IDC: mercato smartphone crescerà solo del 5.7% nel 2016, trainato da Android

IDC: mercato smartphone crescerà solo del 5.7% nel 2016, trainato da Android

IDC elabora stime sulle consegne di smartphone per il 2016: mercato con crescita a singolo digit, sino al 2020. Gli smartphone Android continueranno a trainare il mercato, iOS manterrà i livelli record del 2015, mentre Windows Phone registrerà una nuova battuta d'arresto.

di pubblicata il , alle 17:01 nel canale Telefonia
AndroidAppleWindows Phone
 

La recente analisi del mercato smartphone elaborata da IDC mette in evidenza un dato che potrebbe segnare in maniera ancor più chiara il trend di un settore che, dopo aver conosciuto anni caratterizzati da una marcata crescita, deve fare i conti con una fisiologica contrazione. L'esaustivo studio di IDC si concentra sulle previsioni delle consegne di smartphone per il 2016 e si apre con un dato che fa riflettere: il 2015, infatti, potrebbe essere stato l'ultimo anno caratterizzato da una crescita complessiva del mercato smartphone a doppio digit.

Nel 2015 sono stati consegnati 1.44 miliardi di smartphone, valore che si traduce in una crescita pari al 10.4%. Le previsioni per il 2016 fanno riferimento a 1.5 miliardi di smartphone consegnati, ovvero ad una crescita pari al 5.7% rispetto all'anno precedente. La crescita a singolo digit non sarebbe limitata all'anno in corso, ma rappresenterebbe un trend destinato a proseguire sino al 2020, anno in cui, secondo i dati forniti da IDC, il numero di smartphone consegnati sarà pari a 1.92 miliardi di unità. 

idc

I trend del mercato smartphone sono caratterizzati, aggiunge, IDC da un progressivo spostamento dell'offerta sui prodotti di fascia bassa, con una conseguente riduzione del prezzo medio di vendita dai 295 dollari del 2015 ai 237 dollari del 2020. A risentirne e a registrare una crescita a singolo digit saranno i mercati maturi, come gli Stati Uniti, la Cina e l'Europa occidentale, mentre la crescita più elevata si registrerà in quelli emergenti come India, l'Indonesia, il Medio Oriente, l'Africa e le nazioni del sud est asiatico. Altro trend evidenziato da IDC riguarda la tipologia di device: in prospettiva futura, i phablet, ovvero terminali con display particolarmente ampi, saranno sempre più diffusi. Nel 2015 il 20% di smartphone consegnati a livello mondiale era costituito da phablet, IDC prevede che nel 2020 tale percentuale salirà al 32% con circa 610 milioni di unità. 

La crescita complessiva del segmento pari al 5.7% sarà determinata dai dispositivi basati sul sistema operativo Android, unica piattaforma che farà registrare il segno più nell'anno in corso con una crescita del 7.6% rispetto al 2015. Un risultato che sarà possibile raggiungere anche perché gli smartphone Android soddisfano il trend del mercato che si sposta sulle proposte di fascia bassa, come detto, senza trascurare la forte presenza nei mercati emergenti con un'offerta particolarmente articolata.  

Per Apple e i dispositivi iOS il 2016 sarà un anno di transizione, dopo le consegne record registrate nel 2015 (231.5 milioni di unità, pari ad una crescita del 20.2% rispetto al 2014). IDC stima consegne pari a 231 milioni di unità (-0.1%). Le consegne dovrebbero tornare a crescere in maniera più decisa a partire dal 2017.  Particolarmente negativa la proiezione per i terminali basati su Windows Phone / Windows 10 Mobile, che potrebbero registrare un'altra battuta d'arresto alla fine del 2016 con consegne ridotte del 18.5% rispetto al 2015. Altrettanto preoccupante è la stima sul market share dei terminali basati sul sistema operativo Mobile di Microsoft: 1.6% nel 2016 e 0.9% nel 2020. 

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

2 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Mparlav04 Marzo 2016, 18:07 #1
Mi sembra giusto riportare le loro previsioni fatte nel 2012:

Link ad immagine (click per visualizzarla)

nel 2013:

Link ad immagine (click per visualizzarla)

nel 2014:

Link ad immagine (click per visualizzarla)

questo per dire quanto sia terribilmente difficile avventurarsi in previsioni in questo campo.
globi05 Marzo 2016, 19:45 #2
Speriamo che una tendenza alla stagnazione delle vendite freni la corsa ai core, ai Mega e agli unibody di alluminio con batterie succinte non sostituibili.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^