Tablet PC con piattaforma Intel Medfield al CES di Las Vegas

Tablet PC con piattaforma Intel Medfield al CES di Las Vegas

Sembra confermato l'esordio, almeno in forma di prototipo avanzato, di alcuni tablet PC basati sull'attesa piattaforma Intel Medfield, attesi per il CES di Las Vegas

di Alessandro Bordin pubblicata il , alle 17:19 nel canale Tablet
Intel
 

Alcune fonti, fra cui Engadget e PCLaunches, indicano come imminente la presentazione, da parte di Intel, di alcuni prototipi di tablet PC equipaggiati con l'attesa piattaforma Medfield. Ricordiamo brevemente che Medfield è la piattaforma che raccoglie l'eredità di Moorestown, che aveva stupito un po' tutti nell'era pre-iPad ma che non ha saputo trovare la via di una commercializzazione convincente.

Intel sa di essere in svantaggio nel campo degli smartphone e dei tablet, in mano a soluzioni Qualcomm-ARM, A5 e in parte Nvidia Tegra. Considerando l'importanza del settore e le forze che può mettere in campo Intel, è difficile non attendersi un tentativo convincente di ritagliarsi un po' di questo redditizio mercato. Ecco dunque farsi strada la notizia della presentazione, nel corso del CES di Las Vegas, di nuovi tablet basati sulla nuova piattaforma.

Medfield

Realizzato con tecnologia produttiva a 32nm, Medfield è di base un SoC che promette consumi molto ridotti abbinati a prestazioni superiori ai concorrenti, stando ovviamente alle dichiarazioni di Intel. Le anteprime mostrano inoltre uno di questi prototipi in abbinamento a un sistema operativo Android 4.0, motivo per cui esistono margini per pensare che la strada che Intel intende percorrere sia finalmente quella giusta, ovviamente in questo campo.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

4 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Fray21 Dicembre 2011, 17:55 #1
Finchè non vedo non credo...certo se le dichiarazione fossero vere o almeno verosimili dove sarebbe lo strapotere arm per questo tipo di soluzioni?
mauriziofa21 Dicembre 2011, 18:54 #2
Innanzitutto Medfield è sviluppata a 32nm e compete con soc Arm sviluppati a 45nm ciò vuol dire che è indietro come architettura se devi scendere di nanometri in confronto al concorrente significa che a parità di nanometri, 45, Medfield scalderebbe e consumerebbe di piu degli Arm e con prestazioni identiche .

Aspettiamo e vediamo, prima di avere una risposta bisogna vedere i prezzi, innanzitutto, che Intel farà agli OEM per far montare il suo Soc e poi la risposta di Arm che aveva in serbo, sopratutto Qualcomm con la Piattafroma SnapDragon e Nvidia, quad core a 32nm a 2.5ghz da vedere in confronto a Medfield come vanno questi ultimi.

Maurizio
930BF21 Dicembre 2011, 21:47 #3
con questa categoria di processori conta molto di più l'architettura e non la litografia del processo utilizzato...

il fatto che intel sia riuscita ad avvicinarsi cosi tanto è veramente impressionante... oramai si è arrivati ad un punto in cui è più importante mantenere la compatibilità con le applicazioni che avere chissà quali prestazioni...

un tablet ARM per quanto mi riguarda è totalmente inutile... uno x86 mi permetterebbe di aprire scenari moooolto interessanti
Elnotaro21 Dicembre 2011, 23:02 #4
Originariamente inviato da: mauriziofa
Innanzitutto Medfield è sviluppata a 32nm e compete con soc Arm sviluppati a 45nm ciò vuol dire che è indietro come architettura se devi scendere di nanometri in confronto al concorrente significa che a parità di nanometri, 45, Medfield scalderebbe e consumerebbe di piu degli Arm e con prestazioni identiche .

Aspettiamo e vediamo, prima di avere una risposta bisogna vedere i prezzi, innanzitutto, che Intel farà agli OEM per far montare il suo Soc e poi la risposta di Arm che aveva in serbo, sopratutto Qualcomm con la Piattafroma SnapDragon e Nvidia, quad core a 32nm a 2.5ghz da vedere in confronto a Medfield come vanno questi ultimi.

Maurizio


Il fatto che un chip a 32 Nm ha le stesse prestazioni di uno a 45 significa che quello a 32 consumerà e scalderà molto meno dell'altro. E' semplicemente una scelta progettuale: potevano fare un chip a 32 molto più veloce del 45, ma con consumi simili

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^