Niente più tablet Windows RT nel futuro di Asus

Niente più tablet Windows RT nel futuro di Asus

Asus conferma la volontà di interrompere lo sviluppo di future soluzioni tablet basate su sistema operativo Windows RT, dopo il ridotto successo commerciale del modello VivoTab RT

di pubblicata il , alle 08:31 nel canale Tablet
ASUSWindowsMicrosoft
 

Alcuni giorni fa il presidente di Asus, Jerry Shih, aveva manifestato un certo malcontento per i risultati di vendita dei propri tablet basato su sistema operativo Windows RT. Nello specifico il modello VivoTab RT, proposta giunta al debutto sul mercato alla fine del mese di Ottobre dello scorso anno, non era stata capace di raccogliere i risultati di vendita inizialmente sperati.

Non sorprende quindi scoprire come Asus abbia deciso di interrompere lo sviluppo di future soluzioni tablet basate su sistema operativo Windows RT. Il CEO dell'azienda, Jerry Shen, ha del resto evidenziato come non sia una opzione specifica di Asus ma un sentimento comune tra gli operatori di settore riconoscere come Windows RT non sia stato un sistema operativo di successo.

Asus ha confermato la propria intenzione di continuare lo sviluppo di soluzioni tablet basate su piattaforma Windows per il futuro, ma concentrandosi solo sulle proposte basate su OS Windows 8 in abbinamento a processori Intel.

Per Microsoft in ogni caso continua il supporto a Windows RT, sia nell'attuale implementazione sia in termini di roadmap futura. Del resto questo sistema operativo, e i prodotti su questo basati, vanno a posizionarsi in un segmento di mercato molto interessante e competitivo nel quale sono presenti al momento numerosi tablet basati su OS Google Android.

Questo mercato non può, quantomeno al momento attuale, essere approcciato con tablet basati su architettura Intel Haswell in quanto il prezzo di questi prodotti è troppo elevato rispetto alle soluzioni concorrenti basate su architettura ARM. I tablet Windows 8 restano quindi proposte di fascia più alta, anche se il debutto delle nuove CPU Intel della famiglia Atom basate su architettura Silvermont potrebbe in parte cambiare il quadro. Microsoft quindi necessita di Windows RT per poter andare a presidiare il ricco mercato dei tablet basati su architettura ARM, che se così non fosse andranno solo nella direzione di Android.

Resta ben evidente come Microsoft debba continuare ad accelerare lo sviluppo del proprio app store così da rendere i propri sistemi operativi Windows RT e Windows 8 maggiormente appetibili rispetto a quanto offerto a livello ecosistema da Google e Apple. Quando questo verrà fatto allora per i consumatori i sistemi operativi Windows potranno rappresentare una proposta interessante anche in ambito tablet.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

2 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
WarSide12 Agosto 2013, 09:03 #1
Se questa news fosse stata pubblicata 4-5 anni fa mi sarebbe venuto un colpo; è impensabile come sia cambiato il panorama mobile in neanche 5 anni...
LoreX7513 Agosto 2013, 08:43 #2

Asus Vivo RT

Ci sono un paio di considerazioni da fare.
1) Il Vivo RT non è sto gran device, a livello hardware; anche la sensazione, tenendolo in mano, non è di robustezza o di prodotto di punta.
2) Quando è uscito, non esisteva il modulo 3G, cosa inconcepibile... io ho un Vivo RT, e se lo uso poco è perché quando sono fuori è praticamente inutile, senza connettività, e il tethering (accendi, spegni, accendi, spegni) è scomodo; prima con iPad pigiavo il bottone ed avevo tutto attivo, adesso qui mi viene male e a questo punto piglio il Lumia e cerco li quel che mi serve e leggo li, pur se su un piccolo schermo

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^