Galaxy S8, componenti più costose rispetto al predecessore Galaxy S7

Galaxy S8, componenti più costose rispetto al predecessore Galaxy S7

Da un punto di vista di teardown l’hardware usato per Galaxy S8 e quello del prossimo nuovo iPhone dovrebbero essere molto simili, secondo l'analisi di IHS

di Redazione pubblicata il , alle 09:01 nel canale Telefonia
SamsungGalaxyAppleiPhone
 

La società londinese d'analisi di mercato IHS ha effettuato il teardown del nuovo smartphone top di gamma di Samsung, evidenziando come il prezzo dei componenti del Galaxy S8 sia superiore rispetto al suo predecessore.

Galaxy S8 infatti risulta avere un costo di produzione maggiore di 43,34$ rispetto a Galaxy S7 e di 36,29$ rispetto Galaxy S7 Edge. Produrre ogni unità dell’ultimo smartphone top di gamma costa a Samsung 307,50$ a fronte di un prezzo di listino che si aggira intorno ai 720$.

Le principali componenti che incidono sul costo di produzione sono ovviamente il nuovo schermo AMOLED da 5.77”, circa 85$, e il processore 45$(Snapdragon 835 per Stati Uniti e Cina, Exynos 8895 per il resto del mondo).

samsung_galaxy_s8_hand.jpg

Andrew Rassweiler, direttore di IHS, sottolinea come anche il comparto memoria (4 GB RAM e 64GB NAND flash per lo storage interno) quest’anno incida particolarmente sul totale, “con i prezzi delle memorie attualmente alle stelle è aumentato notevolmente il costo per gigabyte”, inoltre accenna che “Da un punto di vista di teardown l’hardware usato per Galaxy S8 e quello del prossimo nuovo iPhone probabilmente dovrebbero essere molto simili”.

Tornando a fari i conti in tasca a Samsung, il costo dell’ottimo nuovo comparto fotografico ha un costo di 20,50$ e per quanto riguarda il componente ultimamente più discusso della casa sudcoreana, troviamo la stessa batteria da 3.000 mAh già usata su Galaxy S7 (non Galaxy Note 7), con un costo di circa 4,50 $.

Infine il tutto viene assemblato con 5,90$. Non sono noti i costi accessori a cui sono soggetti i produttori come ad esempio lo sviluppo del software nativo (del sistema operativo e delle applicazioni), le spese per il marketing e quelle per la logistica e la distribuzione delle unità.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

5 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
pingalep24 Aprile 2017, 10:09 #1
il costo batteria 4,5$ mi sgomenta. non che sia diverso per gli altri produttori, ma uno dei componenti che più condiziona l'esperienza d'uso viene assolutamente bistrattato, si ricorre a tecnologie ormai vecchie anche se sicure da produrre per risparmiare qualche dollaro. per poi investire miliardi in pubblicità
alexdal24 Aprile 2017, 10:57 #2
I prezzi sono al produttore non consumatore

qualsiasi prezzo pagato da una grande ditta e il 20% di quello del consumatore

Se a te 25 euro sono il prezzo di una buona batteria (almeno decente)
ci sono 4.50 di iva, 10 euro ricarico commerciante, 4 euro tra distribuzione marketing, trasporto, tasse: il produttore lo vende a 6.5 il che ha un margine di 2.5 euro, samsung che compra un milione di pezzi e non cento ha un prezzo di 4.5


Le cose costano poco se si fanno in milioni di pezzi.
pcmachine24 Aprile 2017, 14:26 #3
costa produrlo il 50% più di un iphone che sta a 198(219 al lancio) dollari attualmente.
è il telefono più costoso mai prodotto ad oggi.come direbbe qualcuno il telefono più costoso di sempre!!!
e ci si lamenta del prezzo ... senza guardare le controparti
globi24 Aprile 2017, 22:14 #4

@alexdal

Le cose costano poco se si fanno in milioni di pezzi.

Per questo molti preferiscono lavorar poco che rende di più...
Dinofly25 Aprile 2017, 14:18 #5
Originariamente inviato da: pingalep
il costo batteria 4,5$ mi sgomenta. non che sia diverso per gli altri produttori, ma uno dei componenti che più condiziona l'esperienza d'uso viene assolutamente bistrattato, si ricorre a tecnologie ormai vecchie anche se sicure da produrre per risparmiare qualche dollaro. per poi investire miliardi in pubblicità


Non ci sono tecnologie nuove, è questo il vero problema delle batterie... da decenni.
E non certo solo nel mondo della telefonia.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^