Digital Divide? Il Ministero mette la banda larga sotto l'albero

Digital Divide? Il Ministero mette la banda larga sotto l'albero

Un accordo siglato tra il Ministero, Infratel e Telecom Italia mira a ridurre il digital divide che vede ancora alcune zone d'Italia prive dell'accesso a internet a banda larga

di pubblicata il , alle 10:20 nel canale Telefonia
 

É di un paio di giorni fa l'accordo anti digital divide siglato dal Ministero delle Comunicazioni, Infratel e Telecom Italia. L'accordo mira a ridurre progressivamente, fino ad eliminarlo, il digital divide che affligge alcune zone del nostro Paese, dove, ad esempio, la banda larga è ancora un miraggio.

Lo scopo dell'accordo è la realizzazione delle infrastrutture in grado di portare l'accesso alla rete broadband in quelle aree che attualmente ne sono sprovviste, con importanti ripercussioni, ad esempio, sulla competitività delle aziende. Riuscire a raggiungere tutti i cittadini italiani con una connessione internet ad alta velocità permetterebbe poi l'erogazione di una nuova generazione di servizi da parte dello Stato. L’accordo prevede quanto segue:

  • condividere le informazioni circa la pianificazione degli interventi nelle aree in digital divide tenendo conto dei programmi di infrastrutturazione assunti dal Ministero in accordo con le Regioni e dei programmi di investimento dell’azienda;
  • ottimizzare i tempi di abilitazione delle infrastrutture realizzate rispetto agli interventi necessari di adeguamento delle proprie centrali da parte dell’Azienda;
  • definire i requisiti tecnico-economici per l’acquisizione da parte di Telecom delle infrastrutture di telecomunicazioni (fibra ottica e infrastrutture di posa);
  • individuare le forme eventualmente perseguibili di sinergia sul territorio, in correlazione alle rispettive missioni ed obiettivi, per creare un’infrastruttura evoluta ed integrata abilitante alla banda larga strumentale all’erogazione di servizi evoluti ed innovativi a servizio delle aree oggetto d’intervento;
  • valutare l’impiego di tecnologie innovative in grado di abbattere i costi e i tempi di realizzazione delle infrastrutture.

Per monitorare l’attuazione dei contenuti dell’accordo verrà costituito un apposito tavolo di coordinamento tra i diversi soggetti firmatari. L'accordo fa ben sperare anche se nel 2004 la nascita della stessa Infratel, società di scopo costituita su iniziativa del Ministero delle Comunicazioni e di Sviluppo Italia con l'obiettivo di favorire lo sviluppo di infrastrutture a larga banda sul territorio nazionale e di ridurre il "digital divide", aveva fatto apparire sulla stampa titoli come 'Dove non arriva l'Adsl, ci pensa Infratel'.

Dopo tre anni la banda larga non ha raggiunto ancora capillarmente tutte le regioni del nostro Paese e c'è ancora molto lavoro da fare, ci si augura che questo accordo possa rappresentare una svolta decisiva.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

62 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Sig. Stroboscopico20 Dicembre 2007, 10:30 #1
Si, ma mi pare che rimanga il solito problema: Telecom per conto suo non investe in rcerca e sviluppo ma stranamente fa profitti.

Altro grosso dubbio è se la 640 è o no banda larga e perchè la devo pagare come una 4 mega...

A me pare tanto una regalia dallo stato a telecom e che non aiuta a creare una alternativa alla nostra miseranda situazione.
TheBoss031020 Dicembre 2007, 10:38 #2
Sarebbe ora!
ken Falco20 Dicembre 2007, 10:40 #3
falsi e ipocriti ...
30 e di canone è quello che crea il digital divide in italia !!!
Melandir20 Dicembre 2007, 10:45 #4
Quando non si ha nulla anche il 640 sembra una velocità astronomica
TheMonzOne20 Dicembre 2007, 10:45 #5
Originariamente inviato da: Sig. Stroboscopico
Altro grosso dubbio è se la 640 è o no banda larga e perchè la devo pagare come una 4 mega...


Se la paghi uguale perchè non ti fai la 4Mb?
Scherzi a parte...nell'ultimo mese Telecom ha lanciato le offerte e gli upgrade automatici, tutti gli utenti di Alice 2Mb passano automaticamente a 7Mb al prezzo di 19,90 euro e gli utenti della 4Mb passano (ove raggiunti dalla linea) a 20Mb...con una sostanziale riduzione di prezzo rispetto alla precedente versione...io ho la 7Mb attualmente...e per una volta viaggia anche alla grande, forse perchè ci sono ancora pochi accessi, ma quando ho visto partire il download a 850 kbps senza calare fino alla fine mi è venuto il coccolone .
Questo articolo parlava cmq di portare la linea dove ancora non c'è...non dice che ci saranno riduzioni dei prezzi degli operatori già esistenti.
poaret20 Dicembre 2007, 10:49 #6
telecom mi ha tolto la 4 mega dopo 2 anni perchè il segnale è troppo disturbato ela linea continuava a cadere (2 anni senza problemi e adesso...) . Ridotta a 2 mega il rapporto segnale-rumore è ancora troppo basso e la linea a volte va piano altre di più :risposta del tecnico "dobbiamo degradare ulteriormente la linea!"Li ho fermati (sennò mi riportavano al 56k)pianificandomi il traffico ad orari "fortunati":invece di riparare la linea abbassano la banda...questo si chiama Digital Divide (la banda)
the_joe20 Dicembre 2007, 10:49 #7
Originariamente inviato da: TheMonzOne
Se la paghi uguale perchè non ti fai la 4Mb?
Scherzi a parte...nell'ultimo mese Telecom ha lanciato le offerte e gli upgrade automatici, tutti gli utenti di Alice 2Mb passano automaticamente a 7Mb al prezzo di 19,90€ e gli utenti della 4Mb passano (ove raggiunti dalla linea) a 20Mb...con una sostanziale riduzione di prezzo rispetto alla precedente versione...io ho la 7Mb attualmente...e per una volta viaggia anche alla grande, forse perchè ci sono ancora pochi accessi, ma quando ho visto partire il download a 850 kbps e poi reggere mi è venuto il coccolone .
Questo articolo parlava cmq di portare la linea dove ancora non c'è...non dice che ci saranno riduzioni dei prezzi degli operatori già esistenti.


E questa è proprio la più grande fregatura....

Se uno NON ha bisogno dei 7 o dei 20 o dei 1000 mega ma ha solo bisogno di una flat anche a 640 perchè DEVE spendere i 19.90 sempre e comunque e non ha invece a disposizione una banda larga da 5€uro anche se solo a 640???? Che per chi NON scarica è anche troppo.....
ulk20 Dicembre 2007, 10:49 #8
Originariamente inviato da: Sig. Stroboscopico
Si, ma mi pare che rimanga il solito problema: Telecom per conto suo non investe in rcerca e sviluppo ma stranamente fa profitti.


Eh già perchè gli altri investono.. sempre a lamentarsi che Telecom gli fa prezzi alti..
Altro grosso dubbio è se la 640 è o no banda larga e perchè la devo pagare come una 4 mega...


Dove sono i competitori privati che possono competere con Telecom? Potrebbero investire nelle zone poco o niente servite e invece nada..
A me pare tanto una regalia dallo stato a telecom e che non aiuta a creare una alternativa alla nostra miseranda situazione.


Tanto la dorsale ritorna allo stato e quindi non vedo tutti questi problemi, il problema si pone quando i soldi per le infrastrutture finiscono al Tronchetto & C per i loro traffici.
Mr_Paulus20 Dicembre 2007, 10:56 #9
chissà perché non mi fido....mi rassegnerò ad aspettare il Wi-Max (se vabbé...chissà se arriverà mai anche quello:asd
Parappaman20 Dicembre 2007, 10:56 #10
Altra grande notizia! Si, ma per i vertici Telecom, mica per noi poveri spettatori nostro malgrado paganti...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^