30-40 miliardi di dollari in meno per Huawei dagli smartphone

30-40 miliardi di dollari in meno per Huawei dagli smartphone

Il presidente dell'azienda quantifica in questo importo il calo delle vendite che verrà registrato nel corso del 2021; la causa il ben noto ban ricevuto dall'amministrazione USA nel maggio 2019

di pubblicata il , alle 18:21 nel canale Telefonia
Huawei
 

Come noto, Huawei è alle prese da oltre 2 anni con le conseguenze del ban ricevuto dall'amministrazione USA dell'ex presidente Donald Trump, ban che è continuato anche con l'attuale amministrazione targata Biden. Questa decisione non solo ha bloccato le vendite di periferiche e componenti Huawei negli Stati Uniti, ma impedisce all'azienda di potersi approvvigionare di componenti da parte di fornitori americani o che utilizzino tecnologia made in USA.

Oltre a questo, l'impossibilità di dotare di fabbrica gli smartphone dei servizi Google ha avuto un grande impatto nelle preferenze dei consumatori occidentali, portando a una netta contrazione delle vendite a cui il nuovo corso HarmonyOS non è riuscito finora a sopperire nonostante gli investimenti. L'impatto sulle vendite di vari componenti, smartphone in testa, è stato evidente ma ora emergono nuove conferme direttamente dall'azienda.

Eric Xu, presidente di Huawei, ha infatti quantificato in 30-40 miliardi di dollari il calo di vendite legato agli smartphone che l'azienda registrerà nel corso del 2021. Il successo commerciale dell'azienda nel settore delle soluzioni di connettività 5G non è però tale da poter compensare il calo di fatturato globale registrato per via delle inferiori vendite di smartphone.

HAUWEIIfa2020_720.jpg

Ci vorranno vari anni, secondo l'azienda, prima di poter compensare questa forte contrazione nelle vendite: Huawei ha infatti patito molto gli effetti del ban USA nelle varie nazioni europee, riuscendo almeno in parte a mantenere i volumi in Cina. L'azienda ha quindi deciso di spostarsi anche su altri settori, affiancando l'impegno nelle reti 5G a quello del settore dell'intelligenza artificiale e guardando a nuove opportunità quale fornitore di soluzioni cloud.

Per poter garantire a Huawei tecnologia e componenti necessari per lo sviluppo di nuovi prodotti riveste ruolo fondamentale la capacità della Cina di dotarsi di una produzione nazionale e indipendente di semiconduttori. Passi avanti in questa direzione sono stati fatti nel corso degli ultimi anni ma non al punto da poter garantire a Huawei quanto necessario: la strada è ancora lunga e complessa e non è detto che la Cina riesca a sviluppare capacità una capacità produttiva nel mondo dei semiconduttori tale da rivaleggiare con i principali player del settore quali Samsung e TSMC.

4 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
demon7727 Settembre 2021, 19:03 #1
Con buona pace del "non è cambiato nulla".
Il ban, come era ampiamente prevedibile, ha picchiato duro sul ramo smartphone di Huawei.
frankie27 Settembre 2021, 19:16 #2
ma non potevano dotarli di GMS e venderli negli altri paesi (Italia inclusa)
Tedturb027 Settembre 2021, 23:01 #3
Originariamente inviato da: demon77
Con buona pace del "non è cambiato nulla".
Il ban, come era ampiamente prevedibile, ha picchiato duro sul ramo smartphone di Huawei.


Avra picchiato anche su quello Networks, visto che una dopo l'altra, molte nazioni hanno abbandonato apparati huawei.
Gli saranno rimasti i non allineati, ma di certo anche quel ramo ha visto una contrazione
s0nnyd3marco28 Settembre 2021, 08:17 #4
Originariamente inviato da: frankie
ma non potevano dotarli di GMS e venderli negli altri paesi (Italia inclusa)


Per poi ritrovarsi a dover fronteggiare in tribunale una causa contro Google in tutti i paesi in cui decidono di venderli con i GMS senza licenza Google?

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^