Fino a 2 milioni di smartphone Android One venduti entro fine anno

Fino a 2 milioni di smartphone Android One venduti entro fine anno

Android One potrebbe consentire a Google di piazzare fino a 2 milioni di smartphone in più in India entro la fine dell'anno. Cifre irrisorie rispetto all'intera piattaforma mobile (che ha superato da tempo il miliardo di unità vendute), ma che rappresentano solo l'inizio di una nuova fase per Google

di pubblicata il , alle 08:31 nel canale Telefonia
AndroidGoogle
 

Secondo il vice presidente Mohit Brushan di MediaTek, la domanda in India per dispositivi Android One si attesta da 1,5 a 2 milioni di unità, entro la fine dell'anno in corso. I primi smartphone della piattaforma sono stati svelati ufficialmente pochi giorni fa, con ottime caratteristiche tecniche in relazione al prezzo di listino.

Android One

MediaTek è uno dei partner più vicini a Google per la prima ondata di dispositivi della piattaforma, in qualità di fornitore del SoC installato praticamente su tutti i dispositivi, realizzati da Micromax, Karbonn e Spice. Al produttore cinese si aggiungerà nel prossimo futuro Qualcomm, con una nuova piattaforma proprietaria.

Attualmente, gli Android One vengono proposti con un chip MediaTek MT6582, ad un costo che varia fra i 75 e i 90€ al cambio attuale con l'euro. La nuova piattaforma commercializzata è uno dei progetti più interessanti di Google, anche se al momento non ci coinvolge direttamente. L'obiettivo di Android One è di portare un'esperienza d'uso fluida e piacevole all'interno di smartphone non proprio di primo livello, su terminali dal prezzo estremamente ridotto.

Android One si sposa perfettamente con un altro piano parallelo di Google, condiviso anche con Facebook. Le due società si sono imposte di portare internet in tutto il mondo, non solo per migliorare la qualità della vita nei paesi meno agiati, ma anche per consegnare i propri servizi in aree non ancora minimamente esplorate dal web. Le stime di MediaTek rappresentano solo l'inizio della piattaforma e potrebbero espandersi notevolmente una volta che Android One sarà rilasciato in ulteriori aree geografiche.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

11 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Eress19 Settembre 2014, 08:36 #1
Nuovi mercati, nuovi introiti
calabar19 Settembre 2014, 09:56 #2
Beh dai, le specifiche hardware di questi smartphone non sono poi così basse, il processore è un quad A7, hanno 1 GB di ram che nella fascia bassa è grasso che cola, per il resto vanno visti i singoli modelli.
Le specifiche sono superiori a quanto si trova ora in fascia bassa e molto superiori a quanto si trovava fino a poco tempo fa.
eaman19 Settembre 2014, 11:18 #3
Sono interessanti anche perche' c'e' un legame piu' stretto con google: non sarebbe male avere una piattaforma mediatek di cui sono garantiti upgrade e specifiche.
Se google rilaschia direttamente le versioni pure con i moduli per questi anche tutti gli altri device piu' o meno economici in giro ne gioveranno, si avranno rapidamente ROM anche per questi mentre oggi mediatek e' un po' sfigata da questo punto di vista.
Marko#8819 Settembre 2014, 14:02 #4
Originariamente inviato da: Eress
Nuovi mercati, nuovi introiti


Google è una Onlus?
litocat19 Settembre 2014, 14:54 #5
Smartphone economici con aggiornamenti rilasciati direttamente da Google ed Android liscio, senza spazzatura aggiunta dai produttori. Perdonatemi il termine, ma non ho altre parole per definire modifiche software che rendono KitKat inutilizzabile persino su uno smartphone di fascia alta... se qualcuno ricorda la vicenda Galaxy S3 sa a cosa mi riferisco.

Quando li vedremo in Italia?
globi19 Settembre 2014, 19:48 #6
Esistevano già in Asia ottimi smartphones con processore quadcore Mediatek in quella fascia di prezzo e con tanto di port per SD card, dual cam e videotelefonia 3G, dove sarebbe la novità?
Mio padre ne ha portati due dalla Thailandia e già non avevano bloatware.
marchigiano19 Settembre 2014, 20:44 #7
Originariamente inviato da: globi
Esistevano già in Asia ottimi smartphones con processore quadcore Mediatek in quella fascia di prezzo e con tanto di port per SD card, dual cam e videotelefonia 3G, dove sarebbe la novità?
Mio padre ne ha portati due dalla Thailandia e già non avevano bloatware.


qua hai una qualità e una sicurezza sia dei materiali che dei dati che uno sconosciuto produttore non potrebbe darti

inoltre fammi qualche esempio di quad A7 + mali 400 e schermo ips 480x800 ecc... ecc... vediamo anche che supporto software e rete di assistenza ti danno
globi20 Settembre 2014, 01:22 #8

@marchigiano

Sito ufficiale i-mobile:
http://product.i-mobilephone.com/
Specificazioni (traduci con Google Toolbar o con altro traduttore del browser):
http://www.siamphone.com/spec/i-mobile/
La versione Android sarà una 4 e qualcosa, comunque già con quella quasi tutte le apps ci funzionano e poi molti apparecchi sono dual-SIM. La garanzia esiste in Thailandia perché si tratta di un provider di rete mobile di quel paese, gli apparecchi saranno dei rimarchiati di qualche grosso produttore cinese, non sono SIM-lock e diversi comprendono pure le bande di frequenza europee. Due li ho provati ed erano fluidissimi, per capirsi ad occhio circa al livello di un Samsung S3. La definizione mi pare sia quella che hai scritto tu ed io la trovo assolutamente sufficiente per uno schermo da 4 o 5 pollici.
Di personalizzazioni di Android del produttore ve ne erano appena, bloatware zero a parte certi programmi di Google propri di Android che molti di coloro i quali rootano li disinstallano perché non li usano. Processori Mediatek che comunque vanno benissimo come tanto per fare un paragone AMD sta ad Intel.
polteus20 Settembre 2014, 10:04 #9
Originariamente inviato da: globi
Sito ufficiale i-mobile:
http://product.i-mobilephone.com/
Specificazioni (traduci con Google Toolbar o con altro traduttore del browser):
http://www.siamphone.com/spec/i-mobile/
La versione Android sarà una 4 e qualcosa, comunque già con quella quasi tutte le apps ci funzionano e poi molti apparecchi sono dual-SIM. La garanzia esiste in Thailandia perché si tratta di un provider di rete mobile di quel paese, gli apparecchi saranno dei rimarchiati di qualche grosso produttore cinese, non sono SIM-lock e diversi comprendono pure le bande di frequenza europee. Due li ho provati ed erano fluidissimi, per capirsi ad occhio circa al livello di un Samsung S3. La definizione mi pare sia quella che hai scritto tu ed io la trovo assolutamente sufficiente per uno schermo da 4 o 5 pollici.
Di personalizzazioni di Android del produttore ve ne erano appena, bloatware zero a parte certi programmi di Google propri di Android che molti di coloro i quali rootano li disinstallano perché non li usano. Processori Mediatek che comunque vanno benissimo come tanto per fare un paragone AMD sta ad Intel.

Correggimi se sbaglio, ma stai parlando di un marchio semisconosciuto che vende smartphone il cui software non è fornito direttamente da Google (e personalizzazione della grafica o no, non vorrei scoprire che vengono inviati al produttore dati sensibili senza il mio consenso come successo con Xiaomi), che non fornisce come Google due anni di aggiornamenti (perché non vorrei ritrovarmi con bug tipo questo essendo l'iq x slim uscito con Android 4.2 e non essendo stato aggiornato ad Android 4.4), che fornisce una garanzia dimezzata rispetto a quella richiesta dalle normative europee (1 anno invece che 2, oltre, non essendoci centri assistenza in Italia, a dovere spedire il terminale in Thailandia e chissà quando lo rivedi), che non fornisce i sorgenti del kernel (perlomeno io non li ho trovati) violando fin dal primo giorno i diritti dei propri clienti?

P.S.:
Su siamphone non ho trovato terminali di i-mobile che, come gli android one appena annunciati, offrano per 100$ display da 4.5'' 800x480, 1gb di ram, processore quad-core.
globi20 Settembre 2014, 12:45 #10

@polteus

Volevo soltanto affermare che di telefoni con quell`hardware e di quel prezzo già ne esistono e sono validissimi (molti invece li ritengono cinesate).
Quelli indiani sono anche prodotti da marchi semisconosciuti ma probabilmente in quel paese sono dei marchi conosciuti. A parte la versione di Android devi guardare meglio e vedrai che le caratteristiche hardware di quei telefoni thailandesi sono analoghe se non le stesse degli One. L`unica pecca é la versione Android che non é proprio l`ultima, ma dimmi te quali smartphones di basso e medio prezzo (e pure di gran marca) qui da noi in Europa la abbiano. Oltretutto AndroidOne é una novità e chissà, forse si metteranno anche in altri paesi presto ad adeguare gli smartphones locali di basso prezzo agli One. Come puoi notare anche produttori a noi semisconosciuti possono fare ottimi apparecchi, infatti é sorprendente che Google non faccia la stessa cosa con altri marchi al livello di Samsung. È poi tu non sai quanto é lungo il periodo di garanzia nei paesi asiatici, per esempio io ho già ordinato un orologio Casio dal Giappone che di garanzia ne aveva solo per un anno mentre qui ne hanno due. Xiaomi é un marchio più conosciuto e più grande che ormai é in vendita anche qui da noi:
https://www.digitec.ch/de/Search?q=xiaomi
quindi se spiavano loro allora possono farlo anche tutti gli altri produttori spesso minori di quei paesi, non sapevo di questa storia ma non c`é più da stupirsi in questi tempi su tali cose, vedi caso Snowden ed NSA etc. e mi viene in mente anche la Blackberry e un`altra marca che non ricordo (forse Nokia) che pure quelle fornivano dati a governi. Naturalmente poca gente qui in Europa si mette ad ordinare uno smartphone da quei paesi perché i siti spesso sono in una lingua a noi impossibile, poi potrebbero essere non pienamente compatibili con le reti mobili europeee ed in caso di garanzia bisogna rispedirli avanti e indietro dalla parte opposta del pianeta che può risultare troppo caro farlo per un prodotto che costa poco e poi come affermi pure tu chissà se lo rivedi, ma non é che sia diverso su quelli indiani o su quelli filippini. Infine ci sono anche tasse di sdoganamento, imposta valore aggiunto e costi di spedizione che possono far aumentare considerevolmente il costo finale. Certo che se vai in vacanza in quei paesi allora é un altro discorso e anche se ti dura un anno o due prima di rompersi rende assolutamente ma di solito se vengono tenuti con normale cura durano anche di più e si consideri che non devono durare molti anni dato che escono sul mercato continuamente modelli con caratteristiche maggiori.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^