Addio al tracciamento dei dati delle app Android: ecco la promessa del nuovo tool di DuckDuckGo

Addio al tracciamento dei dati delle app Android: ecco la promessa del nuovo tool di DuckDuckGo

DuckDuckGo ha introdotto una nuova funzione sul proprio browser che viene eseguita in background sul proprio dispositivo, e che consente di impedire alle app di monitorare e tracciare i dati degli utenti

di pubblicata il , alle 11:31 nel canale Telefonia
 

Un nuovo strumento di DuckDuckGo cerca di impedire alle app di Android di monitorare e tracciare i dati degli utenti. Si chiama App Tracking Protection, e ha lo scopo di offrire maggiore protezione dai tracker di terze parti anche rispetto alla feature App Tracking Transparency di Apple, introdotta a partire da iOS 14.5, che consente agli utenti di disattivare il tracciamento delle app.

La novità è stata riportata dallo stesso team di sviluppo, che spiega che lo strumento non è stato rilasciato né come aggiornamento, né come app dedicata. Chi volesse provare il nuovo strumento anti-tracking deve scaricare il DuckDuckGo Privacy Browser da Play Store e abilitare la funzionalità. L'App Tracking Protection funzionerà poi a livello di sistema, e non solo sul browser, impedendo il tracciamento dei dati da parte delle app di terze parti fra quelle installate sul dispositivo.

DuckDuckGo e lo strumento che fa tremare le grandi compagnie tecnologiche

Una volta abilitata la feature, nello specifico, l'anti-tracker verrà eseguito sullo smartphone in background: lo strumento riconosce quando un'app sta per inviare dati a un tracker remoto di terze parti, e quindi tenterà di impedire lo scambio di informazioni. L'azienda promette che è "continuamente al lavoro per rilevare i nuovi tracker e proteggere gli utenti", quindi ci si aspetta un aggiornamento costante con l'introduzione delle nuove "minacce".

Attraverso il browser è possibile anche monitorare in tempo reale tutti i tracker bloccati dallo strumento, insieme alla tipologia di dato che sarebbe passato nelle mani di realtà di terze parti. Il team di sviluppo - probabilmente esagerando - sostiene che è come se lo smartphone fosse protetto da una VPN, anche se di fatto non se ne sta usando una: "L'app compie la sua magia direttamente dallo smartphone, ma il funzionamento è comunque diverso da una VPN perché non instrada alcun dato attraverso server remoti", ha specificato l'azienda in un post sul blog ufficiale.

Nei test condotti internamente, DuckDuckGo ha scoperto che circa il 96% delle app gratuite più comuni su Android utilizza tracker di terze parti di cui gli utenti sono del tutto inconsapevoli. L'87% di queste app invia dati dell'utente a Google, mentre il 68% manda i dati a Facebook. Lo strumento è ancora proposto in versione beta, ma è possibile accedere a una lista di attesa attraverso il browser, nelle Impostazioni alla voce App Tracking Protection della sezione Privacy. Per accedere alla feature non è necessario inserire alcun dato, neanche l'e-mail. La feature è accessibile solo ad alcuni utenti ad oggi, ma il team ha promesso che estenderà la disponibilità già nelle prossime settimane a più persone.

E' chiaro che DuckDuckGo non può avere accesso alle funzionalità più profonde di Android, tuttavia è probabile che usando il suo anti-tracker insieme a una personalizzazione attenta delle funzioni sulla privacy proposte da Google si possano aggirare diverse tipologie di tracker di terze parti nelle app e impedire alle stesse il monitoraggio dei propri dati.

13 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Tedturb022 Novembre 2021, 11:46 #1
Sembra un po troppo bello per essere vero..
SpyroTSK22 Novembre 2021, 11:49 #2
Cioè in sostanza, è come Blockada o DNS66.
SpyroTSK22 Novembre 2021, 12:05 #3
Originariamente inviato da: Tedturb0
Sembra un po troppo bello per essere vero..


Eppure funziona il metodo, solo che duckduckgo non ha inventato nulla che non ci fosse già, una local vpn che gira i domini o ip presenti nelle blacklist al localhost (127.0.0.1) e quindi per le app non è raggiungibile.

Blockada e DNS66 ne sono un chiarissimo esempio, io uso DNS66, ma blockada è più "user friendly" rispetto a dns66, ovviamente non lo trovi nel playstore, dns66 lo puoi trovare su fdroid mentre blockada lo trovi sul loro sito.
pachainti22 Novembre 2021, 12:47 #4
Originariamente inviato da: SpyroTSK
Cioè in sostanza, è come Blockada o DNS66.


In realtà è più simile a tracker control, ma comunque il risultato è lo stesso. Personalmente preferisco adaway che funziona con e senza root.
daitarn_322 Novembre 2021, 12:48 #5
finalmente, speriamo non lo facciano chiudere, viva la libertà
SpyroTSK22 Novembre 2021, 13:53 #6
Originariamente inviato da: pachainti
In realtà è più simile a tracker control, ma comunque il risultato è lo stesso. Personalmente preferisco adaway che funziona con e senza root.


No, il funzionamento è lo stesso, cambiano le regole dei filtri, ma è quello il funzionamento!
App Tracking Protection is not a virtual private network (VPN), though your device will recognize it as one. This is because App Tracking Protection uses a local “VPN connection” which means that it works its magic right on your smartphone. However, App Tracking Protection is different from VPNs because it never routes app data through an external server.

https://spreadprivacy.com/introduci...ing-protection/
adaway invece, se non ricordo male, modifica i file di hosts nel telefono.

Blockada e dns66 funzionano senza root
pachainti22 Novembre 2021, 17:08 #7
Originariamente inviato da: SpyroTSK
No, il funzionamento è lo stesso, cambiano le regole dei filtri, ma è quello il funzionamento!

Il funzionamento si come ho scritto sopra.

Originariamente inviato da: SpyroTSK
https://spreadprivacy.com/introduci...ing-protection/
adaway invece, se non ricordo male, modifica i file di hosts nel telefono.

Blockada e dns66 funzionano senza root


Adaway dalla versione 5 funziona con root modificando il file hosts e senza root con una VPN fittizia in locale (come blokada, dns66, tracker control).
zappy22 Novembre 2021, 21:00 #8
Originariamente inviato da: daitarn_3
finalmente, speriamo non lo facciano chiudere, viva la libertà


Thalon23 Novembre 2021, 00:46 #9
Dovendo comunque dipendere da uno store per l'installazione ed essendo quello store di proprietà di chi viene danneggiato da questa app non mi meraviglierei se finisse in blacklist e fosse rimossa dallo store "perché viola le norme di utilizzo del servizio".
anto_nio23 Novembre 2021, 06:27 #10

Nessun problema

Personalmente non interessa...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^