Il primo smartphone Google è più vicino di quanto pensassimo

Il primo smartphone Google è più vicino di quanto pensassimo

Google si accinge a presentare uno smartphone proprietario, il primo di un nuovo approccio che si avvicina a quello già operato nel settore dei tablet professionali con Pixel C

di Nino Grasso pubblicata il , alle 10:11 nel canale Telefonia
GoogleAndroid
 

Stando a fonti interne dell'industria pare che Google voglia tentare una nuova incursione, ancora più profonda, nel settore degli smartphone. Lo farà con un nuovo modello progettato in tutto e per tutto in proprio: design, produzione e, naturalmente, software saranno curati dalla stessa Google, con un approccio che si discosta sensibilmente da quello operato negli scorsi anni con la famiglia Nexus e che dovrebbe somigliare molto più da vicino a quanto effettuato con Pixel C negli scorsi mesi. A rivelare la news, che al momento non è altro che un'indiscrezione, è il Telegraph.

Google Pixel C
Google Pixel C è il primo dispositivo mobile realizzato interamente da Google

A differenza del brand Nexus, in cui la produzione fisica dei vari dispositivi è delegata a produttori di terze parti (quest'anno abbiamo avuto due modelli diversi prodotti da LG e Huawei), il nuovo dispositivo sarà prodotto internamente. I vantaggi di un approccio di questo tipo sono naturalmente molteplici, con Google che si avvicinerà sempre di più ad Apple come modus operandi all'interno del settore degli smartphone. Potrebbero esserci ulteriori vantaggi anche sul piano della celerità degli aggiornamenti, già rapidissimi sui Nexus.

Su un modello proprietario Google non avrebbe bisogno di ricevere l'approvazione da parte del produttore terzo prima che il download e l'installazione dell'aggiornamento sia applicabile sul dispositivo. Con un maggior controllo sull'hardware, inoltre, Google potrebbe ambire a prestazioni altrimenti irraggiungibili con l'approccio odierno. Avendo pieno controllo di software e hardware Apple, ad esempio, consente di avere un'autonomia molto elevata su iPhone in relazione alle specifiche delle batterie integrate, e Google potrebbe avere gli stessi risultati su un proprio modello personalizzato.

Con uno smartphone proprietario Google potrebbe sfoggiare la visione del colosso delle ricerche in ambito smartphone sul piano hardware, un po' quello che è il senso dei dispositivi della famiglia Nexus in ambito software. Google si è naturalmente rifiutata di commentare sui rumor messi alla luce dal Telegraph, tuttavia la notizia conferma una serie di indiscrezioni trapelate negli scorsi mesi secondo cui Google è da tempo alla ricerca di un maggior controllo all'interno della famiglia Nexus. Il nuovo approccio potrebbe essere tuttavia problematico per certi aspetti.

Entrando direttamente nel settore degli smartphone Google potrebbe dare inizio a una nuova strategia estremamente differente rispetto a quella attuale, che potrebbe alienare i produttori di terze parti che ad oggi sfruttano Android per il successo delle proprie line-up di smartphone. Di contro un nuovo modello proprietario potrebbe dare nuova linfa al brand Nexus che ha un po' perso efficacia nel corso degli ultimi anni. Il CEO di Google, Sundar Pichai, ha comunque più volte specificato che la società non smetterà di supportare i produttori di terze parti. 

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

15 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
LMCH27 Giugno 2016, 11:02 #1
Probabilmente meditano di avere una linea "tutta loro" di riferimento da contrapporre a quelle di Apple e Microsoft in fascia alta.
nickmot27 Giugno 2016, 11:21 #2
Originariamente inviato da: LMCH
Probabilmente meditano di avere una linea "tutta loro" di riferimento da contrapporre a quelle di Apple e Microsoft in fascia alta.


Cosa è cambiato?

Avevano Motorola, ma l'hanno venduta quando Samsung ha fatto la voce grossa, perché oggi una mossa simile non dovrebbe far incavolare i vari produttori?
Il Picchio27 Giugno 2016, 11:54 #3
Che finalmente su un dispositivo Android si abbia cura software anche nel tempo e non solo dopo i primi 15 giorni dall'uscita? Miracolo!
Tedturb027 Giugno 2016, 12:10 #4
Originariamente inviato da: nickmot
Cosa è cambiato?

Avevano Motorola, ma l'hanno venduta quando Samsung ha fatto la voce grossa, perché oggi una mossa simile non dovrebbe far incavolare i vari produttori?


Perche motorola era in rosso, e perche attualmente non c'e' alternativa anche se Samsung facesse la voce grossa, specialmente dopo che M$ ha dichiarato l'uscita dal mobile.
Che si mettono a vendere? Tizen?
nickmot27 Giugno 2016, 12:31 #5
Originariamente inviato da: Tedturb0
Perche motorola era in rosso, e perche attualmente non c'e' alternativa anche se Samsung facesse la voce grossa, specialmente dopo che M$ ha dichiarato l'uscita dal mobile.
Che si mettono a vendere? Tizen?


No, una cosa che darebbe ben più fastidio a Google: Android senza i servizi Google e Play Store.

Ci sono i servizi MS e lo store Amazon per poter avere un terminale completo senza aver bisogno di BigG.

Improabile? Ma pur sempre una possibilità.
azi_muth27 Giugno 2016, 13:37 #6
Originariamente inviato da: nickmot
Cosa è cambiato?

Avevano Motorola, ma l'hanno venduta quando Samsung ha fatto la voce grossa, perché oggi una mossa simile non dovrebbe far incavolare i vari produttori?


Forse con la megamulta dell'antitrust EU in arrivo si vedono costretti ad allentare i vincoli nei confronti degli oem.
DukeIT27 Giugno 2016, 15:22 #7
Originariamente inviato da: nickmot
Ci sono i servizi MS e lo store Amazon per poter avere un terminale completo senza aver bisogno di BigG.

Mi sembrava che MS affondasse proprio per l'impari confronto con i servizi e lo store di Google... ho paura che Samsung nemmeno ci penserebbe ad un'ipotesi del genere, chi la metterebbe in atto, vedrebbe la sua fetta di market share disintegrarsi. Tra l'altro per fare un piacere a chi? A MS?
ziobepi27 Giugno 2016, 15:59 #8
Ottima idea, così uccideranno il mercato Android
DukeIT27 Giugno 2016, 16:07 #9
Originariamente inviato da: ziobepi
Ottima idea, così uccideranno il mercato Android

No, anzi, obbligherebbero i produttori a farsi concorrenza anche nell'ottimizzazione e nell'aggiornamento del SW, attualmente unica pecca del sistema Android, dove si preferisce un tacito accordo per un obsolescenza programmata dei dispositivi. Sicuramente il mondo Android avrebbe solo da guadagnarci.
nickmot27 Giugno 2016, 16:51 #10
Originariamente inviato da: DukeIT
No, anzi, obbligherebbero i produttori a farsi concorrenza anche nell'ottimizzazione e nell'aggiornamento del SW, attualmente unica pecca del sistema Android, dove si preferisce un tacito accordo per un obsolescenza programmata dei dispositivi. Sicuramente il mondo Android avrebbe solo da guadagnarci.


Ai produttori non importa nulla degli aggiornamenti, per loro sono solo un costo fastidioso.

Google guadagna dallo store, dai servizi, dalal pubblicità, di queesto ai produttori non va un tubo, guadagnano solo sul "pezzo di ferro".

Il problema è che sono convinti che non dare aggiornamenti spinga gli utenti a cambiare terminale, Apple fa solo roba di fascia alta, MS è svanita (ed era l'unica alternativa nelle varie fasce di prezzo), ne consegue che i produttori android possono fare quello che vogliono, tanto non è che c'è molta scelta.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^