futuro delle reti cellulari e dello sviluppo della banda larga mobile, si parla di HSPA+ e LTE

di Roberto Colombo pubblicata il , alle 11:42 nel canale Telefonia
 

Uno dei temi caldi del Mobile World Congress è stato sicuramente quello del futuro delle reti cellulari e dello sviluppo della banda larga mobile. Da una parte si è parlato dello sviluppo delle tecnologie 3G attualmente in uso, dall'altra si è gettato lo sguardo qualche anno avanti alle tecnologie LTE. Per queste ultime si parla di un arrivo sul mercato non prima del 2010/2011, anche per la necessità di realizzare una nuova rete, non potendo sfruttare l'attuale copertura della rete UMTS.

Forse più interessanti, per la loro ricaduta sul mercato a più breve termine, gli sviluppi delle connessioni 3G e 3,5G attualmente in uso. Una delle parole chiave è stata certamente 'femtocelle'. La banda UMTS/HSDPA ha infatti qualche problema a penetrare all'interno degli edifici, non garantendo così una buona copertura nelle parti più interne di essi.

Una delle soluzioni proposte dalla tecnologia per evitare questo inconveniente è l'installazione all'interno degli edifici di femtocelle, in grado di garantire copertura con potenze ridotte. Come riporta SlashPhone sono molti gli attori al lavoro su questo tipo di tencologia, tra cui Vodafone.

Lo stesso operatore sta collaborando poi con Ericsson, Huawei e Qualcomm ai test preliminari della tecnologia HSPA+, definita anche HSPA Evolution, che dovrebbe gestire i dati in maniera più efficiente delle attuali tecnologie HSPA, con larghezze di banda in grado di ragigungere il valore di 28.8 Mbps.

La tecnologia si basa sull'uso di antenne multiple, sia sulle stazioni di trasmissione, sia sugli apparecchi portatile seguendo il principio MIMO (Multiple Input Multiple Output), e su un nuovo tipo di modulazione, chiamato 64-QAM HSDPA.

Queste nuove tencologie, per essere sfruttate, necessiteranno di tutta una nuova serie di apparecchi in linea con gli standard 3GPP Release7. Staremo a vedere se queste nuove tecnologie fungeranno da traghetto verso quelle LTE o se ne saranno le dirette concorrenti.

In ogni caso queste tecnologie dovranno confrontarsi anche con quelle WiMax, attualmente in fase di espansione e di grande sviluppo in molti paesi, che promettono di portare a breve la banda larga sui dispositivi portatili.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

25 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
appleroof25 Febbraio 2008, 11:50 #1
Vedo solo confusione e un sovrapporsi di reti, perchè cavolo non convergono su una sola tecnologia affidabile e funzionale? Inoltre, con tutte queste antenne, come la mettiamo con l'inquinamento elettromagnetico e le sue conseguenze?

mah....
syfer25 Febbraio 2008, 12:26 #2
quoto
tazok25 Febbraio 2008, 12:26 #3
Non capisco perchè ci ostiniamo con hsdpa quando ci sono tecnologie(come il WiBro) che sono chiaramente migliori...
gneeck25 Febbraio 2008, 12:46 #4
ne rimmarrà soltanto uno!
D3stroyer25 Febbraio 2008, 12:50 #5
tra 20 anni moriremo tutti di cancro al cervello dato dalla fusione anomala tra onde radio a varie frequenze. Altri umani otterranno la capacità di riprodurre flussi audio via aere senza un ricevitore esterno al corpo...almeno lo spero.
PeK25 Febbraio 2008, 13:07 #6
Originariamente inviato da: appleroof
Vedo solo confusione e un sovrapporsi di reti, perchè cavolo non convergono su una sola tecnologia affidabile e funzionale? Inoltre, con tutte queste antenne, come la mettiamo con l'inquinamento elettromagnetico e le sue conseguenze?

mah....


Originariamente inviato da: tazok
Non capisco perchè ci ostiniamo con hsdpa quando ci sono tecnologie(come il WiBro) che sono chiaramente migliori...


perché altrimenti non potrebbero imporre uno standard sviluppato in casa (e quindi chiedere i diritti a chi vuole essere compatibile) o peggio pagare royalties ad altre aziende.
fpg_8725 Febbraio 2008, 13:39 #7
quoto PeK.
il grosso vantaggio del WiiMax è che è free, o almeno dovrebbe esserlo...
gli altri standard sn proprietari, e ci guadagnano 2 volte, prima per ogni cellulare venduto, l'altro e da parte degli operatori....
ma tanto è l'utente a pagare...
grrr...
umbyb25 Febbraio 2008, 14:51 #8

no no

Secondo me WiMAX soppianterà tutto fisso e mobile , perchè tutto questo non avrà più motivo di esistere.

lo sa bene Telecom che stà cercando di accaparrarsi le licenze a qualsiasi costo!!
imayoda25 Febbraio 2008, 14:53 #9

imayoda

Spero che comincino a distruggere le vecchie categorie gsm.. ormai siamo esposti alle radiazioni in ogni frequenza.. i vecchi standard non hanno ragione di esistere se diffonodono tutti questi standard nuovi.
Dreadnought25 Febbraio 2008, 14:55 #10
A parte che si dice wimax, perchè un eventuale WiiMax potrebbe essere una futura console nitendo, il wimax si sta rivelando una ciofeca in italia, in quanto non raggiunge i range che erano stati teorizzati all'inizio.

Poi è tutto fuorchè free: ci sono licenze da pagare: da poco wind e altri hanno lasciato le aste per le concessioni governative, senza contare tutto il problema dell'infrastruttura da installare.

HDSPA+ così come le prossime evoluzioni del GPRS su rete GSM hanno già le concessioni e le infrastrutture pagate, quindi sono ad un prezzo ben più basso.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^