Liguria: Wi-Fi gratis con password unica entro un anno (in luoghi pubblici)

Liguria: Wi-Fi gratis con password unica entro un anno (in luoghi pubblici)

Pensato per incentivare il turismo ma non solo, il progetto per unificare l'accesso alla rete Wi-Fi nella regione Liguria potrebbe dare il buon esempio anche ad altre regioni italiane

di pubblicata il , alle 08:01 nel canale Telefonia
 

Sarà capitato a tutti gli appassionati di tecnologia, lontani da casa e dalle proprie reti con cui si è soliti connettersi, di cercare un hot spot gratuito, non sempre con successo. Se in Asia il problema è tutto sommato limitato, vista l'abbondanza di punti di accesso gratuiti, le cose si complicano nel mondo Occidentale.

In Italia una normativa molto restrittiva ha di fatto limitato la diffusione di reti pubbliche , mentre nei tanto osannati Stati Uniti le cose non vanno poi meglio: quando si trovano hot spot al 90% sono a pagamento, e anche le catene che offrivano servizi gratuiti hanno in parte fatto marcia indietro (un caso su tutti, Starbuck's), limitando il tempo di connessione o facendo pagare una piccola somma.

Qualcosa però si muove anche in Italia e più precisamente nella regione Liguria: come si può notare sul sito della regione, un progetto da ben 470 mila euro porterà, entro la fine del 2014, alla creazione di una rete Wi-Fi molto diffusa alla quale si potrà accedere gratuitamente e con una sola password, il che vuol dire essere sempre connessi una volta che si finirà sotto la copertura di questa rete, a prescindere da dove ci si troverà.

Pensata per essere installata in ospedali, aeroporti, servizi di ristoro autostradali, più un bel numero di hot spot nelle principali città e centri di interesse, la rete è di fatto un richiamo in più per i turisti, che potrebbero trovarsi con questa bella sorpresa dove meno se la aspettano, visti i trascorsi del nostro Paese in questo ambito. Il progetto è già un successo annunciato, che potrebbe dare l'esempio ad altre regioni in un futuro non troppo lontano. 

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

18 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Cappej12 Novembre 2013, 08:06 #1
Bravi!
ma.. le compagnie telefoniche? lo permetteranno?
molochgrifone12 Novembre 2013, 08:35 #2
Da buon Ligure, finché non vedo non credo
Comunque il nostro territorio è particolarmente rognoso per le comunicazioni, certo che fosse anche solo disponibile sulle zone costiere e nelle città più grandi sarebbe già un ottimo passo avanti
alexdal12 Novembre 2013, 09:12 #3
Starbuck non ha fatto marcia indietro ha solo cambiato la societa' di fornitura da Google a At/t
http://www.starbucks.com/coffeehouse/wireless-internet

approfondite invece di scrivere cose a caso.
alexdal12 Novembre 2013, 09:16 #4
McDonalds lo offre a oltre 11mila ristoranti sempre con at/t

http://www.mcdonalds.com/us/en/services/free_wifi.html

ecc
tribal.8712 Novembre 2013, 09:50 #5
Originariamente inviato da: alexdal
Starbuck non ha fatto marcia indietro ha solo cambiato la societa' di fornitura da Google a At/t
http://www.starbucks.com/coffeehouse/wireless-internet

approfondite invece di scrivere cose a caso.


Non vorrei dire ma....veramente c'è scritto il contrario! Sono passati a Google "per dare una connessione sempre più veloce". Mentre effettuano il passaggio, la continuità di servizio è garantita dal loro attuale provider (la at&t)
franzing12 Novembre 2013, 10:04 #6
Positivo, comunque voglio vedere ad agosto in centro ad alassio quanti bit all'ora si riescono a scaricare con 5000 persone attacate
giuliop12 Novembre 2013, 11:08 #7
Che senso ha la password se l'accesso è libero?

Originariamente inviato da: alexdal
Starbuck non ha fatto marcia indietro ha solo cambiato la societa' di fornitura da Google a At/t
http://www.starbucks.com/coffeehouse/wireless-internet

approfondite invece di scrivere cose a caso.


Ormai è diventata un'abitudine, quando non si mettono sotto titoli sensazionalistici le cose si inventano. Ormai siamo ai livelli di Novella 2000, ma sembra che non importi a nessuno...

P.S. Non avevo visto il nome dell'autore. Non trattandosi di nessuno dei due che sono soliti fare queste cose, posso pensare che si tratti di un "honest mistake"; resta comunque valida la considerazione sul livello sempre più basso di HWUpgrade.
giuliop12 Novembre 2013, 11:15 #8
Originariamente inviato da: tribal.87
Non vorrei dire ma....veramente c'è scritto il contrario! Sono passati a Google "per dare una connessione sempre più veloce". Mentre effettuano il passaggio, la continuità di servizio è garantita dal loro attuale provider (la at&t)


Sì, evidentemente l'utente ha invertito i provider, ma il punto è che l'"articolo" sosteneva che fosse a pagamento per dimostrare la sua tesi infondata e casuale.
calabar12 Novembre 2013, 11:22 #9
@giuliop
La password consente di identificare l'utente connesso ed evitare abusi.
Inoltre permette di rilasciare l'accesso solo a chi si vuole.
recoil12 Novembre 2013, 11:23 #10
ben venga nei luoghi pubblici, magari con una separazione tra siti navigabili sempre gratis full speed (siti istituzionali, info per turisti) e accesso completo a pagamento, oppure gratuito ma con delle limitazioni (dopo un tot scatta limitazione di banda) come le abbiamo a Milano se va a finire che qualcuno ne abusa o passa la giornata a intasarlo per guardare video o facebook

se rimane ben delimitato non fa concorrenza pubblica ai privati e non penso sia immaginabile una buona copertura in tempi brevi perché finché devi coprire una piazza, un parco giochi o una biblioteca è facile ma se vuoi raggiungere l'intera popolazione l'esborso diventa insostenibile

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^