Cellulare alla guida: l'Italia dice no all'inasprimento delle sanzioni

Cellulare alla guida: l'Italia dice no all'inasprimento delle sanzioni

Non è passato il disegno di legge che prevedeva un notevole inasprimento delle sanzioni per l'uso del cellulare e dello smartphone alla guida

di pubblicata il , alle 15:41 nel canale Telefonia
 

Lo smartphone alla guida può essere un'arma, ma secondo la commissione Bilancio della Camera non un'arma così pericolosa da determinare un inasprimento delle sanzioni. Era una possibilità paventata la scorsa estate all'interno di un disegno di legge sulle modifiche dell'art. 173 del Codice della Strada. Sembrava quasi fatta per via delle ovvietà di quanto richiesto, ma non è andata così: la commissione ha infatti vietato non solo l'inasprimento delle sanzioni per l'uso del cellulare alla guida, ma anche l'obbligo dei seggiolini con dispositivo anti-abbandono.

La legge aveva ricevuto l'approvazione della Commissione Trasporti e anche Papa Bergoglio è recentemente sceso in campo contro lo smartphone alla guida. Un fenomeno tutt'altro che sporadico: le strade sono inondate da autisti e pedoni che affrontano traffico e manovre in maniera disattenta, ed è proprio questo che aveva costretto i sostenitori del disegno di legge a chiedere il pugno duro. La scorsa estate si pensava ad un passaggio a legge effettiva in tempi brevi, e lo stesso Viceministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Riccardo Nencini scriveva di "fare in fretta".

Ma cosa prevedevano le modifiche firmate da Michele Meta? Rispetto ad oggi la sospensione della patente sarebbe stata immediata anche in seguito alla prima infrazione, pari ad un massimo di 3 mesi, con una multa da 322 a 1.294 euro. In caso di recidiva invece la pena sarebbe stata raddoppiata: fino a sei mesi di sospensione e sanzione da 644 a 2.588 euro. Il disegno di legge pensava anche a decurtazioni nei punti residui della patente: 5 per chi non avesse avuto precedenti, 10 invece per i recidivi. Sanzioni pesantissime, forse troppo, ma emblematiche di un cambiamento.

Durissima la risposta dell'ASAPS, Associazione Sostenitori Amici Polizia Stradale: "Ora sarà un liberi tutti, perché lo sappiamo bene, da addetti ai lavori, che è impossibile trovare un solo utente che abbia subito la sospensione della patente per aver commesso la medesima violazione nel biennio, quella di essere stato sorpreso alla guida con il cellulare in mano", ha scritto il Presidente Giordano Biscemi sul sito ufficiale. Biscemi ha anche denunciato: "L'ebbrezza del terzo millennio potrà continuare a mietere vittime, consapevoli noi tutti che l'antidoto è ancora molto lontano".

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

39 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
ubuntolaio12 Dicembre 2017, 15:49 #1
Proprio l'altro giorno vedevo una ragazza guidare testa bassa sul cellulare mentre passava su un attraversamento pedonale/ciclabile noncurante di chi ci fosse.

Invece una bella sospensione le avrebbe fatto bene!!
gd350turbo12 Dicembre 2017, 15:52 #2
Probabilmente si sono resi conto che mezza Italia (compresi i legislatori) sarebbero a piedi...
gd350turbo12 Dicembre 2017, 16:11 #3
Insegnare educazione civica ?
xxxyyy12 Dicembre 2017, 16:17 #4
Buono cosi'... la sporca razza italiana prima si autoestingue (auto... macchina... perdere la vita in macchina o a causa di essa... ) e meglio e'.
Oops, scusate... volevo dire, buon Natale a tutti!
AdolfoG12 Dicembre 2017, 16:19 #5
Originariamente inviato da: gd350turbo
Insegnare educazione civica ?


Parole sante: dalla prima elementare all'ultimo anno di superiori (magari, nella scuola pubblica, al posto dell'ora di religione; ma questa è una mia opinione...)
evil weasel12 Dicembre 2017, 16:20 #6
Originariamente inviato da: xxxyyy
Buono cosi'... la sporca razza italiana prima si autoestingue (auto... macchina... perdere la vita in macchina o a causa di essa... ) e meglio e'.
Oops, scusate... volevo dire, buon Natale a tutti!


Tu di dove sei invece?
bonzo8412 Dicembre 2017, 16:24 #7
Giusto, perché non serve aumentare le pene, servono controlli!ci può essere anche la pena di morte, ma se non vieni mai fermato è totalmente inutile.
prevenire, non curare
Pino9012 Dicembre 2017, 16:29 #8
Ma usare gli auricolari? Costano 10€ perdindirindina!
emb12 Dicembre 2017, 16:32 #9
Le pene TROPPO severe anche secondo me sono deprecabili.

Però se intanto iniziassero seriamente ad applicare quelle che già ci sono non sarebbe affatto male. Piuttosto che mettere autovelox su stradoni in discesa a 3 corsie, senza incroci e col limite di 50Km/h per far cassa.
Almeno continuano a far cassa ma al contempo davvero aumentano la sicurezza generale, dato che chi è stato beccato una volta poi difficilmente reitererà l'infrazione.
xxxyyy12 Dicembre 2017, 16:32 #10
Originariamente inviato da: bonzo84
Giusto, perché non serve aumentare le pene, servono controlli!ci può essere anche la pena di morte, ma se non vieni mai fermato è totalmente inutile.
prevenire, non curare


Hai ragione!
Io avrei completamente annullato le pene e favorito il trasporto dei bambini sulle gambe del guidatore.
E poi avrei tenuto occupate le forze dell'ordine 24/7, che notoriamente non hanno un caxxo da fare, a fermare tutti e distribuire "popo' sul sederino".

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^