La sorpresa del MWC 2016 viene dalla Cina: Xiaomi Mi 5 presentato ufficialmente

La sorpresa del MWC 2016 viene dalla Cina: Xiaomi Mi 5 presentato ufficialmente

Xiaomi Mi5 è uno dei dispositivi più promettenti del Mobile World Congress 2016. A presentarlo alla platea internazionale in terra catalana è l'ex di Google Hugo Barra

di pubblicata il , alle 09:32 nel canale Telefonia
Xiaomi
 

Dopo una rapida carrellata delle novità di Xiaomi degli ultimi mesi, Hugo Barra, il popolare ex di Google, ha tolto i veli da uno dei dispositivi più attesi della fiera barcellonese. Al Mobile World Congress 2016 viene lanciato Xiaomi Mi 5, la proposta al top della gamma di una delle compagnie cinesi più preoccupanti per i produttori più blasonati che basano il proprio business sui mercati occidentali. Al cuore dello smartphone il sistema operativo MIUI, basato su Android ma personalizzato massicciamente da Xiaomi.

Xiaomi Mi5, Hugo Barra
Hugo Barra presenta Xiaomi Mi 5 a Barcellona

Barra ha orgogliosamente detto sul palco spagnolo che MIUI è stato aggiornato 275 volte, a cadenza settimanale, dal lancio avvenuto 5 anni e mezzo fa, fattore che possiamo considerare invidiabile se pensiamo alle strategie di aggiornamento dei vari colossi del mercato Android.

Xiaomi ha posto tantissima enfasi sulle performance rinnovate del nuovo dispositivo: il suo cuore si fonda sul processore Qualcomm Snapdragon 820, l'ultimo processore in ordine cronologico della compagnia americana, che consente molti vantaggi sul fronte delle prestazioni: Xiaomi parla di prestazioni computazionali sul fronte CPU migliorate del 100% rispetto a Snapdragon 810, e del 40% per la GPU. Xiaomi Mi 5 ha anche una RAM più veloce (3GB nelle versioni da 32 e 64GB di storage, 4GB nella versione Pro da 128GB di storage), LPPDR4, che rispetto alla precedente tecnologia consegna il doppio delle performance. Lo smartphone implementa infine una memoria flash UFS 2.0, più veloce dell'87% rispetto al precedente modello della società.

Il tutto si concretizza in un punteggio elevatissimo su AnTuTu Benchmark, pari ad oltre 142 mila punti, uno dei risultati superiori, se non il superiore, fra quelli fatti registrare sulla suite di benchmarking. Qualcomm ci ha dato la possibilità di accedere ad un dispositivo prototipale con Snapdragon 820 integrato, e abbiamo già effettuato alcuni benchmark. A quanto pare la versione finale del SoC è più veloce rispetto a qualche mese fa, elemento che fa pensare che Qualcomm non abbia riscontrato problemi nella finalizzazione del progetto.

Xiaomi Mi 5

Sin dalle prime immagini rilasciate dalla società Xiaomi Mi 5 appare come un dispositivo molto curato sul piano del design. È il primo dei cinesi con un tasto Home integrato e presenta una evidente curvatura sul retro che ha un'elegante (e costosa in fase di produzione) finitura in ceramica. Sarà proposto in diverse colorazioni, nero, bianco e gold, con frame metallico abbinato alla variante di colore. La curvatura posteriore non è solo un orpello estetico: è collegata al frame metallico senza soluzioni di continuità, rendendo molto più comoda l'impugnatura.

Il dispositivo ha una porta USB Type-C integrata sulla parte inferiore della scocca. Il nuovo tasto Home contiene un sensore per le impronte digitali, che viene quindi collocato nella parte frontale del dispositivo e non sul retro come altri - più scomodi, secondo la società - dispositivi Android. Il sensore non compromette le scelte sul design operate da Xiaomi sul nuovo Mi 5: le cornici sono meno pronunciate sia rispetto ad iPhone 6S che a Galaxy S6 e la fotocamera (altro elemento in cui le scelte di design sono state ponderate attentamente) non sporge sul retro.

Xiaomi Mi 5, sensore biometrico

Xiaomi Mi 5 integra una batteria da ben 3.000 mAh, che riteniamo soddisfacenti in considerazione del pannello da 5,2 pollici integrato. Decisamente più impressionante il dato sul peso del terminale in relazione alle sue dimensioni e alle specifiche della batteria: il nuovo smartphone di Xiaomi pesa solamente 129 grammi. La fotocamera principale utilizza invece un sensore di derivazione Sony (IMX298) da 16 megapixel con obiettivo a sei elementi e stabilizzatore ottico a 4 assi. Il modulo è protetto da una lastra in vetro in cristallo di zaffiro.

Xiaomi Mi 5 specifiche tecniche
OS   MIUI 7 basato su Android 6.0 Marshmallow
Display   LCD IPS 5,15"
Risoluzione   1920x1080 (428PPI)
Processore   Qualcomm Snapdragon 820 @ 1,8GHz (2,15GHz per il Pro)
RAM   3 GB LPDDR3 (4GB LPDDR4 per il Pro)
Storage   32 - 64 GB (128GB per il Pro)
Fotocamere   16 MP f/2.0, PDAF, OIS, flash dual tone, video 4K
4 MP f/2.0, pixel 2µm, video Full HD
Connettività   4G LTE
Dual-SIM dual stand-by (Nano)
Wi-Fi 802.11ac dual-band
Bluetooth 4.2
USB Type-C
Batteria   3.000 Whr
Dimensioni   144,6 x 69,2 x 7,3 mm
Peso   129 g

Il sensore sfrutta un modulo per l'auto-focus a rilevamento di fase, la tecnologia più affidabile che abbiamo già imparato a conoscere sulle fotocamere e reflex stand-alone. Stando a quanto annunciato da Xiaomi il tutto si traduce in foto estremamente gradevoli in ogni condizione di luce e video perfettamente stabilizzati, con un risultato complessivo superiore rispetto a quanto concesso dalle tecnologie utilizzate dai diretti concorrenti di Apple e Samsung. Sarà nostra cura verificare, all'interno di una prova approfondita, quanto gli annunci di lancio di Xiaomi siano affidabili.

Sul fronte dei video Xiaomi Mi 5 permette di registrare fino alla risoluzione 4K. La fotocamera frontale sfrutta un modulo da 4 MP con il singolo pixel grande 2μm e modalità Beautify.

Xiaomi Mi 5, display

Xiaomi ha speso un po' di tempo prima di parlare del display adottato su Xiaomi Mi 5. In questa occasione Barra ci è sembrato estremamente corretto: l'ex di Google ha detto sul palco barcellonese che non esistono dispositivi "truly borderless", ovvero privi di cornici laterali, e nemmeno Xiaomi Mi 5 lo è. Il dispositivo viene considerato con "ultra-thin bezel", con cornici ridotte ai minimi termini, ma non assenti. Il display vanta un'ottima fedeltà cromatica e una luminosità massima di 600 nits, un valore leggermente superiore rispetto ai pannelli della concorrenza. Stando alle specifiche tecniche, il display è da 5,15 pollici a risoluzione 1920x1080 pixel con una densità dei pixel di 428PPI. Il rapporto screen-to-body è invece del 73%.

Xiaomi Mi 5 è compatibile con la tecnologia Quick Charge 3.0 che consente di arrivare all'80-90% di carica solamente in un'ora, partendo dal terminale completamente scarico. Lo smartphone adotta nativamente la nuova MIUI 7 basata sull'ultimo sistema operativo di Google, Android 6.0 Marshmallow.

Xiaomi MI 5, specifiche tecniche

Basandoci su tutte le caratteristiche tecniche annunciate dalla società, Xiaomi Mi 5 è un top di gamma a tutti gli effetti capace di contrastare a testa alta tutte le restanti produzioni della concorrenza: Qualcomm Snapdragon 820 con 4GB di RAM LPPDR4, storage fino a 128GB, memoria flash estremamente veloce, fotocamera apparentemente molto capace e stabilizzata otticamente. Se basandoci sulle specifiche possiamo annoverarlo fra i vari Galaxy S7 e iPhone 6S, su quello del prezzo non c'è confronto.

Xiaomi Mi 5 costerà da 1999, 2299 e 2699 Yuan cinesi rispettivamente per le versioni da 32, 64 e 128GB di storage integrato. Al cambio attuale parliamo di, rispettivamente, circa 279, 319 e 375 euro. La disponibilità è prevista per l'1 marzo in Cina, con i pre-order che sono già attivi nel particolare mercato asiatico. Al momento in cui scriviamo, tuttavia, non sappiamo se lo smartphone verrà lanciato anche negli Stati Uniti o in Europa.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

44 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Portocala24 Febbraio 2016, 09:54 #1
Qualcosa bisognava pur copiare: la parte dietro della batteria sa di Samsung S7

Le prestazioni dichiarate mi sembrano un tantino esagerate, 2 volte superiore all'SD810? +87% memoria flash, vuole dire che il modello utilizzato prima era una schifezza.
Marok24 Febbraio 2016, 10:05 #2
L'ho scritto anche nell'altra news, ma come si fa a non vedere che è il galaxy edge fatto al contrario? Cavolo è veramente identico!!!
Jones D. Daemon24 Febbraio 2016, 10:12 #3
Ho trovato il sostituto per il Mi4
Cloud7624 Febbraio 2016, 10:25 #4
presenta una evidente curvatura sul retro che ha un'elegante (e costosa in fase di produzione) finitura in ceramica.


ceramica? oltre ad essere costosa la ceramica è fragile, non mi piace come scelta.
Mparlav24 Febbraio 2016, 10:36 #5
La ceramica adottata da Xiaomi è a base di Zirconio, simile a quella utilizzata per i coltelli e per le protesi dentarie.
Cloud7624 Febbraio 2016, 10:42 #6
Il materiale lo conosco, è fragile, se prende un colpo (tipo da caduta) il pericolo che si rompa è alto.
Portocala24 Febbraio 2016, 10:50 #7
Originariamente inviato da: Cloud76
Il materiale lo conosco, è fragile, se prende un colpo (tipo da caduta) il pericolo che si rompa è alto.

Sanno che la gente ci metterà la cover in TPU e il vetro temperato
RaZoR9324 Febbraio 2016, 10:55 #8
Molto bello.
Qualcuno sa quando la versione da 5.7" (Mi Note Pro 2?) verrà annunciata?
Mparlav24 Febbraio 2016, 10:55 #9
Originariamente inviato da: Cloud76
Il materiale lo conosco, è fragile, se prende un colpo (tipo da caduta) il pericolo che si rompa è alto.


E' più duro (MOHS 8.5) del Gorilla Glass (6.5) e più vicino al vetro Zaffiro (9), ma è leggermente più "elastico" ed indubbiamente più economico di quest'ultimo.
Non si graffia come l'alluminio o l'acciaio inox, pesa meno ma è trasparente alle onde radio ed ha un aspetto migliore di certi policarbonati adottati da altri produttori.

E' una scelta limitata alla versione da 4GB/128GB, mentre le due versioni più economiche, adottano una qualche lega metallica (vorrei capire quale, visto che le antenne dello smartphone sembrano essere le stesse su tutti e 3 i modelli).
Cloud7624 Febbraio 2016, 10:59 #10
Logico...
lo prendi perchè è "elegante" e poi ci metti la cover guscio meliconi perchè se no si rompe...
Intanto però la ceramica l'hai pagata, un pezzo sicuramente prodotto in CAD/CAM... che se si rompe devi pure pagare caro a ricomprarlo.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^