A 2 anni perseguitato dal fisco per un contratto 3 Italia mai firmato [Aggiornato]

A 2 anni perseguitato dal fisco per un contratto 3 Italia mai firmato [Aggiornato]

Una situazione assurda per un bambino che oggi ha dieci anni e vive nella periferia di Alessandria. Da 8 anni è "perseguitato" dal fisco italiano per un contratto che naturalmente non ha mai acquistato

di Nino Grasso pubblicata il , alle 14:31 nel canale Telefonia
Tre
 

Secondo Equitalia e l'Agenzia delle Entrate un bimbo di 2 anni della periferia di Alessandria nel 2007 acquistava un abbonamento con l'operatore telefonico 3 Italia. Da allora, a 8 anni di distanza, quello che sembrava un "disguido facilmente risolvibile" si è trasformato in un incubo per la madre, Amalia Iudicone, che ha denunciato il fatto ad Alleanza Consumatori e ha riportato l'avvenimento al quotidiano LaStampa.

Un disguido facilmente risolvibile si è trasformato in un incubo per la madre

Il piccolo ha oggi dieci anni e dovrebbe al Fisco tre fatture contestate, per una somma di 166,59 euro. Si tratta di una cifra naturalmente affrontabile senza troppe problematiche, ma Amalia non vuole demordere per questioni di principio: "Non è una cifra pazzesca, ma è il principio che conta: non posso pagare, sarebbe come ammettere che mio figlio a 2 anni quel telefono l’ha davvero comprato", ha dichiarato la madre.

Ci troviamo di fronte probabilmente ad un semplice caso di omonimia che, se da una parte sembrava risolvibile senza troppa fatica, dall'altra ha messo in seria difficoltà la famiglia piemontese. Il contratto potrebbe essere stato registrato ad un settantenne di Casale Monferrato, tuttavia per la burocrazia italiana sembra impossibile dare una risposta certa, costringendo Amalia a girovagare fra vari uffici, negozi H3G e caserma.

Ma non è bastato: secondo le autorità italiane il bambino rimane ancora l'intestatario del contratto nonostante anche l'ufficiale giudiziario mandato al domicilio della famiglia si sia mostrato incredulo di fronte alla situazione: "Pure lui è rimasto sorpreso nel trovare un bimbo di poco più di 2 anni e mi ha assicurato che avrebbe fatto rapporto per chiarire tutto". Dopo 8 anni, però, Amalia è ben lungi dall'aver trovato una soluzione.

La famiglia si è affidata ad Alleanza Consumatori per risolvere la questione, con la società che promette di denunciare Equitalia per stalking se non "liberano" il bambino entro il compimento della maggiore età.

Aggiornamento con posizione di H3G: "Teniamo a precisare che il presupposto che ha generato la richiesta di pagamento della tassa di concessione governativa è un’utenza di H3G regolarmente intestata ad una persona maggiorenne, omonima del bambino e residente ad Alessandria, che ha omesso di pagare canoni  alla nostra Società e la tassa in questione dovuta al fisco. Non vi è stato alcun errore da parte di H3G nelle operazioni di attivazione e di attribuzione del codice fiscale o delle generalità del cliente maggiorenne, precisando che il codice fiscale intestato al minorenne non è mai transitato nei nostri sistemi. Riteniamo che l’accaduto sia da imputarsi ad un errore materiale nel sistema di trascrizione dei dati - relativi al cliente moroso nei confronti del fisco - che H3G ha invece correttamente trasmesso all’Agenzia incaricata della riscossione della tassa."

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

80 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
SpyroTSK30 Ottobre 2015, 14:34 #1
Non può essere un problema di Omonimia, per un semplice motivo:
Il codice fiscale parla, quindi qualcuno ha truffato la famiglia a nome del bimbo.
Baio7330 Ottobre 2015, 14:38 #2
Ma che significa "Si tratta di una cifra naturalmente affrontabile senza troppe problematiche"??? Pochi o tanti, se sono soldi di un altro che li paghi un altro!

Baio
the_joe30 Ottobre 2015, 14:40 #3
Si, tutto bello e tutto vero, ma un bimbo di 2 anni NON PUO' firmare nessun contratto quindi di cosa stiamo parlando?

Chiaramente chi c'è in mezzo come la famiglia si trova in difficoltà forse per aver sottovalutato da subito la cosa, ma non credo sia difficile arrivare a capo della cosa, di certo il contratto a nome del bambino non può essere considerato valido.
Muppolo130 Ottobre 2015, 14:41 #4
Solo in Italia può accadere una tal cosa. La realtà e la logica che si arrendono di fronte al pachiderma della burocrazia
Pozhar30 Ottobre 2015, 14:45 #5
Originariamente inviato da: Muppolo1
Solo in Italia può accadere una tal cosa. La realtà e la logica che si arrendono di fronte al pachiderma della burocrazia


Concordo...
crepuscolo130 Ottobre 2015, 14:50 #6
Ma di che stiamo parlando? La cosa puzza da 1 miglio lontano.
Un bimbo di 2 anni per legge non può firmare nessun contratto,stop. C'è qualcosa che non quadra.
Pozhar30 Ottobre 2015, 14:52 #7
Ammenoché i genitori non hanno acquistato il contratto intestandolo al bambino e poi hanno firmato loro...

oh wait...

Drizzt30 Ottobre 2015, 14:54 #8
Purtroppo sto affrontando un problema simile anche io, e mi sa che l'unica maniera per uscirne sia pagare.

Nall'ultimo anno diversi call center di diversi operatori hanno provato a fregarmi, ma per fortuna non ci sono mai riusciti.

A Settembre, pero', un call center mi chiama per propormi un aggiornamento di tariffa, per portarla da 2 a 20 gigabyte allo stesso prezzo. Siccome 3 in questi hanni me lo ha fatto spesso, una volta avuta conferma dall'operatore che era possibile farlo ho accettato l'operazione.

Risultato: il call center mi ha attivato una nuova utenza a 35 euro al mese e non posso disdirla. Chiaramente tutta la telefonata era all'insegna del "le aggiorneremo la tariffa", ma a quanto pare nella parte registrata hanno cambiato leggermente le parole in modo da ingannarmi.


La cosa che mi fa piu' inc***are e' che sono cliente 3 business da quasi 10 anni, dovrebbero trattarmi con i guanti, invece l'assistenza telefonica l'unica cosa che puo' dirmi e' "non possiamo farci niente".
mentalray30 Ottobre 2015, 14:54 #9
Debito verso il fisco?
Ma cosa c'entra il fisco con una fattura contestata da un privato?
Al massimo per casi del genere puo' scriverti qualche lettera un avvocato d'ufficio incaricato dall'agenzia di recupero crediti di turno, lettere che si possono tranquillamente usare per farci i coriandoli.
Portocala30 Ottobre 2015, 14:54 #10
Aaah la mitica 3, dove ho scoperto per puro caso di essere già cliente e di avere ben 4 numeri intestati a nome mio di cui non sapevo l'esistenza.
2 mesi di fax e invio documenti quà e là per risolvere...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^