LiteOS, un intero sistema operativo in 10kB per l'internet delle cose

LiteOS, un intero sistema operativo in 10kB per l'internet delle cose

Huawei ha annunciato un sistema operativo nello spazio di 10kB. Grazie a questa caratteristica può essere integrato sostanzialmente ovunque, nei settori di wearable, automotive passando naturalmente per l'internet delle cose

di Nino Grasso pubblicata il , alle 16:01 nel canale Telefonia
Huawei
 

LiteOS è il sistema operativo di Huawei pensato per il mondo dei dispositivi più piccoli. La sua peculiarità è data dalle dimensioni infinitesimali che occupa sulla memoria del dispositivo, solo 10kB. Non richiede alcuna configurazione da parte dell'utente e può essere funzionale sia sui piccoli oggetti della "internet of the things", così come su wearable e nel mondo dell'automotive.

È il software operativo più leggero della sua categoria e, secondo i cinesi, andrà ad inserirsi in un settore in cui entro dieci anni verranno prodotti 2 milioni di dispositivi ogni ora, e che disporrà di 100 miliardi di dispositivi tutti connessi fra di loro. Huawei vuole entrare nel settore offrendo le "connessioni, e non i dispositivi stessi", con un software "zero configuration, auto-discovery, and auto-networking".

LiteOS farà parte della piattaforma AgileIoT, standard aperto che consentirà a tutti gli sviluppatori di semplificare il processo di sviluppo di piccoli dispositivi smart. Non è chiaro dal comunicato rilasciato dalla società se il sistema operativo sarà anche open-source, o se gli sviluppatori potranno semplicemente integrarlo implementando le proprie funzionalità specifiche per la destinazione d'uso.

Quella della internet delle cose si configura come un'invasione quasi silente, attraverso la quale saremo attorniati a breve da prodotti d'uso comune connessi ad internet. Frigoriferi, cucine, lavatrici, ma anche cancelli, saracinesche, spazzolini elettrici o le comuni lampadine, saranno (in molti casi lo sono già) tutti prodotti gestibili tramite internet, ed è chiaro che servono piattaforme trasparenti con cui è possibile creare un'interfaccia con l'utente.

Sarà un'invasione di cui probabilmente nemmeno ci accorgeremo, ed è evidente che tutti i nomi principali del mercato ne hanno già adocchiato la portata. La partecipazione di Huawei ne è solo un ultimo esempio, con Google ed Apple che hanno già anticipato alcune novità in ambito domotica, e non solo.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

32 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
nickluck28 Maggio 2015, 16:18 #1
Incredibile, lo spyware piú piccolo di sempre!
Max_R28 Maggio 2015, 16:28 #2
La traduzione "internet delle cose" è terrificante
GTKM28 Maggio 2015, 16:28 #3
Originariamente inviato da: nickluck
Incredibile, lo spyware piú piccolo di sempre!


bongo7428 Maggio 2015, 16:36 #4
bene bene.
pero' c'è l'esigenza di connettere il frigo al web?

così quando mangio la porchetta mi moglie lo sa!
GTKM28 Maggio 2015, 16:39 #5
Originariamente inviato da: bongo74
bene bene.
pero' c'è l'esigenza di connettere il frigo al web?

così quando mangio la porchetta mi moglie lo sa!


A quanto pare, per qualcuno diventerà una cosa necessaria. Frigo, microonde, cucine (?)... A quando il letto smart?
Dinofly28 Maggio 2015, 16:48 #6
Originariamente inviato da: bongo74
bene bene.
pero' c'è l'esigenza di connettere il frigo al web?

così quando mangio la porchetta mi moglie lo sa!


L'esigenza non esiste.
L'umanità è sopravvissuta per secoli senza smartphone e senza acqua corrente se è per questo.
La comodità potrà esserci sicuramente, dalla spesa automatizzata, al controllo sulla scadenza degli alimenti presenti all'interno, al consigliarti un pranzo con tot. valori nutrizionali con quanto hai nel frigo, etc etc
WarSide28 Maggio 2015, 17:46 #7
Originariamente inviato da: GTKM
A quanto pare, per qualcuno diventerà una cosa necessaria. Frigo, microonde, cucine (?)... A quando il letto smart?


C'è già, l'idea è di una startup italiana che sta facendo bene: http://lunasleep.com/
bongo7428 Maggio 2015, 18:11 #8
Originariamente inviato da: Dinofly
L'esigenza non esiste.
L'umanità è sopravvissuta per secoli senza smartphone

Lo dici a me, io uso il nokia 1210 come telefono unico!
antani_28 Maggio 2015, 18:14 #9
Vabbè il vecchio Commodore Vic 20 con i suoi 3 Kb di memoria faceva di meglio .
Luposardo28 Maggio 2015, 18:34 #10
10 kB backdoor compresa?? strabiliante!

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^