Gemini: il PDA ritorna al CES 2018 con Android e Linux

Gemini: il PDA ritorna al CES 2018 con Android e Linux

Gemini è un vero e proprio PDA, sebbene tecnologicamente adattato al 2018. La categoria di prodotti nata e cresciuta tra gli anni '90 e gli anni 2000 fa il suo ritorno, con Android e Linux a bordo

di pubblicata il , alle 09:01 nel canale Telefonia
 

In un pezzo pubblicato qualche settimana fa scrivevo che "questa è l'epoca più nostalgica di tutte" (allora si parlava del ritorno di un negozio che noleggia videocassette). Tale affermazione sembra confermata con Gemini, un dispositivo che è di fatto un PDA.

Il dispositivo, che è stato lanciato su Indiegogo raccogliendo ben 1,2 milioni di dollari, è stato mostrato al CES destando più di qualche curiosità. Gemini conta su uno schermo da 5,9 pollici e - soprattutto - su una tastiera fisica classica a cinque righe, completa di frecce direzionali.

Gemini PDA

Sebbene di dimensioni ridotte, il dispositivo sembra riscuotere un certo successo tra gli utenti - probabilmente per via della presenza della tastiera, in grado di dare quel riscontro tattile assente nei dispositivi completamente touch.

Interessante caratteristica è quella di poter eseguire sia Android 7.1.1 che Linux, così da poter scegliere l'ambiente di lavoro preferito. Presenti anche una porta USB Type-Ce un jack da 3,5 mm.

Gemini PDA

Il Gemini sarà disponibile in versione 4G così come in versione con la sola connettività WiFi. Il prezzo di partenza per quest'ultima, una volta terminata la campagna di raccolta fondi, sarà di 499$ (circa 410€). Nel corso dei prossimi giorni cercheremo di entrare in contatto con il dispositivo - le immagini che vedete sono fornite da TechCrunch.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

10 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
ilbarabba09 Gennaio 2018, 09:35 #1
Con un Sitema Operativo sarebbe una figata.
Alessio.1639009 Gennaio 2018, 10:09 #2
Originariamente inviato da: ilbarabba
Con un Sitema Operativo sarebbe una figata.


Android OS, Linux OS (dual-boot)
ilbarabba09 Gennaio 2018, 12:07 #3
Originariamente inviato da: Alessio.16390
Android OS, Linux OS (dual-boot)


Appunto
Alessio.1639009 Gennaio 2018, 12:09 #4
Originariamente inviato da: ilbarabba
Appunto


Sarebbe != è
jepessen09 Gennaio 2018, 12:49 #5
Vabbe' e' uno smartphone con tastiera attaccata... Non dico che mi dispiacerebbe provarlo, anzi, ma non vedo tutta sta innovazione...
LMCH09 Gennaio 2018, 15:53 #6
Un altra cosa da notare è che è basato sul design e modalità d'uso dei PDA Psion Series 5
e che lato software propongono un app agenda (Gemini Agenda)
basata sulla stessa filosofia d'uso degli Psion
(riveduta ed aggiornata, ovviamente).
Mparlav09 Gennaio 2018, 15:57 #7
L'unica particolarità è il dual boot Linux/Android.

Per il resto, non è molto diverso da uno smartphone qualsiasi con una tastiera bluetooth da 20 euro.
sterock7709 Gennaio 2018, 20:52 #8
Originariamente inviato da: ilbarabba
Con un Sitema Operativo sarebbe una figata.


Vero. Questo oggetto nel consumer non è a suo agio, lo vedo bene in alcuni campi professionali od Hobbistica avanzata.
Con android è una cosa inutile con Linux già andiamo meglio, ma se avesse W10 le potenzialità sarebbero mooolte di più.
DarkmanDestroyer10 Gennaio 2018, 12:53 #9
mercato di nicchia, non da consumer. interessante la scelta del dual boot.
da approfondire dettagli hardware, software (quale tra le milioni di distro linux), supporto, costi.
windows su un cosino così farebbe naufragare il progetto prima ancora della commercializzazione (costi licenza e pesantezza del sistema).
sterock7711 Gennaio 2018, 16:22 #10
Originariamente inviato da: DarkmanDestroyer
mercato di nicchia, non da consumer. interessante la scelta del dual boot.
da approfondire dettagli hardware, software (quale tra le milioni di distro linux), supporto, costi.
windows su un cosino così farebbe naufragare il progetto prima ancora della commercializzazione (costi licenza e pesantezza del sistema).


Se gira su dei soc dei primi T100 asus o tablet Toshiba ora come ora su soc moderni non ha alcun problema, vedi i micropc come viaggiano !
ovviamente non sono delle workstation ma nemmeno è richiesto.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^