I tablet continuano ad essere molto richiesti anche nelle regioni EMEA

I tablet continuano ad essere molto richiesti anche nelle regioni EMEA

E' il mondo educational a domandare sempre più tablet per le proprie esigenze nelle regioni EMEA, per quanto siano gli acquisti dei consumatori finali quelli che caratterizzano per la maggiore questo mercato

di pubblicata il , alle 14:41 nel canale Tablet
SamsungAppleLenovoHuaweiMicrosoft
 

IDC, con la propria più recente analisi, conferma il buon momento del mercato dei tablet anche per la regione EMEA. In questa regione sono stati venduti circa 14,6 milioni di tablet nel corso degli ultimi 4 mesi del 2020, un dato in crescita dell'11,7% rispetto al corrispondente periodo dello scorso anno.

La domanda è stata sostenuta nel complesso da parte dei consumatori, con una crescita del 14,2% a testimoniare la domanda di nuovi dispositivi per intrattenimento domestico e per le necessità legate all'educazione e al lavoro da remoto. Forte peso sulle vendite è stato generato anche dal mondo delle scuole, che a seguito della pandemia globale si è dotato di nuovi dispositivi nel corso di un po' tutto il 2020. La dinamica è proseguita anche nel corso degli ultimi 4 mesi dell'anno, con un totale di 1,1 milioni di tablet venduti al mondo dell'educazione.

iPadPro18_720.jpg

Samsung si conferma primo produttore di tablet in questa regione con una quota di mercato del 28,1%: si tratta di un dato in crescita nel Q4 2020 per l'azienda coreana, capace di un +26,4% rispetto al corrispondente periodo dello scorso anno. Al secondo posto troviamo Apple con il 24,6% del totale: circa 1 tablet su 4 venduto nelle nazioni EMEA è quindi un modello iPad.

Lenovo conquista la terza posizione, con una forte crescita rispetto all'anno precedente: quota di mercato del 18,3% e incremento di oltre il 150% rispetto a 12 mesi prima. Huawei chiude al quarto posto un anno difficile, con una quota di mercato del 7,7% e una contrazione del 20,3% rispetto al quarto trimestre 2019. Al quinto posto troviamo infine Microsoft, che con i prodotti della famiglia Surface ha raccolto una quota di mercato del 3,2% con una crescita di poco inferiore al 22% in un anno.

Tutti gli altri produttori, sommati assieme, rappresentano circa il 18% del totale delle vendite registrate nel corso del quarto trimestre 2020: per loro il calo, rispetto allo scorso anno, è stato netto con un segno negativo per il 32,5%.

0 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^