Il nuovo smartphone Palm è piccolo e "accompagnerà" lo smartphone principale

Il nuovo smartphone Palm è piccolo e "accompagnerà" lo smartphone principale

Palm ha finalmente lanciato il suo nuovo smartphone, un prodotto che - al netto della nostalgia - offre un formato completamente nuovo: quello del dispositivo "di accompagnamento" allo smartphone principale. Ma ce n'è bisogno?

di pubblicata il , alle 12:01 nel canale Telefonia
Palm
 

Palm è tornata. Quasi. Lo storico marchio che si è reso protagonista nell'epoca della nascita degli smartphone, e che è tramontato dopo l'acquisizione da parte di HP nel 2011, torna sul mercato per mano di TCL. E lo fa con un prodotto quantomeno curioso: il nuovo smartphone, che non ha nome (viene chiamato "Palm", senza ulteriori specifiche), si presenta infatti come un mini-smartphone Android che punta tutto sulle dimensioni estremamente ridotte e su un'interfaccia utente pesantemente modificata.

Il nuovo smartphone Palm arriva a quattro anni dall'acquisizione del marchio Palm da parte di TCL, che ha già acquisito la licenza anche per il marchio BlackBerry. Le dimensioni sono davvero ridotte e ricordano più quelle di un dispositivo del 2011 che quelle di uno attuale: lo schermo da 3,3 pollici è inserito su un corpo le cui dimensioni sono di 96,6 x 50,6 mm - all'incirca quelle di una carta di credito. Il telaio è realizzato in alluminio, con colorazioni argento e oro, mentre fronte e retro sembrano essere in vetro.

Palm non nasconde che non intende creare uno smartphone completo in grado di sostituire lo smartphone principale, dallo schermo più grande e con dotazione tecnica migliore, ma intende piuttosto creare un dispositivo "di accompagnamento" al dispositivo principale. Così come nella prima generazione di smartwatch, però, sembra esserci la volontà di creare un nuovo mercato senza però avere una buona idea su come costruirlo e su quali siano le esigenze cui si risponde (o quali nuove esigenze si vogliono creare). Il risultato è un prodotto confuso e confusionario, almeno per quel che è possibile dire partendo dalle informazioni diffuse dal produttore.

Il comparto tecnico vede l'uso, insieme allo schermo da 3,3 pollici con risoluzione 1280 x 720, di un processore Qualcomm Snapdragon 435 (dotato di otto core Cortex-A53 operanti a 1,4 GHz), 3 GB di memoria RAM, 32 GB di memoria interna, una fotocamera posteriore da 12 megapixel e una anteriore da 8 megapixel, una porta USB Type-C, WiFi, Bluetooth, GPS, LTE e una batteria da 800 mAh. Il Palm è anche certificato IP68.

Il sistema operativo scelto è Android 8.1 Oreo e al momento non sono note informazioni circa l'aggiornamento alle nuove versioni. Particolare, dal punto di vista del software, è la scelta di rivedere integralmente l'interfaccia grafica. La schermata principale ricorda quella dell'Apple Watch, con le applicazioni disposte su tutto lo schermo; trascinando verso l'alto il dito è possibile accedere alla modalità di ricerca che permette di disegnare la lettera iniziale dell'applicazione desiderata oppure pronunciare il nome completo tramite la ricerca vocale. A proposito di quest'ultima, è presente un tasto dedicato per accedere a Google Assistant.

Palm non ha fatto menzione del lancio sul mercato europeo; negli Stati Uniti il dispositivo sarà venduto a 350$ a partire da novembre, come scrive Ars Technica. Il prezzo appare decisamente elevato rispetto alla concorrenza, soprattutto viste le specifiche tecniche inferiori e il posizionamento quantomeno peculiare sul fronte della funzionalità. Palm si vantava, d'altronde, di essere la produttrice del più piccolo smartphone in commercio (il Veer) prima di chiudere i battenti: per quanto la ragione dica che la stesa strategia non porterà ottimi frutti, l'imponderabile è sempre un fattore da tenere presente nel regolare il successo dei prodotti. Anche se, in verità, la logica spesso vince sull'imponderabile a mani basse.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

32 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
jepessen16 Ottobre 2018, 12:10 #1
In pratica e' per chi va in giro con due cellulari, il principale e quello secondario, ad esempio quello utilizzato per lavoro.

L'idea non e' male, ma non so se possa sfondare. In genere chi ha due telefoni he ha uno personale, che quindi sara' uno smartphone completo, uno lavorativo, che pero' deve supportare appunto il lavoro; per cui deve poter essere agevole leggere e scrivere mail, utilizzare app dedicate per il lavoro etc. Quindi deve essere un cellulare altrettanto buono (magari un blackberry con tastiera). Se uno non ha bisogno di tutto questo ma deve solo effettuare chiamate allora sarebbe meglio un feature phone.

Insomma, non capisco chi possa aver bisogno effettivamente di un telefono del genere...
tibbs7116 Ottobre 2018, 12:16 #2
Bhe, se il telefono te lo impongono quelli del lavoro c'è poco da fare, giri con 2 telefoni (e la ditta non va certo a cercarsi un oggetto del genere, ti rifila il telefono più scarso presente in commercio o quello che gli affibbiano con il piano tariffario).

Se la ditta sei tu o ti offre la scelta, imho il dual sim rimane la migliore soluzione.
DanieleG16 Ottobre 2018, 12:19 #3
Sembra un apple watch più grande, Sio ci farebbe un video subito
thresher325316 Ottobre 2018, 12:28 #4
Originariamente inviato da: jepessen

Insomma, non capisco chi possa aver bisogno effettivamente di un telefono del genere...

Ma come, qui su HWU è pieno di gente che odia i "padelloni" e che, cito testualmente, "Spenderebbe fior di quattrini per avere uno smartphone compatto". Dove sono finiti tutti?
Epoc_MDM16 Ottobre 2018, 12:29 #5
Originariamente inviato da: thresher3253
Ma come, qui su HWU è pieno di gente che odia i "padelloni" e che, cito testualmente, "Spenderebbe fior di quattrini per avere uno smartphone compatto". Dove sono finiti tutti?


Presente.
bodomTerror16 Ottobre 2018, 12:32 #6
come al solito la via di mezzo è sempre la migliore, questo è troppo piccolo per fare qualsiasi cosa
aqua8416 Ottobre 2018, 12:39 #7
Originariamente inviato da: bodomTerror
questo è troppo piccolo per fare qualsiasi cosa

fonte: Cicciolina al regista durante le riprese del film
riuzasan16 Ottobre 2018, 12:46 #8
Se costasse la meta sarebbe ottimo come cellulare primario (in senso telefonico stretto), utilizzato per voice e messaggi e quando serve velocemente per le applicazioni smart oriented
Ma a 400 euro ...
Alfhw16 Ottobre 2018, 12:58 #9
Hanno profanato il marchio Palm con questa schifezza? Una vera cinesata, del resto il proprietario TCL è cinese.
Palm era palm os e palm desktop e una certa filosofia d'uso. Capisco che oggi si debba usare Android ma potevano creare una rom che imitasse lo Zen del Palm e un programma di sincronizzazione PC simile a Palm desktop. Quello che hanno presentato è invece solo un accrocchio.
Lasciatela riposare in pace.
Alfhw16 Ottobre 2018, 13:14 #10
Batteria da soli 800 mah... Ho controllato sul loro sito palm.com perché pensavo ad un errore. Invece è proprio così. Ridicolo.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^