Potenza di calcolo e autonomia nei tablet? La ricetta di AMD

Potenza di calcolo e autonomia nei tablet? La ricetta di AMD

Turbo Dock è il nome con il quale AMD indica una tecnologia per sistemi tablet convertibili di prossima generazione, capace di bilanciare potenza di calcolo ad elevata autonomia a seconda della modalità d'uso

di Paolo Corsini pubblicata il , alle 13:31 nel canale Tablet
AMD
 

AMD ha sviluppato una nuova tecnologia grazie alla quale fornire alle soluzioni tablet convertibili un ideale bilanciamento tra potenza di calcolo e autonomia di funzionamento in modalità tablet.

Stando a quanto indicato dal sito ComputerWorld la logica di funzionamento è molto semplice. Quando il tablet è utilizzato scollegato dalla tastiera le specifiche di funzionamento sono tarate per ottimizzare il consumo della batteria; nel momento in cui viene collegata la tastiera e il tablet portato ad operare come dispositivo mobile più vicino ad un notebook le specifiche di funzionamento vengono incrementate, così da avere a disposizione maggiore potenza di calcolo.

Turbo Dock, questo il nome indicato per la tecnologia, dovrebbe permettere di ottenere un incremento delle prestazioni velocistiche sino al 40% nel momento in cui il tablet venga collegato ad una docking station con tastiera. La tecnologia verrà introdotta con la prossima generazione di APU AMD per sistemi tablet, nota con il nome in codice di Temash. Questa nuova classe di APU è stata mostrata da AMD lo scorso mese in occasione del CES di Las Vegas ed è prevista al debutto nel corso della primavera; tra le caratteristiche tecniche segnaliamo l'utilizzo dei nuovi core della famiglia Jaguar.

Il principio di funzionamento crediamo preveda l'utilizzo di frequenza di clock di default per la APU nel momento in cui la tastiera sia collegata allo schermo, e una forte riduzione della frequenza di clock della APU quando viene utilizzata la sola modalità tablet, con conseguente contenimento della tensione di alimentazione oltre che dei consumi complessivi.

La particolarità di questa soluzione è quella di non dipendere dal tipo di implementazione scelta dal produttore, ma standardizzata da AMD all'interno della propria piattaforma hardware. Ogni partner dell'azienda americana potrà pertanto implementare questa tecnologia in propri tablet convertibili, strategia che crediamo potrà aumentarne la diffusione in modo rapido.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

8 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
lucusta21 Febbraio 2013, 13:42 #1
giusto oggi riguardavo la roadmap di AMD per capire se verra' commercializzata una APU con gli 8 core jaguard della PS4... i jaguard sono alla base di brazos (K10) e mi sembrava strano l'uso di tali core.
marchigiano21 Febbraio 2013, 13:52 #2
AMD ha sviluppato una nuova tecnologia grazie alla quale fornire alle soluzioni tablet convertibili un ideale bilanciamento tra potenza di calcolo e autonomia di funzionamento in modalità tablet.


saranno almeno 6 anni che i notebook auto-limitano le frequenze quando vanno solo a batteria... sai che novità
M@n21 Febbraio 2013, 14:07 #3
Originariamente inviato da: marchigiano
saranno almeno 6 anni che i notebook auto-limitano le frequenze quando vanno solo a batteria... sai che novità

quoto
e poi tutto sommato un tablet e' nato per lavorare in mobilita' quindi l'uso sulla dock sara alquanto limitato nel tempo al contrario di quanto puo' avvenire per i pc portatili.
moddingpark21 Febbraio 2013, 14:27 #4
Originariamente inviato da: lucusta
giusto oggi riguardavo la roadmap di AMD per capire se verra' commercializzata una APU con gli 8 core jaguard della PS4... i jaguard sono alla base di brazos (K10) e mi sembrava strano l'uso di tali core.


Anche se più vicina all'architettura di un computer, PS4 avrà comunque dei chip custom, usanza abbastanza comune nel mondo delle console (persino lo Z80 del Gameboy era una versione custom).

Ciò è dipeso dal fatto che le console sono preposte quasi unicamente al solo scopo di far funzionare dei videogiochi.

Se devo essere sincero anche io sono andato a vedere la roadmap AMD, ma non so se aspettarmi un'APU octa-core "Jaguar" per il mercato consumer, nei prossimi mesi.
fabio.xs21 Febbraio 2013, 14:48 #5
Veramente c'è qualcun'altro che sta pensando in altri modi ad aumentare l'autonomia:

http://gogreen.virgilio.it/b2b/news...vetto_9119.html

Certo una notizia del genere la leggo prima su virgilio e poi su HWUpgrade, la cosa un pò mi meraviglia...
threnino21 Febbraio 2013, 17:32 #6
Originariamente inviato da: fabio.xs
Veramente c'è qualcun'altro che sta pensando in altri modi ad aumentare l'autonomia:

http://gogreen.virgilio.it/b2b/news...vetto_9119.html

Certo una notizia del genere la leggo prima su virgilio e poi su HWUpgrade, la cosa un pò mi meraviglia...


C'è anche chi, si dice, la presenterà a brevissimo al MWC di barcellona. Link
Ovvero settimana prossima...
lucusta21 Febbraio 2013, 18:44 #7
quando uscira' questa tecnologia si vedra'...
oggi si abbassano le frequenza, magari hanno trovato il modo di disabilitare parte degli SP e la meta' dei core.

pensavo, tempo fa', che se facessero portatili MP in modalita' a batteria si potrebbe far funzionare solo una CPU, in modalita' attaccati alla linea si potrebbero far operare entrambe le CPU, poi ho pensato che difficilmente si potra' mai vedere una cosa del genere.
rockroll22 Febbraio 2013, 07:03 #8
Originariamente inviato da: marchigiano
saranno almeno 6 anni che i notebook auto-limitano le frequenze quando vanno solo a batteria... sai che novità


Beh, dipenda da come la realizzi questa "novità".

Io ti posso dire lo stato dell'arte in materia, avendo acquistato con un'offertona a fine anno per 349 € un notebook HP Pavilion G6-2149sl (Trinity) che monta GPU 2.7 GHz AMD Dual-Core A6-4400M e APU Radeon HD7520G+7670M Dual Graph. L'APU (ovvero CPU) è in grado di variare dinamicamente, in funzione della richiesta di potenza al momento, in un range che va da 1.4 a 3.2 GHz (overboost), range entro il quale io posso scegliere limiti specifici min e max sia per alimentazione a batteria (ho limitato da 1.4 a 1.8) che per alimentazione da rete elettrica (ho impostato max, ossia da 3.2 a 3.2, dato che la macchina scalda poco ed HP mi assicura che regge benissimo in overboost daily senza danno). In più posso scegliere se usare sk video cablata HD7520G o discreta 7670M o ambedue in CrossFire... Questo come impostazione generale, ma c'è di più, in quanto posso a livello di singolo modulo.exe, come eccezione alle regole generali, impostare scelte diverse sia come APU che come GPU.
Controllando con CPU-Z, ho verificato il funzionamento di questa gestione, tutto OK, ed in più posso dire che anche i voltaggi vengono adeguatamente limitati, come logica vuole, e quel che varia macroscopicamente è il moltiplicatore, che oscilla in funzione delle richieste tra i valori impostati (tra 14 e 32 impostando i limiti estremi), mentre non mi pare di notare particolari variazioni sul valore di FSB, che oscilla di poco intorno a 100 MHz, valore che a detta di HP mi permetterebbe ulteriori buoni margini di overclock specie con base ventilata.

Bene, tale filosofia mi pare ottimale, non so cosa avranno escogitato per i futuri tablet, ma penso che le tecnologie cui allude AMD in definitiva non potranno discostarsi molto da quanto già applicato nel mio laptop.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^