Android 11 è stato rilasciato ufficialmente: è il momento di aggiornare

Android 11 è stato rilasciato ufficialmente: è il momento di aggiornare

Android 11 è ora disponibile ufficialmente per gli smartphone della linea Google Pixel (dalla seconda generazione). Molte le novità che guardano all'usabilità, sicurezza e privacy e a far diventare i telefoni sempre più "intelligenti".

di pubblicata il , alle 08:41 nel canale Telefonia
AndroidGooglePixel
 

Google ha rilasciato ufficialmente Android 11 per tutti gli smartphone Pixel a partire dalla seconda versione (Pixel 2) e anche altri produttori si sono uniti in questa giornata di aggiornamenti: per esempio OnePlus, OPPO e Xiaomi, anche se le modalità differiscono rispetto agli smartphone della linea di Mountain View.

Android 11 ufficiale

Le novità di Android 11 e i modelli pronti all'aggiornamento

Come avevamo già sottolineato in passato, Google ha pensato ancora una volta a come gli utenti comunicano. Per questo ha ottimizzato la nuova versione di Android per essere più semplice da utilizzare sotto questo punto di vista. Ora, con Android 11, anche se si utilizzano più app di messaggistica (cosa piuttosto frequente) ci sarà uno spazio dedicato nella sezione delle notifiche così da gestire al meglio le varie conversazioni. Si possono impostare anche priorità per evitare che messaggi meno importanti "nascondano" quelli delle persone a cui teniamo o che in quel momento sono di maggiore peso.

android 11

Per farlo sarà possibile utilizzare le bubbles che ricordano quanto fatto con Facebook Messenger da molto tempo. Questo consente di avere una gestione multitasking senza dover passare da un'app all'altra a schermo intero.

Passando invece a un'altra funzione: con Android 11 arriva la registrazione dello schermo senza utilizzare altre app di terze parti. Si può anche registrare l'audio del microfono. Questo permetterà di realizzare tutorial o mostrare (per esempio) passaggi per aiutare qualcuno o per farsi aiutare in determinate operazioni.

La connettività è ora più smart

Altra novità riguarda la gestione dei dispositivi "smart". La gestione con Android 11 viene accentrata in una scheda che è attivabile semplicemente premendo a lungo il pulsante di accensione. Si potranno gestire per esempio termostato smart, serratura smart e molto altro (utile per chi ha una domotica o dispositivi smart home in casa).

I controlli multimediali sono stati riprogettati. Nella nuova gestione è possibile scegliere dove inviare la riproduzione dei file multimediale e passare da cuffie ad altoparlanti connessi o altro ancora, il tutto con un semplice tocco.

Novità anche per Android Auto. La nuova modalità wireless funzionerà con tutti gli smartphone Android 11, anche se ovviamente l'automobile dovrà essere compatibile. Non sarà più necessario un collegamento fisico rendendo più semplice la connettività. Ci saranno tutte le funzioni come l'accesso all'Assistente, possibilità di inviare messaggi, controllare il percorso e molto altro.

Privacy è sempre importante

I permessi delle app saranno impostabili in modo più accurato. Per esempio è previsto l'accesso a una determinata funzione (microfono, fotocamera e posizione) solamente una volta una. Questo permetterà di evitare che applicazioni possano impossessarsi dei dati degli utenti. Con un'autorizzazione "una tantum" l'app dovrà chiedere ogni volta l'autorizzazione e l'utente potrà concedergliela.

Se poi non si utilizza un'applicazione per molto tempo, Android 11 ripristina automaticamente le autorizzazioni avvisando l'utente del cambiamento. Questo evita che applicazioni abbiano accesso a determinate funzionalità sempre.

Gli aggiornamenti attraverso Google Play riguardanti sicurezza e funzionalità saranno più semplici da ricevere e saranno simili concettualmente ad aggiornare un'app. Non sarà più necessario aspettare un aggiornamento dell'intero sistema operativo, che potrebbe ritardare la correzione di bug o la correzione di problemi di sicurezza.

I Pixel ottengono nuove funzionalità specifiche

Per chi ha acquistato uno smartphone Pixel (dalla seconda generazione in poi) ci sarà la possibilità di avere alcune funzionalità specifiche che arrivano prima sui telefoni di Google.

Con Android 11 arriva la funzionalità Live View per la condivisione della posizione in Google Maps così da incontrarsi più facilmente. Quando un contatto condivide la propria posizione con l'utente si potrà toccare l'icona corrispondente e poi Live View sul lato destro dello schermo. Si potrà vedere così la sua posizione e la distanza dalla posizione attuale dell'utente.

La tastiera sarà ancora più intelligente nei suggerimenti su Pixel. Questo semplifica la digitazione dando suggerimenti utili con le app di messaggistica. Nessuna informazione viene inviata ai server esterni, ma tutto viene salvato e elaborato in locale. Per il momento però è supportata solo la lingua inglese.

Lo smartphone Pixel con Android 11 esaminerà poi la giornata dell'utente per suggerire più velocemente applicazioni utilizzate di frequente in un dato momento. Messaggi, Google Maps, applicazioni multimediali saranno subito a disposizione contestualmente con l'utilizzo degli scorsi giorni.

Semplificato anche il copia-incolla di testo e immagini così come gli screenshot. L'utente potrà quindi avere più strumenti utili sempre senza installare nuove applicazioni. Come per altri smartphone, arriva la creazione intelligente di cartelle: in base all'applicazione sarà possibile raggruppare le app nelle cartelle e dare un nome contestuale.

Gli smartphone che attualmente possono installare la versione definitiva di Android 11 sono Pixel 2, Pixel 2 XL, Pixel 3, Pixel 3 XL, Pixel 3a, Pixel 3a XL, Pixel 4, Pixel 4 XL ma anche OnePlus 8, OnePlus 8 Pro, OPPO X2 e OPPO Reno 3 (gli ultimi quattro attraverso programmi open beta).

17 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Babylon509 Settembre 2020, 08:43 #1
Samsung fa soltanto due aggiornamenti Androit sui dispositivi, controllate bene che quando ne acquistate uno della Samsung vi sia già Android 11 installato altrimenti perderete un aggiornamento.
Fantapollo09 Settembre 2020, 08:56 #2
I primi dispositivi nativi Android 11 come sempre a gennaio
gd350turbo09 Settembre 2020, 09:17 #3
Boh, ma io molte cose che descrivono le ho già sul mio mi9 t pro con android 10 !
TorettoMilano09 Settembre 2020, 09:19 #4
Originariamente inviato da: Babylon5
Samsung fa soltanto due aggiornamenti Androit sui dispositivi, controllate bene che quando ne acquistate uno della Samsung vi sia già Android 11 installato altrimenti perderete un aggiornamento.


no dai dimmi che stai scherzando
sleeping09 Settembre 2020, 09:25 #5
Novità che non danno fastidio e che possono anche essere utili, ma penso che tutti apprezzerebbero di più una bella vita dimagrante e un'ottimizzazione più spinta, un po' come era stato con KitKat. Il sistema ormai è maturo, ma da questo punto di vista ci sarebbe ancora tento lavoro da fare. Oltre al pluriennale problema della mancanza di aggiornamenti di versione per un'infinità di dispositivi o di ritardi di mesi/anni nell'aggiornamento di altri...
gd350turbo09 Settembre 2020, 09:30 #6
Originariamente inviato da: sleeping
aturo, ma da questo punto di vista ci sarebbe ancora tento lavoro da fare. Oltre al pluriennale problema della mancanza di aggiornamenti di versione per un'infinità di dispositivi o di ritardi di mesi/anni nell'aggiornamento di altri...

Quello è impossibile da coordinare...
Viene usato su milioni di dispositivi, telefoni, tv, autoradio, tv box ecc.ecc forniti da un numero indefinito di produttori, i quale ognuno ha le sue politiche di aggiornamento, quindi c'è chi aggiorna sempre , chi ogni tanto e chi mai.
cronos199009 Settembre 2020, 09:40 #7
Ah io non ho nessun problema...

...il mio smartphone non verrà mai aggiornato, sono tranquillo
sleeping09 Settembre 2020, 09:53 #8
Originariamente inviato da: gd350turbo
Quello è impossibile da coordinare...
Viene usato su milioni di dispositivi, telefoni, tv, autoradio, tv box ecc.ecc forniti da un numero indefinito di produttori, i quale ognuno ha le sue politiche di aggiornamento, quindi c'è chi aggiorna sempre , chi ogni tanto e chi mai.


Vero. Però con Windows si riesce, quindi qualcosa di meglio si può fare... Si potrebbe almeno iniziare con 6/7 maggiori produttori...
gd350turbo09 Settembre 2020, 10:09 #9
Originariamente inviato da: sleeping
Vero. Però con Windows si riesce, quindi qualcosa di meglio si può fare... Si potrebbe almeno iniziare con 6/7 maggiori produttori...


Eh bisognerebbe fare un sistema centralizzato, ma andrebbe sconvolta la struttura attuale secondo me...
cronos199009 Settembre 2020, 10:26 #10
Originariamente inviato da: sleeping
Vero. Però con Windows si riesce, quindi qualcosa di meglio si può fare... Si potrebbe almeno iniziare con 6/7 maggiori produttori...
Esempio sbagliato.

Gli aggiornamenti di Windows vengono rilasciati direttamente da Microsoft, per cui hai un'unica fonte che decide come e quando. E comunque effettua un rilascio automatico scaglionato per evitare ingorghi nei server.

Per gli smartphone ogni produttore riceve il pacchetto e poi decide in autonomia. Non solo: anche per ogni singolo smartphone esistono più pacchetti diversi tra loro, che dipendono dal paese e ANCHE dall'operatore di telefonia, il che complica l'assunto.
Come dicevo sopra, il mio smartphone non verrà mai aggiornato. Eppure è un Note 10+ 5G; ho dentro Android 9, non ho avuto neanche l'aggiornamento ad Android 10. Lo sai perchè? Perchè in Italia tale smartphone esiste solo venduto con contratto con la Vodafone. Siccome io per risparmiare l'ho preso ricondizionato (per la precisione era uno dei modelli da esposizione nei centri commerciali) era un no-brand. Ma siccome l'aggiornamento no-brand per l'Italia di quel cellulare non esiste, io non ricevo gli aggiornamenti.

Uno dei problemi di Android saranno sempre gli aggiornamenti dell'OS, e c'è ben poco da fare.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^