Yamaha e chiusura settore IT

Yamaha e chiusura settore IT

Alcuni aggiornamenti riguardo alla chiusura del canale IT di Yamaha

di pubblicata il , alle 16:54 nel canale Storage
 
In seguito a contatti con Yamaha possiamo purtroppo confermare i rumors segnalati recentemente. Con la chiusura dell'anno fiscale, 31 marzo, Yamaha abbandonerà il settore IT per concentrarsi sui settori Audio/Video e strumenti musicali, mercati in cui la concorrenza non è spietata come appunto nell'IT.

Confermato dunque anche il motivo, che risiede nella concorrenza molto agguerrita e nell'impossibilità da parte di Yamaha di scendere sotto certi prezzi, soprattutto in ragione del fatto che i prodotti offerti sono di fascia decisamente più alta e con features raffinate.

Yamaha conferma comunque di mantenere le promesse in termini di garanzia (2 anni on site con corriere gratuito) anche fino all'ultimo masterizzatore venduto. Accantonati per sempre anche i progetti riguardanti i masterizzatori DVD e BlueRay.

La notizia non può che rattristarci: a causa di pure ragioni economiche uscirà dal mercato un produttore di ottimi dispositivi. Errata corrige della news pubblicata di recente: la produzione dei masterizzatori avviene in Cina e Malesia. Lo stabilimento in via di chiusura riguarda il magazzino di stoccaggio.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

32 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
(IH)Patriota30 Gennaio 2003, 16:58 #1
Molto dispiaciuto .
Filippo7530 Gennaio 2003, 17:01 #2
Non capisco perchè non facessero anche modelli di fascia media, in modo da vendere di più. Coi soli masterizzatori di fascia altissima, è ovvio che non potessero avere rendite elevate.
Comunque è un peccato
helix30 Gennaio 2003, 17:02 #3

brutto momento

se abbandon anche il progetto DVD significa che non vuole entrare nella bagarre dello standard . dovremo aspettare ancora parecchio quindi
atomo3730 Gennaio 2003, 17:13 #4
brutta crisi questa, iniziano ad uscire anche i grandi
prova30 Gennaio 2003, 17:30 #5

*

Il mio pensiero va anche a coloro che finiranno in mezzo alla strada per via di questa decisione.

Comunque era già un po' di tempo che mi chiedevo come potesse tirare avanti Yamaha: cercava un vantaggio competitivo nei confronti delle altre imprese differenziando in termini di qualità.
Peccato che questa qualità non venisse percepita dagli utenti: features raffinate che lasciavano in molti indifferenti.

Penso che questa sia la prova finale che, per sopravvivere in questo settore, bisogna puntare solo e soltanto all'efficienza dei costi.

Veramente un gran peccato.
Dadus_7230 Gennaio 2003, 17:37 #6

Tristezza

E' proprio un peccato perchè gli Yamaha sono ottimi, non mi brucia mai un CD....

Stavo aspettando i loro masterizzatori DVD, dovrò rivedere la scelta....
Quincy_it30 Gennaio 2003, 17:42 #7
Per la serie: diamoci la zappa sui piedi e poi lamentiamoci.
D'accordo che Yamaha si è sempre voluta distinguere per i suoi prodotti, d'accordo che i suoi masterizzatori includevano features particolari volte più ad un'utenza specifica piuttosto che alla "massa", ma fare prodotti più economici no? Avrei capito se, non possedendo mezzi e tecnologie, non riusciva a stare dietro ai migliori propopendo prodotti di fascia bassa e economici, ma è sempre stata uno dei leader del mercato!

Cmq dispiace, meno compagnie = meno concorrenza = meno prodotti tra cui scegliere.
sonnet30 Gennaio 2003, 18:44 #8

x prova

anke a me dispiace ke yamaha nn ci sia +..- produttori - concorrenza..ma nn conocrdo su ciò ke hai detto a proposito degli utenti ke nn apprezzano le features dei prodotti yamaha..il punto è ke molti ed è ora comincino a capire ke x farsi 1 pc nn tutti(io direi la maggior parte)possono o sn disposti a spendere 1 capitale..anke xkè in molti casi certe features nemmeno servirebbero o cmq la diffferenza di qualità minima in molti casi nn giustifica la differenza di prezzo..
luckye30 Gennaio 2003, 18:45 #9
Yamaha ha puntato tutto su disc t@2 e clean audio recording... due tecnologie veramente ottime.
Peccato che con prezzi ridicoli compri ottimi masterizzatori.
Ho comprato un traxdata 20x10x40 lo scorso anno per circa £180.000 uno dei migliori affari della mia vita !
marziodivx30 Gennaio 2003, 18:58 #10
sigh... questo è brutto. cmq mi terro' kon grandissima cura il loro ultimo master. il CRW F1
l'ho acquistato subito appena uscito (nel mese di luglio) e l'avevo pagato 179 euro. il primo master a 24x coi rescrivibili..

pero' è stranissimo dire ke ha i prezzi alti...adesso il CRW F1 costa 120 euro e x un prodotto simile è + ke giusto. voi kosa ne pensate??? non è una ladrata

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^