Caricabatterie per cellulari: raggiunto lo standard comune

Caricabatterie per cellulari: raggiunto lo standard comune

La Comunità Europea annuncia di aver definito le specifiche dello standard comune per i caricabatterie dei cellulari: i primi prodotti disponibili nei primi mesi del 2011

di pubblicata il , alle 16:09 nel canale Telefonia
 

La Commissione Europea ha annunciato che CEN-CENELEC ed ETSI, i due organismi che si occupano della definizione degli standard per il Vecchio Continente, hanno reso disponibili gli standard armonizzati necessari per la produzione di telefoni cellulari e smartphone compatibili con un nuovo caricabatterie comune. Si tratta dell'ultimo passo avanti in direzione della creazione di un caricabatterie comune, compatibile con tutti i cellulari che saranno commercializzati nell'Unione Europea.

I principali produttori di telefoni cellulari si sono pertanto impegnati ad assicurare la compatibilità degli smartphone, che saranno predominanti sul mercato nel giro di due anni, sulla base dell'implementazione di un connettore micro-USB. L'accordo è stato raggiunto a giugno del 2009 e siglato da Apple, Emblaze Mobile, Huawei Technologies, LG Electronics, Motorola Mobility, NEC, Nokia, Qualcomm, Research In Motion, Samsung, Sony Ericsson, TCT Mobile, Texsas Instruments e Amtel.

Antonio Tajani, commissario europeo per l'industria e l'imprenditoria, ha commentato: "Sono molto lieto che gli organismi di standardizzazione europei abbiano accolto le nostre richieste di sviluppare in un breve periodo di tempo gli standard tecnici necessari per un caricatore di cellulari comune basato sul lavoro svolto dall'industria. Ora è tempo per l'industria di mostrare il suo impegno nella commercializzazione di telefoni cellulari per il nuovo caricatore. Il caricatore comune renderà la vita più semplice ai consumatori, ridurrà i rifiuti e offrirà beneficio al business. E' davvero una situazione win-win."

L'incompatibilità dei caricabatterie per i telefoni cellulari non è solo un problema per gli utenti, ma rappresenta anche un considerevole problema ambientale. Gli utenti che vogliono cambiare il proprio cellulare sono spesso costretti ad acquistare anche un nuovo caricabatterie e sbarazzarsi di quello vecchio, anche se funzionante e in buone condizioni. I nuovi standard permettono una interoperabilità dei caricabatterie con smartphone di differenti marche e prendono inoltre in considerazione i rischi di sicurezza e le emissioni elettromagnetiche ed assicurano che i caricatori comuni abbiano una sufficiente protezione contro le interferenze esterne.

I primi caricabatterie e i primi smartphone conformi al nuovo standard saranno resi disponibili sul mercato nel corso dei primi mesi del 2011.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

103 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
gordon8830 Dicembre 2010, 16:13 #1
quindi anche Apple finalmente avrà qualcosa di normale. Addio cavi che si sfilacciano
Malek8630 Dicembre 2010, 16:16 #2
Le mini-USB non andavano bene?

Dopotutto, vengono usate in molti altri apparecchi tipo macchine fotografiche, lettori di schede, etc... sarebbe stato più universale.
Freaxxx30 Dicembre 2010, 16:19 #3
ma per avere il micro-USB su un dispositivo, l'azienda produttrice, non deve pagare Intel ?
X3llo530 Dicembre 2010, 16:24 #4
Originariamente inviato da: Malek86
Le mini-USB non andavano bene?

Dopotutto, vengono usate in molti altri apparecchi tipo macchine fotografiche, lettori di schede, etc... sarebbe stato più universale.


Rispetto ai connettori Mini-USB, hanno la stessa larghezza ma sono più sottili e robusti, essendo stati progettati per sopportare 10.000 cicli di inserimento e rimozione.

Gli utenti che vogliono cambiare il proprio cellulare sono spesso costretti ad acquistare anche un nuovo caricabatterie e sbarazzarsi di quello vecchio, anche se funzionante e in buone condizioni.


balle, tutti i cellulari li vendono con il caricabatterie; è un non problema.
Quello che dovrebbero fare adesso e iniziare a venderli a parte a 5€
Yrrah30 Dicembre 2010, 16:26 #5
Originariamente inviato da: Freaxxx
ma per avere il micro-USB su un dispositivo, l'azienda produttrice, non deve pagare Intel ?


Non penso, se diventa uno standard devono abolire le tasse su eventuali brevetti, altrimenti con una legge imporrebbero un monopolio...

Comunque micro-USB è già ampiamente usato da un anno a questa parte sulla maggior parte degli smartphone fortunatamente, ora finalmente anche l'odioso connettore FLAT che Apple si ostina a mettere su tutti i suoi dispositivi sparirà! Se non mettono la legge loro devono perforza essere i diversi per farsi magari pagare un cavo di riserva una ventina di euro
Zerk30 Dicembre 2010, 16:26 #6
Ottima iniziativa, però temo che non metteranno più il caricabatterie in bundle con il cellulare, ti toccherà comperarlo a parte mentre il prezzo del telefono rimarrà invariato.
Questo perchè se con ogni cellulare ti danno un caricabatterie micro-usb non abbiamo risolto nulla, i cassetti si riempiranno comunque.

Ma è vero che questa cosa è valida solo per smartphone e cellulari che vanno in internet, mentre per i cellulari di fascia bassa è tutto invariato?
Itachi30 Dicembre 2010, 16:34 #7
si ma quello che non capisco è questo

i dispositivi come l'iphone o il samsung galaxy tab non hanno un connettore diverso solo perchè volevano essere trasgressivi...

i loro connettori supportano uscita video,audio e altre cose

tutto questo su un micro usb non è possibile...quindi?

questi device avranno 2 uscite diverse?
cristo197630 Dicembre 2010, 16:35 #8
Bene era ora...speriamo bene
Cappej30 Dicembre 2010, 16:36 #9
ottimo!
sarebbe bello se la stessa iniziativa fosse imposta anche per i notebook-netbook... magari come il mag-safe di Apple che è veramente grandioso, rispetto agli orridi alimentatori standard. In 2-3 tagli a seconda degli amperaggi necessari (un netbook lo avrà più piccolo mentre un portatile GAMER-EDITION-for-NERD lo avrà desisamente più grande!... l'alimentatore!) ma pur sempre compatibili.
peccato ciò non accadrà mai!
bona!
auguri a tutti!
zappy30 Dicembre 2010, 16:39 #10
Originariamente inviato da: Freaxxx
ma per avere il micro-USB su un dispositivo, l'azienda produttrice, non deve pagare Intel ?


non credo che sia brevettato IL CONNETTORE ma il bus di trasferimento dati (che il caricabat ovviamente non usa)

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^