Huawei, ancora tre mesi di tempo per gli aggiornamenti Android

Huawei, ancora tre mesi di tempo per gli aggiornamenti Android

Il Dipartimento del Commercio Usa ha stabilito i termini temporali dell'ordine restrittivo per le aziende Usa, che ha portato alla revoca della licenza d'uso di Android sui terminali Huawei

di pubblicata il , alle 11:04 nel canale Telefonia
HuaweiGoogleAndroid
 

Huawei continuerà a poter aggiornare i propri terminali con le ultime versioni di Android fino al prossimo 19 agosto. Lo si apprende attraverso un chiarimento del Dipartimento del Commercio Usa che conferma le rassicurazioni già divulgate nella giornata di ieri: ovvero che i terminali Huawei continueranno a poter accedere alle tecnologie e alle reti esistenti in mano ad aziende americane per mezzo di un permesso temporaneo.

Il caso è nato dopo che Google ha annunciato il ritiro della licenza a Huawei in seguito all'ordine restrittivo emesso dall'Amministrazione Trump nella scorsa settimana. Secondo la nuova direttiva chi attualmente fornisce prodotti e servizi a Huawei potrà continuare, ma solo fino al 19 agosto, ad erogare gli stessi e solamente per i prodotti già esistenti o in fase di completamento e in generale per gli ordini già effettuati.

In particolare gli aggiornamenti software potranno essere rilasciati da Huawei per i terminali disponibili al pubblico fino al 16 maggio, ma Huawei non potrà accedere a componenti realizzati negli Usa allo scopo di produrre nuovi prodotti a meno di disporre di autorizzazioni di omologazione che, vista la situazione, sembrano di difficile ottenimento. Questo "periodo cuscinetto" permetterà inoltre a quelle realtà che attualmente si affidano a prodotti e soluzioni Huawei di trovare alternative.

Huawei

Il governo degli Stati Uniti ha affermato di aver imposto le restrizioni a causa del coinvolgimento di Huawei in attività che mettono in pericolo la sicurezza nazionale o gli interessi di politica estera.

Dopo l'ordine restrittivo emesso nella scorsa settimana, il Dipartimento del Commercio ha bloccato le attività commerciali tra aziende Usa e aziende estere che attengano alle sfere hardware, software e relativamente ai servizi tecnici. Poco dopo Google ha annunciato che non avrebbe più fornito servizi Android per i dispositivi Huawei, pur garantendo il supporto ai terminali già in commercio. Già ieri era intervenuta Google, ribadendo con una nota ufficiale che "Google Play e le protezioni di sicurezza di Google Play Protect continueranno a funzionare sui dispositivi Huawei esistenti".

Ciò non significa che Huawei perda completamente la possibilità di usare Android, in quanto il sistema operativo principale è un progetto open source. Qualsiasi produttore può modificarlo e installarlo sui propri dispositivi senza dover ottenere l'autorizzazione. Tuttavia Huawei non potrà usufruire degli aggiornamenti al sistema operativo che garantiscono la sicurezza dei terminali secondo le tempistiche tradizionali.

Ciò non significa che Huawei perda completamente la possibilità di usare Android, in quanto il sistema operativo principale è un progetto open source
Generalmente Google inoltra ai propri partner che dispongono della licenza Android il codice necessario a correggere il loro software circa un mese prima rispetto al momento in cui le vulnerabilità coinvolte vengono rivelate pubblicamente. Questo dà ai produttori il tempo di controllare che le patch non causino problemi al loro software proprietario e quindi di creare una versione aggiornata di quest'ultimo che contempli la protezione necessaria. Senza licenza, Huawei verrà a conoscenza delle vulnerabilità solo lo stesso giorno in cui vengono rilasciate per l'Android Open Source Project (AOSP), il che provocherà ritardi nella distribuzione ed esporrà i terminali Huawei alle nuove vulnerabilità per giorni o settimane, a seconda dei casi.

Inoltre, i terminali non certificati da Google non possono accedere ai Google Mobile Services (GMS) e non vi si possono installare le app di Google basate su questo servizio. Tra queste, Google Play, Google Foto, YouTube, Google Maps, Google Drive, Google Duo.

"Il Permesso Temporaneo Generale dà alle realtà il tempo di rifinire una strategia e dà lo spazio al Dipartimento per determinare le misure a lungo termine necessarie alle aziende americane e ai fornitori di telecomunicazioni stranieri che attualmente si affidano alle apparecchiature Huawei per servizi critici", ha detto il Segretario al Commercio Wilbur Ross. "In breve, questa licenza consente agli attuali proprietari di dispositivi Huawei di continuare a usare il proprio terminale".

Il giro di vite dell'Amministrazione Trump era previsto da circa un anno e rientra all'interno di una guerra commerciale Usa/Cina più ampia e nella volontà di scoraggiare le aziende tecnologie straniere a continuare lo sviluppo delle tecnologie di telecomunicazione del futuro, in questo caso con riferimento al 5G.

L'argomento è stato affrontato anche dal National Cyber Security Centre, che ha sottolineato che gli utenti dei terminali Huawei con Android potranno continuare ad installare gli aggiornamenti come di norma nel periodo previsto. Ulteriori avvisi verranno forniti da NCSC non appena ci saranno novità. Ulteriori informazioni sul sito ufficiale.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

32 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Ragerino21 Maggio 2019, 11:23 #1
" componenti prodotti negli USA " , mi sono perso qualcosa? Dove sono queste famigerate fabbriche di componenti elettronici, negli USA ?
recoil21 Maggio 2019, 11:25 #2
Originariamente inviato da: Ragerino
" componenti prodotti negli USA " , mi sono perso qualcosa? Dove sono queste famigerate fabbriche di componenti elettronici, negli USA ?


ce ne sono diverse
i telefoni vengono assemblati in Cina ma ci sono componenti che arrivano dagli USA o dal Giappone, Singapore ecc.
supertigrotto21 Maggio 2019, 11:27 #3

Ah beh!

Tra Cina e Usa sinceramente, non so chi sceglierei,ho avuto a che fare sia con gli americani sia con i cinesi,ma se dovessi dare le spalle a uno dei due,il tappo da damigiana lo userei con quelli che esportano la democrazia,fanno tanto gli amiconi,ma poi....
supertigrotto21 Maggio 2019, 11:27 #4

Ah beh!

Tra Cina e Usa sinceramente, non so chi sceglierei,ho avuto a che fare sia con gli americani sia con i cinesi,ma se dovessi dare le spalle a uno dei due,il tappo da damigiana lo userei con quelli che esportano la democrazia,fanno tanto gli amiconi,ma poi....
pabloski21 Maggio 2019, 11:28 #5
Originariamente inviato da: recoil
ce ne sono diverse
i telefoni vengono assemblati in Cina ma ci sono componenti che arrivano dagli USA o dal Giappone, Singapore ecc.


Diverse che si possono contare sulle dita di una mano

Uno va a cercare Qualcomm e trova "its foundry partner, Taiwan Semiconductor Manufacturing Co. Ltd. (TSMC)".

Insomma ai cinesi basta invadere Taiwan e il giochino è finito.

L'unica che ha un certo numero di fab negli USA è Intel. E le altre stanno in Israele, dove avviene pure il grosso del R&D ( ormai ).
Haran Banjo21 Maggio 2019, 11:29 #6
Gira tutto intorno al 5g. Huawei è avanti più di tutti in questa tecnologia.
La mossa di Trump è mirata in effetti a rallentare la conquista del mondo da parte dei cinesi ;-)
DukeIT21 Maggio 2019, 11:30 #7
Originariamente inviato da: supertigrotto
se dovessi dare le spalle a uno dei due,il tappo da damigiana lo userei con quelli che esportano la democrazia,fanno tanto gli amiconi,ma poi....

...e guarda caso finora la democrazia la "esportano" solo dove c'è petrolio. Fortunati i paesi che non ne hanno...
Sandro kensan21 Maggio 2019, 11:37 #8
Si parla di Huawei ma qui la notizia è l'atto di bullismo contro tutte le compagnie cinesi. Lenovo, oppo, Xiaomi, ecc.
recoil21 Maggio 2019, 11:41 #9
Originariamente inviato da: pabloski
Diverse che si possono contare sulle dita di una mano

Uno va a cercare Qualcomm e trova "its foundry partner, Taiwan Semiconductor Manufacturing Co. Ltd. (TSMC)".

Insomma ai cinesi basta invadere Taiwan e il giochino è finito.

L'unica che ha un certo numero di fab negli USA è Intel. E le altre stanno in Israele, dove avviene pure il grosso del R&D ( ormai ).


ci sono anche tutte quelle che fanno componenti più "piccoli" tipo la Texas Instruments o STM in Europa
non è tutto in Cina, in occidente c'è più di quello che si immagina, ma non c'è "tutto"

però il problema a parte i chip è l'assemblaggio specialmente se i volumi sono enormi con milioni di telefoni da produrre in poco tempo
non è una cosa che puoi mettere in piedi facilmente in USA o EU, lì in Cina le fabbriche sono delle città praticamente, c'è un numero enorme di persone con turni lunghi e disponibilità immediata
qui da noi a parte pagare di più dovresti trovare gente disposta a fare quel lavoro, avere personale "stagionale" perché hai un picco di produzione prima del lancio dei prodotti

non so se l'amministrazione Trump spera con queste mosse e con i dazi di riportare tutta la produzione in patria, ma non è un obiettivo fattibile almeno nel breve periodo
Ragerino21 Maggio 2019, 11:58 #10
E' anche un problema di integrazione verticale. In Cina hanno creato tutta una filiera produttiva incredibilmente ottimizzata, che parte dall'estrazione al confezionamento del prodotto finale. E sono concentrati in distretti. Sarebbe impensabile creare una cosa cosi dalle nostre parti. Bisognerebbe battezzare una location, e creare da zero fabbriche, città, dormitori ecc.
Ricordiamoci che l'area tra Shenzhen, HK, Macau, ha il pil della Russia praticamente.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^