Huawei Mate 30 potrebbe arrivare senza i servizi di Google e le Google App. Sarà vero?

Huawei Mate 30 potrebbe arrivare senza i servizi di Google e le Google App. Sarà vero?

Arriva un'indiscrezione che ha dell'eclatante: la nuova serie Mate 30 di Huawei potrebbe venire presentata senza i servizi di Google e senza le applicazioni del colosso di Mountain View. Questo significa che i device potrebbe essere confinati solo al mercato cinese. I dettagli.

di pubblicata il , alle 11:21 nel canale Telefonia
Huawei
 

Arriva come una bomba l'indiscrezione di Reuters ricevuta da un portavoce del colosso di Mountain View nella quale si afferma che i prossimi Huawei Mate 30 e Mate 30 Pro potrebbero essere confinati al mercato cinese per colpa del ban americano e dunque per l'assenza dei servizi di Google e delle sue applicazioni. Un duro colpo, se effettivamente così fosse, per Huawei che si vedrebbe costretta a presentare i suoi nuovi top di gamma solo per il mercato cinese perdendo, temporaneamente, quello europeo e americano.

Huawei: HarmonyOS potrebbe essere un'alternativa?

L'azienda cinese sembrava aver bypassato il problema del ban americano con un rinvio di 90 giorni concesso proprio nei giorni scorsi. Un rinvio che però sembrerebbe compatibile solo ed esclusivamente con i prodotti già presenti sul mercato. I nuovi smartphone in arrivo potrebbero non avere il supporto e dunque la certificazione di Android e dei servizi di Google comprese le applicazioni dell'azienda. Un problema che potrebbe limitare la vendita della nuova serie Mate al mercato cinese.

Secondo la fonte interna di Reuters, Huawei avrebbe già fissato un appuntamento di presentazione dei nuovi Huawei Mate 30 e Mate 30 Pro per il prossimo 18 settembre a Berlino, ma non è chiaro a questo punto la disponibilità dei device sul mercato al di fuori della Cina.

"Mate 30 non può essere venduto con app e i servizi Google in licenza a causa del divieto negli Stati Uniti sulle vendite a Huawei" - queste le parole dell'informatore della Reuters. Oltretutto il portavoce ha voluto ribadire che i provvedimenti sul rinvio del ban di altri 90 giorni avvenuti non si applicano a nuovi prodotti futuri ma solo a quelli già commercializzati. Questo significa che la strada per Huawei ed il suo nuovo Mate 30 e 30 Pro potrebbe essere davvero in salita.

In questo caso se Android non potesse essere 'preinstallato' sui nuovi prodotti dell'azienda cinese, Huawei, potrebbe in qualche modo rimediare proponendo i device con una versione AOSP (che però non avrebbe i servizi e le app di Google) oppure ad utilizzare il suo nuovo HarmonyOS anche se difficilmente quest'ultimo potrebbe aver raggiunto un'integrazione tale da poter essere installato su di uno smartphone importante come il nuovo Huawei Mate 30 Pro o Mate 30.

Huawei nel comtempo ha ribadito la volontà di continuare a lavorare con Google e il suo portavoce Joe Kelly non ha altro che confermato tutto ciò: "Huawei continuerà ad utilizzare Android ed il suo ecosistema se il governo USA ce lo concederà. Altrimenti continueremo a sviluppare il nostro sistema operativo ed il nostro ecosistema".

Il futuro dunque è ancora incerto per quanto riguarda i nuovi smartphone di Huawei. Se il ban fosse davvero esecutivo ci si ritroverebbe un Huawei Mate 30 Pro senza Google Play ma anche senza le Google App o addirittura senza il supporto ai servizi dell'azienda di Mountain View. Un telefono praticamente inutilizzabile vista la dipendenza sempre più forte proprio da Google e dalle sue piattaforme. Al momento, sempre secondo la fonte di Reuters, al Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti sono arrivate solo questa settimana oltre 130 domande da parte di aziende per vendere beni americani proprio a Huawei e nessuna di queste è stata concessa. Indiscrezioni al momento che vanno prese per tali sperando in una qualche smentita ufficiale.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta pių interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

7 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
emiliano8429 Agosto 2019, 12:04 #1
bene ... peccato che il mio p30 pro ha tutto il bloatware di google purtroppo
bonzoxxx29 Agosto 2019, 12:08 #2
Originariamente inviato da: emiliano84
bene ... peccato che il mio p30 pro ha tutto il bloatware di google purtroppo


Esistono custom rom per p30pro?
Lo dovrei prendere a inizio settembre, non sono uno smanettone ma avendo avuto sempre one plus la rom è più o meno simile ad android stock che mi piace parecchio.
supertigrotto29 Agosto 2019, 12:17 #3

Sarà ma.....

Non trovo giusto tutta questa dipendenza nel mondo mobile,siamo restati ad avere un duopolio di sistemi operativi e siamo legati ai servizi di sole due case (Apple e Google),guardacaso due aziende americane e nessuno al mondo apre gli occhi.
Tutti ancorati a google maps,senza che, ad esempio,l'europa abbia creato qualche alternativa,ok c'è open street map ma per fare un lavoro all'altezza ci vorrebbero mappe europee emanate direttamente dagli stati,siamo legati a gmail,siamo legati al playstore,insomma siamo legati ai servizi google,in parte anche usando ios.
Speriamo che i cinesi abbiano iniziato una rivoluzione e che il mondo apra gli occhi.
Nemmeno in Europa e in Italia siamo immuni da eventuali ritorsioni,basta guardare la vicenda che sta succedendo in questi giorni,Trump sanzionerà l'Italia se non viene bloccata una compagnia aerea Iraniana,questo la dice tutta su quanto possiamo dormire sonni tranquilli.
Web tax?Macron ha già calato le brache.
Sarebbe meglio cominciare a creare alternative valide,spero che huawei abbia successo con harmony os.
biometallo29 Agosto 2019, 12:52 #4
Originariamente inviato da: bonzoxxx
Esistono custom rom per p30pro?


Mi sa che c'è ben poco https://forum.xda-developers.com/hu...pro/development

D'altronde mafiauwei non permette più dal 2018 di sbloccare il bootloader, cosa per cui di fatto si può fare solo tramite siti a pagamento dalla dubbia affidabilità.
emiliano8429 Agosto 2019, 14:06 #5
Originariamente inviato da: bonzoxxx
Esistono custom rom per p30pro?
Lo dovrei prendere a inizio settembre, non sono uno smanettone ma avendo avuto sempre one plus la rom è più o meno simile ad android stock che mi piace parecchio.


Ancora nulla di rilevante, ma preferisco aspettare almeno un annetto in generale, sul p10 usavo https://openkirin.net/devices/

Originariamente inviato da: biometallo
Mi sa che c'è ben poco https://forum.xda-developers.com/hu...pro/development

D'altronde mafiauwei non permette più dal 2018 di sbloccare il bootloader, cosa per cui di fatto si può fare solo tramite siti a pagamento dalla dubbia affidabilità.


Non avevano cambiato idea?
Erotavlas_turbo29 Agosto 2019, 23:03 #6
L'articolo confonde android con i servizi e le app di google.

Android è open source AOSP e nessuno può impedire di installarlo e modificarlo. Quello che non potrà fare huawei è di installare il google play store e le google apps (entrambi closed source e proprietari).
Tuttavia, se volesse potrebbe decidere di utilizzare il progetto microG che sostituisce degnamente i servizi google e aurora store (o creare un fork personalizzato) che permette di sostituire il google play store e di scaricare qualunque google apps.

L'utente medio potrebbe essere confuso inizialmente, ma huawei potrebbe fornire un semplice tutorial dicendo di scaricare da aurora store (fork) tutte le app volute.

Infine, l'arrivo di harmony OS è solo positivo per gli utenti e grazie alla maggiore innovazione e concorrenza nel settore.
biometallo30 Agosto 2019, 10:45 #7
Originariamente inviato da: emiliano84
Non avevano cambiato idea?


Temo di no, nella stessa pagina su xda di cui ho messo il link se ne parla e ci sono discussioni aggiornate fino a ieri dove si legge di gente che continua a pagare per accedere al bootloader, chi 35, chi 45 dollari, e senza garanzia di successo, dato che ho letto anche di gente che ha pagato per codici che poi si sono dimostrati inutili.
Aggiungerei poi questa testimonianza presa qui sul hwu di giugno:

Originariamente inviato da: Baboo85
Ciao a tutti,

dopo gli ultimi avvenimenti tra Google e Huawei avevo deciso di fare il root del mio P20 Lite TIM custom in modo da installare almeno la rom stock generica, che ha già ricevuto l'update ad Android 9.
Con mia grande bestemmia, scopro che il bootloader è bloccato con codice, codice che Huawei non rilascia più da metà 2018 e l'unico modo per ottenerlo è usare siti di terze parti a pagamento.
Anche no. [...]

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^