Google Play Store, nuovo algoritmo per dimezzare le dimensioni degli aggiornamenti

Google Play Store, nuovo algoritmo per dimezzare le dimensioni degli aggiornamenti

Il nuovo algoritmo di Google Play Store consente di risparmiare tempo e traffico internet del proprio piano per il download dei nuovi aggiornamenti. Il "peso" sull'unità di storage può essere ridotta anche del 50%

di Nino Grasso pubblicata il , alle 16:01 nel canale Telefonia
AndroidGoogle
 

Google ha annunciato un nuovo algoritmo introdotto su Google Play Store che ha il compito di ridurre le dimensioni degli aggiornamenti per le applicazioni Android. In aggiunta la società ha introdotto una voce all'interno della pagina descrittiva dell'app in cui si possono leggere in anticipo le dimensioni reali degli aggiornamenti. Lo scorso anno gli utenti Android hanno scaricato più di 65 miliardi di applicazioni dallo store, numeri che impongono agli sviluppatori certe accortezze per mantenere fidelizzati gli utenti delle diverse applicazioni.

Accortezze che variano dal semplice aggiornamento di sicurezza all'aggiunta di nuovi contenuti o cambiamenti all'interfaccia grafica, al fine di rispondere alle esigenze degli utenti che maturano nel corso del tempo e alle proposte della concorrenza diretta. L'aggiornamento delle app però può rappresentare un problema se si utilizza una connessione a consumo, ed è per questo che la compagnia ha cercato di ridurre le dimensioni non solo delle applicazioni, ma anche degli aggiornamenti, mostrando al tempo stesso con più evidenza il quantitativo di dati da scaricare.

Per quasi tutte le applicazioni presenti su Google Play Store durante gli aggiornamenti vengono già oggi scaricati solamente i cambiamenti, definiti delta, che poi vengono congiunti ai dati delle applicazioni già presenti sul dispositivo che rimarranno invariati. Con il nuovo "delta algorithm" chiamato bsdiff la riduzione nel peso degli aggiornamenti è ancora più consistente, quantificabile in un guadagno del 50% rispetto a prima. Questo è possibile gestendo in maniera efficace le delta anche delle librerie native dell'applicazione.

La società ha compiuto alcuni esempi sugli ultimi aggiornamenti di Chrome, versione per Android. L'aggiornamento dalla versione M46 alla M47 aveva dimensioni pari a 22,8MB, mentre quello successivo, una minor release della M47, "pesava" 15,3MB. Con l'algoritmo bsdiff le dimensioni dei rispettivi aggiornamenti sono passate a 12,9 e 3,6MB. Alcune app richiedono anche file d'espansione, ovvero download aggiuntivi che contengono le risorse essenziali per l'applicazione: si tratta di un'operazione richiesta soprattutto dai videogiochi mobile.

Il nuovo algoritmo verrà applicato anche a questi contenuti per ridurre le dimensioni iniziali dell'installazione in media del 12% e dei conseguenti aggiornamenti del 65%.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

6 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
daviderules26 Luglio 2016, 16:53 #1
Pied Piper, siete voi?
PietroGiuliani26 Luglio 2016, 19:20 #2
Era anche l'ora... decine di mega per una app che fa 2+2, anche senza elementi grafici di rilievo, stavano cominciando a diventare ridicoli...
AleLinuxBSD27 Luglio 2016, 07:38 #3
Considerando che non esistono tariffe flat nel segmento mobile queste ottimizzazioni risultano particolarmente importanti.

Ma penso dovrebbero fare ancora di più.
roccia123427 Luglio 2016, 07:51 #4
Io ho impostato il play store per aggiornarsi solo sotto wifi, quindi nessun problema riguardo la dimensione degli aggiornamenti, almeno per me medesimo.
Anche se, devo dire, spesso e volentieri mi sono trovato 10-15 app da aggiornare e qualche centinaio di mb da scaricare... e non ho assolutamente il telefono ingolfato di app. Insomma, non ne sentivo il bisogno, ma sicuramente non mi fa schifo .

E' una manna per chi, purtroppo, non ha connessioni flat e/o ha adsl da terzo mondo.
PietroGiuliani27 Luglio 2016, 10:36 #5
Ci sarebbe anche da tenere presente il fatto che, a quanto ricordo e almeno fino a poco fa - magari le cose sono cambiate - Android non cancella le app non aggiornate, ma installa l'aggiornamento come una nuova versione a fianco della preesistente... non ricordo se poi renda disponibile o meno lo spazio in caso di necessità, ricordo però di una opzione in Titanium per rimuovere le vecchie versioni delle applicazioni e di un articolo in merito su una rivista specializzata.
StefanoA27 Luglio 2016, 13:17 #6

Wow !

Google ha inventato l'algoritmo che fa le differenze
ormai gli aggiornamenti comportano uno spreco di banda, storage e lavoro cpu esagerati,
mi sembra un buon passo avanti ma bisogna fare mooolto di più anche sotto altri SO

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^