Compie 25 anni l'SMS: tecnologia che ha saputo cambiare il modo di comunicare

Compie 25 anni l'SMS: tecnologia che ha saputo cambiare il modo di comunicare

Nato come un servizio di informazione tra gestori di servizi e clienti, l'SMS rappresenta una di quelle innovazioni paragonabile per importanza all'avvento del telefono o delle e-mail; anche se già soppiantata da nuove tecnologie di messaggistica istantanea, questa tecnologia è ancora viva e pienamente sfruttata per fornire un "servizio di messaggi brevi"

di Carlo Pisani pubblicata il , alle 08:21 nel canale Telefonia
 

SMS (Short Message Service) è una delle tecnologie dell'era moderna che è riuscita maggiormente a diffondersi capillarmente tra la gente, cambiandone abitudini, modo di comunicare e generando un nuovo canale sul quale scambiarsi informazioni in modo sintetico, rapido ed alla portata di tutti.

Neil Papworth, ingegnere britannico presso Sema Group, azienda anglo-francese di servizi informatici, il 3 dicembre 1992 fu l'autore del primo SMS, messaggio che venne inviato da un computer ad un cellulare su rete GSM Vodafone UK: il testo del messaggio recitava molto semplicemente "MERRY CHRISTMAS".

Nato come un servizio di informazione tra gestori di servizi e clienti, l'SMS rappresenta una di quelle innovazioni paragonabile per importanza all'avvento del telefono o delle e-mail; anche se oggigiorno questo canale di comunicazione risulta già soppiantato da nuove tecnologie di messaggistica istantanea, ad ogni modo, per i meno tecnologici o in alcuni settori, questa tecnologia è ancora viva e pienamente sfruttata per fornire un "servizio di messaggi brevi".

L'SMS quindi compie 25 anni, e per il momento non ne vuole sapere di uscire dai nostri cellulari: spesso e volentieri è ancora il principale mezzo di comunicazione utilizzato per fornire dati importanti come password o credenziali di accesso, arma per le aziende per offrire insistentemente offerte e nuovi servizi e comunque è un servizio che difficilmente non viene proposto anche nei più recenti piani tariffari.

Per quanto riguarda il primo SMS inviato da cellulare a cellulare invece, esso risale all'inizio del 1993 ed in questo caso l'invio del messaggio è da ricondurre ad uno stagista della Nokia, un certo Riku Pihkonen, azienda che ricordiamo ha svolto un ruolo importante nella diffusione del cellulare, e di conseguenza anche degli SMS, grazie anche al successo del suo fortunato modello Nokia 3310 recentemente riproposto in chiave moderna, anche in versione 3G.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

15 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Lampetto04 Dicembre 2017, 08:56 #1
Gli SMS sono stati una miniera d'oro per le compagnie telefoniche in passato, miliardi di messaggi in un anno, centinaia di milioni solo per gli auguri natalizi e gli auguri di fine anno erano entrate notevoli nei bilanci delle compagnie...
Ancora oggi in alcuni contratti si ostinano a farli pagare...
nickname8804 Dicembre 2017, 09:03 #2
Oramai si usa Whatsapp
zappy04 Dicembre 2017, 09:35 #3
Originariamente inviato da: nickname88
Oramai si usa Whatsapp

o Telegram

cmq se vuoi un po' di certezza dell'immediata ricezione, un SMS è più sicuro.
le altre modalità di msg via internet non danno la certezza che il destinatario le riceva immediatamente, perchè potrebbe avere i dati staccati o mancanza della rete per la connessione internet.
zappy04 Dicembre 2017, 09:36 #4
Originariamente inviato da: Lampetto
Gli SMS sono stati una miniera d'oro per le compagnie telefoniche in passato, miliardi di messaggi in un anno, centinaia di milioni solo per gli auguri natalizi e gli auguri di fine anno erano entrate notevoli nei bilanci delle compagnie...
Ancora oggi in alcuni contratti si ostinano a farli pagare...

e pure cifre assurde, tipo 10-12cent....
pipperon04 Dicembre 2017, 10:20 #5
Originariamente inviato da: nickname88
Oramai si usa Whatsapp


certamente gli stolti usano WA.
Ma non sono sovrapponibili e il costo di WA e' enorme.
Direi che e' come paragonare un profumo di rose ad una loffa in ascensore.
Ork04 Dicembre 2017, 10:40 #6
Originariamente inviato da: zappy
o Telegram

cmq se vuoi un po' di certezza dell'immediata ricezione, un SMS è più sicuro.
le altre modalità di msg via internet non danno la certezza che il destinatario le riceva immediatamente, perchè potrebbe avere i dati staccati o mancanza della rete per la connessione internet.


verissimo. Fortuna che oggi ti tirano dietro pacchetti da migliaia di sms
mattia.l04 Dicembre 2017, 10:56 #7
mai più usati, ormai 80% Whatsapp e 20% iMessage
recoil04 Dicembre 2017, 11:30 #8
io più che altro ne ricevo, la banca che mi avverte di un prelievo di contanti o pagamento bancomat, offerte dai vari operatori ecc.
non penso di inviarne più di un paio al mese
GG16704 Dicembre 2017, 12:13 #9
I ventenni di oggi quasi ignorano l'esistenza di sms (per loro esistono solo what's up e cose simili), mentre quelli con qualche anno in più, con gli sms, hanno tenuto contatti con gli amici, organizzato serate e uscite e magari anche dato il via a qualche storia con qualche ragazza!..
recoil04 Dicembre 2017, 12:28 #10
Originariamente inviato da: GG167
I ventenni di oggi quasi ignorano l'esistenza di sms (per loro esistono solo what's up e cose simili), mentre quelli con qualche anno in più, con gli sms, hanno tenuto contatti con gli amici, organizzato serate e uscite e magari anche dato il via a qualche storia con qualche ragazza!..


erano meglio gli sms secondo me
oggi i ragazzini si fanno un sacco di paranoie perché con whatsapp possono vedere se la tipa è online, magari ha letto ma non ha risposto ecc.

prima mandavi sms e poi se rispondeva bene se no pazienza, ma non stavi a fissare il cellulare ogni 2 minuti per vedere se era online, inoltre avevi caratteri limitati quindi non ti perdevi in puttanate ma andavi diretto al punto

per non parlare dei gruppi whatsapp, più incasinati di un canale su IRC...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^