Bollette a 28 giorni: il Consiglio di Stato respinge gli operatori. Gli utenti dovranno essere rimborsati tutti

Bollette a 28 giorni: il Consiglio di Stato respinge gli operatori. Gli utenti dovranno essere rimborsati tutti

Vodafone, Fastweb e Wind Tre dovranno rimborsare gli utenti dell'importo aggiuntivo addebitato. Il Consiglio di Stato respinge l'appello degli operatori sulle fatture a 28 giorni. Vittoria per gli utenti ''traditi''.

di pubblicata il , alle 16:11 nel canale Telefonia
VodafoneFastwebWindTre
 

Vodafone, Fastweb e Wind Tre dovranno rimborsare tutti gli utenti dell'importo aggiuntivo addebitato. Il Consiglio di Stato ha respinto l'appello che i tre operatori avevano realizzato per difendersi dalle accuse sopravvenute con la fatturazione a 28 giorni. L'AGCOM aveva predisposto alle aziende, che avevano obbligato gli utenti a pagare una tredicesima mensilità annuale durante il famoso periodo delle bollette a 28 giorni, l'obbligo di dover rimborsare gli utenti proprio di quell'importo addebitato in aggiunta. Il ricorso al TAR era stato inutile perché aveva portato ad un nulla dando ragione all'AGCOM. Da qui l'appello e ancora una volta la sconfitta da parte degli operatori che ora dovranno davvero risarcire gli utenti.

Bollette a 28 giorni: la vicenda si conclude

La fatturazione mensile aveva detto addio a quella di 28 giorni qualche tempo fa. Lo stop alle bollette non più mensili ma che avevano decretato una mensilità in più era arrivato a fine 2017 direttamente dalla Commissione Bilancio del Senato che aveva approvato un emendamento che di fatto bloccava la fatturazione "breve" nel settore delle telecomunicazioni come anche in quello televisivo. In tal caso partire dalle offerte di internet per la casa o per l'ufficio passando anche per gli operatori telefonici sia su offerte fisse che mobili ma anche Pay TV dovevano entro 120 giorni tornare ad una scadenza mensile e non più a 28 giorni con esclusione solo delle promozioni non rinnovabili o inferiori al mese.

Nel testo dell'emendamento si scopriva oltretutto che sarebbe stato possibile ottenere anche degli indennizzi per gli utenti in caso di "variazione dello standard minimo" della scadenza mensile (o multipli) con un rimborso pari a 50€ al quale si aggiungeva 1 Euro per ogni giorno di fatturazione non adeguata al nuovo provvedimento.

Da qui l'obbligo dei rimborsi dovuti ai cittadini da parte degli operatori entro lo scorso 31 dicembre 2018 che però veniva messa in discussione dal Consiglio di Stato. Questo aveva deciso di accogliere la richiesta delle società di telecomunicazioni congelando almeno fino a data da destinarsi i rimborsi che Vodafone, Tre Italia, Fastweb e Wind avrebbero dovuto elargire agli utenti entro tale data per quanto riguardava la fatturazione a 28 giorni.

Oggi il Consiglio di Stato, dopo aver consultato le richieste degli operatori, ha deciso che per gli utenti si debba procedere comunque ad un indennizzo e dunque ad un rimborso. Una vittoria dunque per l'AGCOM come viene spiegata anche dal suo legale. Paolo Fiorio: "Le compagnie telefoniche non hanno più scuse e devono adempiere alla delibera dell’AGCOM, altrimenti chiederemo l’ottemperanza delle sentenze. La palese illegittimità dell’applicazione dei sistemi di rinnovo e fatturazione a 28 giorni riguarda anche coloro che hanno esercitato il recesso dai contratti successivamente al 23 giugno 2017. Gli indennizzi devono essere automatici e immediati e devono prescindere dalle richieste degli utenti". 

Così come previsto dall’Autorità per le comunicazioni, i soldi erosi per la fatturazione a 28 giorni per i contratti di telefonia fissa e integrata, nel periodo intercorso tra il 23 giugno 2017 e la primavera 2018, dovrà avvenire nella prima bolletta utile. Con molta probabilità tra agosto e settembre arriveranno le prime restituzioni anche se gli operatori stanno già proponendo agli utenti misure di compensazione diversificate che hanno lo stesso valore del rimborso effettivo.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

47 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
CYRANO12 Luglio 2019, 16:41 #1
Vedemo fin quanto va avanti sta storia !!!


Càsò,s,,sò,àss
Saragot12 Luglio 2019, 16:59 #2
E per chi nel frattempo ha cambiato operatore?!
Larsen12 Luglio 2019, 17:12 #3
eh gia' hanno tirato in lungo, per dare modo alla gente di "disperdersi", e prendere nuovi clienti ai quali non devono nulla

io mi son beccato tutto il periodo dei 28 giorni... ma ormai ovviamente sono passato ad altro operatore... ora vediamo che intendono fare.
non mi interessano ne' i loro servizi, ne' sconti visto che non ho piu' nulla loro, voglio un bonifico: soldi gli ho dato, soldi mi devono ridare. (e gliene ho dati pure troppi nel corso degli anni, per un servizio discutibile).
KiNgOfChAoS12 Luglio 2019, 18:33 #4
Direi che siamo in parecchi ad aver cambiato operatore, nel frattempo.

Immagino un form online in cui si fa richiesta con successiva verifica e, eventualmente, bonifico su IBAN indicato.
Altrimenti, se si inventano la storia di qualche loro servizio, siamo punto e a capo, e si riparte.
Zerocort12 Luglio 2019, 19:37 #5
Maaa... solo gli operatori mobile???
Niente fisso? Perché non compare TIM??
steverm12 Luglio 2019, 19:38 #6
purtroppo temo che se saranno obbligati a rimborsare permetteranno di farlo in servizi, del tipo "ti devo 50 euro allora ti offro 10.000 sms gratis o 50 Gb da consumare entro un giorno" o cavolate del genere
calabar12 Luglio 2019, 19:53 #7
Prevedo nuove modifiche unilaterali di contratto a breve!

Non credo che aver cambiato operatore possa essere una discriminante. Bisogna piuttosto vedere quali saranno le modalità di rimborso, magari chiederanno all'utente di mandare le "prove" del misfatto, e chi non ha più la documentazione (spero meno utenti possibile, ma qualcuno ci sarà di sicuro) rimarrà fregato.

@Zerocort
TIM è operatore sia fisso che mobile.
Ad ogni modo non vorrei sbagliarmi, ma credo che la sanzione sia relativa esclusivamente ai contratti fissi.

@steverm
Non possono obbligarti ad accettare servizi al posto dei rimborsi, ma sicuramente ci proveranno. Sarà premura dell'utente evitare di cadere nella trappola, a meno che naturalmente le offerte in servizi non siano convenienti nel loro caso.
allmaster12 Luglio 2019, 20:00 #8
lo faranno tutti fissi e mobili
sono già partiti a offrire Giga ai mobili o servizi inutili per 6 mesi ai fissi se rinunci al rimborso... spiccioli al massimo una decina di euro....
...rimborso che ovviamente non è automatico lo devi richiedere
Larsen12 Luglio 2019, 20:45 #9
secondo la direttiva agcom il rimborso doveva essere automatico... vedremo.
thecatman12 Luglio 2019, 22:49 #10
seeee come tim che ti offre dei servizi a gratis di cui io non me ne faccio proprio niente. piuttosto non farmi pagare svariati mesi di bollette.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^