Bollette a 28 giorni: ecco la procedura per richiedere i rimborsi a TIM e Vodafone

Bollette a 28 giorni: ecco la procedura per richiedere i rimborsi a TIM e Vodafone

La sentenza del Consiglio di Stato permette agli utenti di avere un rimborso sulla passata situazione delle bollette a 28 giorni. Ecco come è possibile richiederle con TIM e Vodafone.

di pubblicata il , alle 10:21 nel canale Telefonia
TIMVodafone
 

Vodafone, TIM, Fastweb e Wind Tre dovranno rimborsare tutti gli utenti dell'importo aggiuntivo addebitato. Abbiamo visto come il Consiglio di Stato abbia respinto l'appello che gli operatori avevano realizzato per difendersi dalle accuse sopravvenute con la fatturazione a 28 giorni. L'AGCOM aveva predisposto alle aziende, che avevano obbligato gli utenti a pagare una tredicesima mensilità annuale durante il famoso periodo delle bollette a 28 giorni, l'obbligo di dover rimborsare gli utenti proprio di quell'importo addebitato in aggiunta. Il ricorso al TAR era stato inutile perché aveva portato ad un nulla dando ragione all'AGCOM. Da qui l'appello e ancora una volta la sconfitta da parte degli operatori che ora dovranno davvero risarcire gli utenti.

TIM e Vodafone: come richiedere il rimborso

Gli operatori si stanno organizzando per far si che gli utenti possano in qualche modo fare richiesta del suddetto rimborso. Vodafone e TIM sono i primi due della lista a creare chi un form e chi invece delle promozioni ad hoc per avere sconti sui servizi premium. Da una parte dunque vi è Vodafone che abbiamo visto qui permette, se rientranti nel rimborso, di sottoscrivere un form nel loro sito garantendo dunque l'invio della richiesta di rimborso. TIM invece non procede in questo modo ma propone una serie di offerte con attivazione gratuita per un lasso di tempo di 6 mesi in attesa che si affidi veramente ad una procedura di vero rimborso. Ecco le due alternative nello specifico.

TIM

Per quanto concerne TIM, in attesa di una procedura di rimborso vera e propria che ancora non ha delineato, decide di approntare un piano che permetta agli utenti di avere una serie di promozioni attive per un lasso di tempo di 6 mesi a fronte appunto del rimborso dovuto alla questione della fatturazione a 28 giorni. In questo caso gli utenti possono attivare fino al 31 ottobre 2019 uno di questi servizi in modo del tutto gratuito:

  • TIM Vision: possibile attivare per 6 mesi la visione dei contenuti multimediali della TV di TIM. Un servizio completamente streaming che permette appunto di vedere film o serie TV.
  • Chi è: servizio che permette di visualizzare il numero di chi chiama sul display del telefono di casa.
  • Extra Voice: il servizio permette agli utenti di chiamare senza limiti i telefoni nazionali fissi e mobili
  • Voce internazionale: opzione capace di permettere chiamate senza limiti verso i telefoni fissi di Stati Uniti, Canada ed Europa occidentale.
  • Max Speed: aumentare la velocità di connessione della propria linea internet. Ecco che con l'opzione si potranno raggiungere velocità fino a 100 Mbit/s.

L'utente potrà richiedere l'attivazione di uno di questi servizi direttamente tramite il centro di assistenza TIM chiamando al 187 oppure anche recandosi in un negozio della catena di TIM (QUI potete trovare la localizzazione) oppure anche direttamente nell'area privata dell'applicazione di MyTIM.

Chiaramente accettando la proposta di TIM con l'attivazione di uno di questi servizi non si avrà più possibilità di richiedere poi il rimborso in denaro a TIM. In alternativa gli utenti potranno attendere nuove direttive da parte di TIM per portare a termine la richiesta di rimborso vera e propria non accettando questa alternativa dei servizi premium. L'operatore non ha però ancora reso disponibile la procedura per realizzarlo proponendo, per ora, solo questi servizi alternativi che lasciano forse il tempo che trovano.

VODAFONE

Vodafone decide di ottemperare alle richieste dell'AGCOM 269/18/CONS sul periodo della fatturazione a 28 giorni con un form apparso direttamente sul sito dell'operatore italiano e che compilato permette di richiedere la restituzione dei giorni erosi proprio con la fatturazione a 28 giorni. Nella pagina si legge come:

"In seguito al ritorno alla fatturazione mensile delle offerte di rete fissa e convergenti, in base alla delibera AgCom 269/18/CONS, è possibile richiedere la restituzione dei giorni erosi nel periodo decorrente dal 23 giugno 2017 fino al ritorno alla fatturazione su base mensile (5 aprile 2018). I clienti coinvolti possono effettuare la richiesta compilando i seguenti campi e verranno ricontattati al numero indicato"

QUI dunque sarà possibile inserire i propri dati personali e soprattutto quelli che riguardano il numero di rete fissa con il Codice Cliente, reperibile direttamente in fattura, e i vari indirizzi mail o numero di telefono a cui essere reperito da Vodafone per il rimborso. Ricordiamo che questo tipo di procedura viene resa possibile per chi risulta ancora cliente Vodafone. Per chi invece ha già cambiato operatore il form risponderà con un messaggio del tipo "Il suo codice cliente non è idoneo al rimborso". In questo caso si dovrà attendere le istruzioni che Vodafone dovrà far pervenire in futuro per rimborsare anche chi non è più cliente dell'operatore rosso.

Non solo perché in alternativa, se si vorrà rinunciare alla vera e propria richiesta di rimborso sarà possibile accettare delle alternative che Vodafone pone in essere e che potranno essere direttamente richiesti in QUESTA pagina. Ecco la lista dei rimborsi alternativi che potranno essere utilizzati entro il 25 agosto

  • 50 giga validi per un mese sulla SIM mobile, in caso di clienti convergenti, o sulla SIM dati associata all’offerta di rete fissa. Qualora il cliente non avesse a disposizione la SIM dati associata all’offerta di rete fissa potrà ritirarla gratuitamente in un Vodafone Store.

E in aggiunta:

  • 5 vouchertutti usufruibili dal cliente:
    • Nespresso, buono sconto di 120 euro sull’acquisto di una macchina Lattissima, 100 capsule e un descaling kit (con una spesa finale di 179€ anziché 299€),
    • Saldi privati, sconto di 10 euro su una spesa di 50 euro,
    • Traveller, un anno di abbonamento gratuito alla rivista digitale,
    • Philips, sconto di 25 euro su una spesa di 80 euro,
    • Nike, sconto 20%

Bollette a 28 giorni: la vicenda si conclude

Al momento queste le due proposte di TIM e Vodafone per il rimborso in ottemperanza alla richiesta da parte dell'AGCOM e dalla sentenza del Consiglio di Stato. Ricordiamo come la fatturazione mensile aveva detto addio a quella di 28 giorni qualche tempo fa. Lo stop alle bollette non più mensili ma che avevano decretato una mensilità in più era arrivato a fine 2017 direttamente dalla Commissione Bilancio del Senato che aveva approvato un emendamento che di fatto bloccava la fatturazione "breve" nel settore delle telecomunicazioni come anche in quello televisivo.

In tal caso partire dalle offerte di internet per la casa o per l'ufficio passando anche per gli operatori telefonici sia su offerte fisse che mobili ma anche Pay TV dovevano entro 120 giorni tornare ad una scadenza mensile e non più a 28 giorni con esclusione solo delle promozioni non rinnovabili o inferiori al mese. Nel testo dell'emendamento si scopriva oltretutto che sarebbe stato possibile ottenere anche degli indennizzi per gli utenti in caso di "variazione dello standard minimo" della scadenza mensile (o multipli) con un rimborso pari a 50€ al quale si aggiungeva 1 Euro per ogni giorno di fatturazione non adeguata al nuovo provvedimento.

Da qui l'obbligo dei rimborsi dovuti ai cittadini da parte degli operatori entro lo scorso 31 dicembre 2018 che però veniva messa in discussione dal Consiglio di Stato. Questo aveva deciso di accogliere la richiesta delle società di telecomunicazioni congelando almeno fino a data da destinarsi i rimborsi che Vodafone, Tre Italia, Fastweb e Wind avrebbero dovuto elargire agli utenti entro tale data per quanto riguardava la fatturazione a 28 giorni. Il Consiglio di Stato, dopo aver consultato le richieste degli operatori, ha deciso che per gli utenti si debba procedere comunque ad un indennizzo e dunque ad un rimborso.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

55 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
\_Davide_/24 Luglio 2019, 10:35 #1
Fatemi capire, TIM invece di restituirmi la cifra ricevuta in modo illegale la converte nell'acquisto di un suo servizio? Ma scherziamo?
Cfranco24 Luglio 2019, 10:36 #2
Vi presentiamo le nuove puntate della serie "non smetteremo mai di prendervi per il *ulo"
znick24 Luglio 2019, 10:39 #3
Articolo clickbait che denota la deriva che sta prendendo da anni questo sito. Hanno semplicemente riassunto quello che già si era saputo nei giorni scorsi.
In sostanza, TIM deve ancora rendere nota la modalità con cui noi utenti potremo richiedere il rimborso in denaro.
Attendo fiducioso notizie vere.
thresher325324 Luglio 2019, 10:40 #4
Utilizzo del clickbait in maniera criminale oserei dire. Giornalismo del genere andrebbe multato.
[?]24 Luglio 2019, 10:43 #5
In qualsiasi altro paese sviluppato, dopo una sentenza del genere, se l'operatore si fosse mosso come TIM ora... sarebbe successo un casino.
Tra l'altro, voglio sperare che "il giudice" obblighi le società a inviare comunicazione SCRITTA ai clienti con le modalità... perchè se uno non legge i forum online... la % di chi lo saprà è bassissima.
DukeIT24 Luglio 2019, 10:51 #6
Ma l'articolo è fuorviante.
Si dice che viene spiegato come chiedere il rimborso a TIM, ma poi parla solo di servizi in alternativa, come se fosse stabilito che è solo quello il rimborso che darà TIM.
In tal modo si fa disinformazione e si porta acqua al mulino di TIM, con tante persone che crederanno che è solo quello ciò che possono ottenere.
biometallo24 Luglio 2019, 10:52 #7
Originariamente inviato da: znick
Articolo clickbait che denota la deriva che sta prendendo da anni questo sito. Hanno semplicemente riassunto quello che già si era saputo nei giorni scorsi.
In sostanza, TIM deve ancora rendere nota la modalità con cui noi utenti potremo richiedere il rimborso in denaro.
Attendo fiducioso notizie vere.

Quoto al 100% che tristezza....

Originariamente inviato da: [?]
Tra l'altro, voglio sperare che "il giudice" obblighi le società a inviare comunicazione SCRITTA ai clienti con le modalità... perchè se uno non legge i forum online... la % di chi lo saprà è bassissima.

In realtà la sentenza già impone il rimborso automatico, cioè senza alcuna richiesta da parte dell'utente, ma come era immaginabile fanno sempre come gli pare.
s0nnyd3marco24 Luglio 2019, 10:55 #8
Clickbait over 9000!

Attendo che qualche associazione di consumatori pubblichi un tutorial su come richiedere il rimborso *in denaro* per la storia dei 28 giorni. Non sono piu' un loro cliente.
Saturn24 Luglio 2019, 11:00 #9
Originariamente inviato da: thresher3253
Utilizzo del clickbait in maniera criminale oserei dire. Giornalismo del genere andrebbe multato.


Originariamente inviato da: DukeIT
Ma l'articolo è fuorviante.
Si dice che viene spiegato come chiedere il rimborso a TIM, ma poi parla solo di servizi in alternativa, come se fosse stabilito che è solo quello il rimborso che darà TIM.
In tal modo si fa disinformazione e si porta acqua al mulino di TIM, con tante persone che crederanno che è solo quello ciò che possono ottenere.


Originariamente inviato da: s0nnyd3marco
Clickbait over 9000!

Attendo che qualche associazione di consumatori pubblichi un tutorial su come richiedere il rimborso *in denaro* per la storia dei 28 giorni. Non sono piu' un loro cliente.


Vi stupite ancora ? uBlock e Adblocker sono nati apposta.
gd350turbo24 Luglio 2019, 11:04 #10
Originariamente inviato da: s0nnyd3marco
Clickbait over 9000!

Attendo che qualche associazione di consumatori pubblichi un tutorial su come richiedere il rimborso *in denaro* per la storia dei 28 giorni. Non sono piu' un loro cliente.


Non è difficile...

Pec a telecom, in cui in merito alla delibera xxx si chiede il rimborso dei giorni erosi sul iban xxx....

Quasi certamente non risponderanno o diranno di no, allora si va di corecom.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^