1,8 miliardi di dollari: ecco il costo per rimuovere Huawei e ZTE dai network americani

1,8 miliardi di dollari: ecco il costo per rimuovere Huawei e ZTE dai network americani

di pubblicata il , alle 11:21 nel canale Telefonia
ZTEHuawei5G
 

La U.S. Federal Communications Commission ha, alla fine del 2019, emesso un ordine che vieta alle aziende impegnate nella costruzione di network di telecomunicazioni su territorio nord americano di servirsi di apparati sviluppati da Huawei e ZTE.

La motivazione alla base di questa decisione è quella di assicurare il massimo livello di sicurezza dei dati su questo tipo di network, sicurezza che sarebbe messa in pericolo da aziende cinesi quali sono Huawei e ZTE. Non solo niente nuovi impianti con componentistica di queste aziende, ma sto anche a quelli già in uso che dovranno essere aggiornati con componenti ritenuti sicuri.

EMUInews_720.jpg

L'FFC ha calcolato che la rimozione e la sostituzione dell'infrastruttura di telecomunicazioni attualmente basata su componenti e prodotti Huawei e ZTE avrà un costo stimato di circa 1,837 miliardi di dollari USA. A questa stima si è giunti attraverso un confronto delle analisi condotte dai vari carrier che operano negli Stati Uniti e che dovranno mettere mano a quelle parti dei propri network che vedono l'utilizzo di infrastrutture Huawei e ZTE.

Il Congresso americano non ha ancora approvato i fondi richiesti per rimborsare i carrier dei costi legati all'aggiornamento dei propri network di rete: quando questo avverrà è ipotizzabile che la procedura avrà effettivamente inizio. Una decisione quindi particolarmente onerosa per i contribuenti americani, che in questo modo otterranno a giudizio della U.S. Federal Communications Commission un network cellulare sicuro, soprattutto pensando alla migrazione verso tecnologia 5G.

18 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Sputafuoco Bill07 Settembre 2020, 11:32 #1
Pochi spiccioli in cambio di indipendenza e sicurezza. E' un esempio di come i soldi spesi per prevenire siano infinitamente minori di quelli per curare.
Axios200607 Settembre 2020, 12:01 #2
Originariamente inviato da: Sputafuoco Bill
Pochi spiccioli in cambio di indipendenza e sicurezza. E' un esempio di come i soldi spesi per prevenire siano infinitamente minori di quelli per curare.


Appunto.

Cosa sono 1,8 miliardi per una superpotenza come gli USA.... Sarebbero come 1,8 euro per me.
robweb207 Settembre 2020, 12:36 #3
2 spicci per gli U.S.A.
Hanno fatto benissimo.
frankie07 Settembre 2020, 12:49 #4
ma le prove della insicurezza?
nyo9007 Settembre 2020, 13:25 #5
Originariamente inviato da: Sputafuoco Bill
Pochi spiccioli in cambio di indipendenza e sicurezza.


Quale sicurezza?
Perché gli USA dovrebbero garantire più sicurezza della Cina?
Perché i prodotti cinesi dovrebbero necessariamente avere backdor e problemi di sicurezza? Perché gli USA - che negli anni hanno chiesto ad Apple di inserire backdoor e creare firmware modificarti per aggirare la crittografia dei propri smartphone - non dovrebbero fare lo stesso?
Perché dovrei fidarmi degli USA che hanno accusato i produttori di server cinesi di annegare chip di controllo nelle schede madri dei server americani e che - SORPRESA! - a qualsiasi controllo è venuto fuori che non esistevano?

Ad oggi tra un prodotto USA e uno cinese non vedo differenza in termini di privacy e sicurezza.

Gli USA stanno combattendo la loro guerra economica con la Cina. Non possono produrre a meno, non possono produrre con la stessa qualità e non possono garantire la stessa qualità. Come da prassi il regime del terrore e la paura per le altre potenze è l'asso nella manica di questi cialtroni.
Takuya07 Settembre 2020, 13:34 #6
Originariamente inviato da: frankie
ma le prove della insicurezza?


Per ora nessuna, mentre dall'altra parte dell'Oceano...

Snowden: The NSA planted backdoors in Cisco products

Report: NSA Spied on Chinese Telecoms Giant

N.S.A. Breached Chinese Servers Seen as Security Threat

Hanno messo le mani sul codice sorgente dei firmware Huawei ma dopo 6 anni non sono ancora riusciti a produrre uno straccio di prova.
Cappej07 Settembre 2020, 13:43 #7
tirano a fare ciccia

lo scopo è la de-cinesizzazione a pro delle loro infrastrutture che costando molto di più, non possono che appellarsi alla SICUREZZA NAZIONALE che, badate bene, ci sta... Però lo scopo finale si sa... è rilanciare l'economia Americana contro l'import cinese.
Faccio notare un esempio terra-terra...
ho visto kit di cartoline comprate in USA nella Monumet Valley con le foto più belle e tipiche e-bla-e-bla-ebla...sul retro c'era scritto PRINTED in China.
Ora come è possibile che in 50 paesi della federazione non ci sia una tipografia con un prezzo decente?! devi stra-fare e andare in China a fartele stampare?
Diciamo è ridicolo a scriversi ed a sentirsi, ma purtroppo lo sciacallaggio del mercato dei prezzi conduce a questo
Tutti vogliamo "pagare meno" ma alla fine questo risparmio lo si paga in fondo, quando la disoccupazione toccherà i massimi storici poichè tutto verrà decentralizzato in nome dello "spendere meno".

Una LECITA concorrenza è corretta, una SCORRETTA concorrenza distrugge i mercati, le aziende ed il lavoro del singolo

Dal mio punto di vista i dazi verso la Cina hanno una loro giustificazione, l'accanimento sulle tecnologie per fargli fare il botto, no...

IMHO
Tedturb007 Settembre 2020, 14:04 #8
Originariamente inviato da: Cappej
tirano a fare ciccia

lo scopo è la de-cinesizzazione a pro delle loro infrastrutture che costando molto di più, non possono che appellarsi alla SICUREZZA NAZIONALE che, badate bene, ci sta... Però lo scopo finale si sa... è rilanciare l'economia Americana contro l'import cinese.
Faccio notare un esempio terra-terra...
ho visto kit di cartoline comprate in USA nella Monumet Valley con le foto più belle e tipiche e-bla-e-bla-ebla...sul retro c'era scritto PRINTED in China.
Ora come è possibile che in 50 paesi della federazione non ci sia una tipografia con un prezzo decente?! devi stra-fare e andare in China a fartele stampare?
Diciamo è ridicolo a scriversi ed a sentirsi, ma purtroppo lo sciacallaggio del mercato dei prezzi conduce a questo
Tutti vogliamo "pagare meno" ma alla fine questo risparmio lo si paga in fondo, quando la disoccupazione toccherà i massimi storici poichè tutto verrà decentralizzato in nome dello "spendere meno".

Una LECITA concorrenza è corretta, una SCORRETTA concorrenza distrugge i mercati, le aziende ed il lavoro del singolo

Dal mio punto di vista i dazi verso la Cina hanno una loro giustificazione, l'accanimento sulle tecnologie per fargli fare il botto, no...

IMHO


Allora mandali fuori dal WTO. Poi possiamo tornare a fare i buoni. Vale sempre il solito discorso: se giochi con noi giochi secondo le nostre regole, se non lo fai non lamentarti se gli altri si incaxxano e te la fanno pagare.
Korn07 Settembre 2020, 14:06 #9
hanno sfruttato la popolazione cinese per i loro comodi ora lo spettinato ha cambiato idea e ci rimettiamo noi vabbene...
WarDuck07 Settembre 2020, 14:11 #10
Originariamente inviato da: nyo90
Quale sicurezza?
Perché gli USA dovrebbero garantire più sicurezza della Cina?
Perché i prodotti cinesi dovrebbero necessariamente avere backdor e problemi di sicurezza? Perché gli USA - che negli anni hanno chiesto ad Apple di inserire backdoor e creare firmware modificarti per aggirare la crittografia dei propri smartphone - non dovrebbero fare lo stesso?
Perché dovrei fidarmi degli USA che hanno accusato i produttori di server cinesi di annegare chip di controllo nelle schede madri dei server americani e che - SORPRESA! - a qualsiasi controllo è venuto fuori che non esistevano?

Ad oggi tra un prodotto USA e uno cinese non vedo differenza in termini di privacy e sicurezza.


Infatti qui si sta parlando di infrastrutture di telecomunicazioni *negli USA*. E se permetti gli USA possono fare quello che vogliono con le loro infrastrutture, senza rendere conto a nessuno tranne che ovviamente ai propri cittadini.

Per inciso, sarebbe ora che anche l'Europa si rendesse indipendente dal punto di vista tecnologico non solo dalla Cina, ma anche dagli USA.

Originariamente inviato da: nyo90
Gli USA stanno combattendo la loro guerra economica con la Cina.


Il che è un bene, non un male.

Originariamente inviato da: nyo90
Non possono produrre a meno, non possono produrre con la stessa qualità e non possono garantire la stessa qualità.


Frutto di una manodopera dai costi bassi e di anni di de-localizzazione per cui abbiamo, come occidente, regalato molto know-how ai cinesi.

Originariamente inviato da: nyo90
Come da prassi il regime del terrore e la paura per le altre potenze è l'asso nella manica di questi cialtroni.


Sono potenze mondiali che come tali fanno i propri interessi, di certo non quelli del globo. Vale per gli USA così come per la Cina o per la Russia.

Sarebbe ora che valesse lo stesso per l'Europa, ma è fin troppo debole per contrastare queste potenze.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^