Un meno -15% nelle vendite di tablet è atteso per il Q3 2015

Un meno -15% nelle vendite di tablet è atteso per il Q3 2015

Digitimes Research conferma una stima negativa, meno 15%, per le vendite di tablet attese per il terzo trimestre 2015. Un segnale chiaro dal mercato, con i consumatori che non pensano ad aggiornare i propri modelli

di Paolo Corsini pubblicata il , alle 14:31 nel canale Tablet
AppleSamsungMicrosoftiPadSurfaceLenovo
 

Dopo anni di forte crescita, in alcuni casi con incrementi annuali a sfiorare il 100%, il mercato dei tablet ha iniziato a conoscere una fase di stabilizzazione e riduzione dei volumi di vendita. Nel corso del secondo trimestre 2015 le vendite sono calate rispetto allo scorso periodo dello scorso anno e la dinamica non sembra destinata a rallentare.

Digitimes Research stima, per il terzo trimestre 2015, un ulteriore calo nelle vendite quantificato nel 15% di contrazione rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Interessanti le dinamiche interne tra i produttori, con Apple che è prevista in contrazione con le vendite dei tablet iPad nel periodo di riferimento per un calo stimato nel 20% rispetto al corrispondente periodo del 2014.

A comportarsi meglio del mercato saranno i produttori cinesi di tablet cosiddetti white-box, in grado di beneficiare di una domanda in crescita del 15% proveniente soprattutto dai mercati esteri e non dalla domanda interna. Dinamica diversa per i produttori di tablet non white box basati su OS Android, che sono attesi a vendite in lieve contrazione (-7%) ma con una dinamica generale migliore rispetto a quella prevista per Apple.

Tra i produttori Apple, Samsung e Lenovo continuano a restare ancorati alle 3 posizioni di vertice mentre l'analisi stima per Asustek un ritorno alla quarta posizione. A seguire TLC e interessante segnalare come Microsoft sia indicata alla settima posizione grazie alla propria linea di prodotti Surface, in attesa del debutto della quarta generazione attesa nel corso del quarto trimestre 2015.

Tutto questo è frutto di una dinamica di mercato ben chiara, che vede i consumatori sempre interessanti ai tablet quali strumenti di intrattenimento personale e per informarsi con siti e servizi web. Questo interesse non si trasforma però più, come avvenuto in passato, nella necessità di acquistare un nuovo tablet a poco tempo di distanza dal proprio precedente acquisto: l'evoluzione tecnologica non è più così repentina da rendere obsoleto in breve tempo il tablet in proprio possesso. Da questo una spinta verso la sostituzione del proprio dispositivo che è sempre meno incisiva, e che si riflette sul calo dei volumi di vendita.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

10 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
ziozetti04 Agosto 2015, 15:13 #1
Ottimo, un +15% quindi!
C'è la doppia negazione nel titolo.
Cooperdale04 Agosto 2015, 15:23 #2
Mwahahahahahahahahahah morte ai tablet!
ziozetti04 Agosto 2015, 15:29 #3
Originariamente inviato da: Cooperdale
Mwahahahahahahahahahah morte ai tablet!

Ecco un giudizio documentato e circostanziato!
I tablet sono ottimi strumenti da usare per passatempo, gioco, internet, come intefaccia web per sistemi 1.0 (sentire webradio su stereo, per esempio).
Sciocco chi è convinto possano sostituire un pc, sciocco chi li odia per partito preso.
sbaffo04 Agosto 2015, 16:53 #4
@zio
infatti, sono dei giocatolini e poco più, passata la moda stanno avendo la stessa parabola dei netbook che poi sono scomparsi, anche se i tablet non credo 'moriranno' cosi in fretta.

Anche perchè ora ci pensano i produttori e dare un motivo per sostituirli, a iniziare da samsung :
http://www.telefonino.net/Samsung/N...-a-samsung.html
ziozetti04 Agosto 2015, 17:04 #5
Originariamente inviato da: sbaffo
@zio
infatti, sono dei giocatolini e poco più, passata la moda stanno avendo la stessa parabola dei netbook che poi sono scomparsi, anche se i tablet non credo 'moriranno' cosi in fretta.

Anche perchè ora ci pensano i produttori e dare un motivo per sostituirli, a iniziare da samsung :
http://www.telefonino.net/Samsung/N...-a-samsung.html


Putroppo i netbook sono stati uccisi proprio dalla moda che non ne ha capito le potenzialità (all'epoca): trasportabilità, autonomia, un SO desktop completo sacrificando un po' di ergonomia e di prestazioni. L'hanno comprato tutti perché costava poco per poi lasciarlo nel cassetto come un giocattolino costoso.
Dai netbook sono nati gli ultrabook e i tablet "business" stanno anch'essi facendo la stessa fine: SO desktop+app e tastiera.
AleLinuxBSD04 Agosto 2015, 17:21 #6
I produttori, anziché pensare a strategie di breve termine, quali l'idea di continue sostituzione, dovrebbero innovare, considerando che non hanno ancora neanche scalfito le tante potenzialità esistenti specialmente in ambito tablet.
Invece preferiscono lamentarsi anziché agire.
massimo79m04 Agosto 2015, 17:21 #7
Originariamente inviato da: ziozetti
Ecco un giudizio documentato e circostanziato!
I tablet sono ottimi strumenti da usare per passatempo, gioco, internet, come intefaccia web per sistemi 1.0 (sentire webradio su stereo, per esempio).
Sciocco chi è convinto possano sostituire un pc, sciocco chi li odia per partito preso.



straquoto, il tablet e' fatto per fruire di contenuti, e per molti usi e' comodissimo.
io non avendo un tablet (almeno, uno che si possa definire cosi'), non posso sdraiarmi sul divano a guardarmi wikipedia o youtube, se lo fai con un notebook e' scomodissimo.
pero' e' ovvio che il mercato sia in discesa.
finche' non proporranno qualcosa di veramente innovativo (non la solita minestra riscaldata del retina/non retina, un pollice in piu'/un pollice in meno), pochi sentiranno la necessita' di cambiare tablet.
NeedForSpeed7304 Agosto 2015, 18:09 #8
Originariamente inviato da: ziozetti
Putroppo i netbook sono stati uccisi proprio dalla moda che non ne ha capito le potenzialità (all'epoca): trasportabilità, autonomia, un SO desktop completo sacrificando un po' di ergonomia e di prestazioni. L'hanno comprato tutti perché costava poco per poi lasciarlo nel cassetto come un giocattolino costoso.
Dai netbook sono nati gli ultrabook e i tablet "business" stanno anch'essi facendo la stessa fine: SO desktop+app e tastiera.

Quoto! Ho amato il mio vecchio Samsung NC10 sul quale ero addirittura riuscito ad installare OSX (sì, lo so, non sarebbe legale... ).
Onestamente ho da un anno e mezzo un iPad Air e tutto quello che ci faccio lo posso fare altrettanto bene con lo smartphone che mi sta in tasca e si collega ad internet anche in assenza di WiFi disponibili.
Per guardare un paio di video stupidi (tipo Youtube) basta lo smartphone; per i film forse sarò all'antica ma 10" e cuffiette non è un'esperienza "cinematografica", meglio TV 55" e home-theater o meglio ancora... si va al cinema!
Le applicazioni non ne parliamo: anche quelle con nome "blasonato" che richiama a prodotti desktop di successo sono poco più che gadget, vedi Lightroom-mobile che neanche gestisce il file .RAW.
Cooperdale04 Agosto 2015, 18:20 #9
Originariamente inviato da: ziozetti
Ecco un giudizio documentato e circostanziato!
I tablet sono ottimi strumenti da usare per passatempo, gioco, internet, come intefaccia web per sistemi 1.0 (sentire webradio su stereo, per esempio).
Sciocco chi è convinto possano sostituire un pc, sciocco chi li odia per partito preso.


E sciocchissimo chi non ha il dono dell'ironia.
mrk-cj9405 Agosto 2015, 03:05 #10
c'è sempre la questione "prestazione + ricambio":
nel 2010-11 eri "costretto" a cambiarne uno all'anno perchè le prestazioni erano scandalose (gli Android laggavano SEMPRE e OVUNQUE) e dopo un'ora ti veniva il mal di testa... poi nel 2012 uscì Note 10.1, cioè il mio primo tablet (i precedenti li avevo provati ed evitati) ed ad ora è anche il mio ultimo... la prestazione è da anni (parlo di quelli top) più che sufficiente per durare un sacco di tempo, ecco perchè io ho contribuito nel 2012 e fino al 2017 (minimo?) sono a posto, non ho motivo di cambiarlo e nulla sul mercato mi fa cambiare idea...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^