Western Digital acquisisce Komag

Western Digital acquisisce Komag

Komag, azienda produttrice di componentistica per i dischi rigidi, verrà acquisita da Western Digital

di Alessandro Bordin pubblicata il , alle 11:56 nel canale Storage
Western Digital
 

Western Digital decide di portarsi in casa direttamente Komag, azienda produttrice di thin film media, acquisendola per circa 1 miliardo di Dollari USA. Western Digital pagherà 32,25 dollari per ogni azione di Komag, rimescolando le carte in un settore, quello dei dischi rigidi di tipo Winchester, al centro di diversi dibattiti.

I sempre più appetibili Solid State Disk sembrano infatti minacciare l'esistenza a lungo termine dei normali dischi rigidi, stando al alcuni analisti di settore; altri, la maggior parte, sono comunque convinti che i dischi tradizionali potranno fare della capienza il proprio punto di forza, garantendosi così un futuro certo e stabile.

Quello che è certo è che i produttori di dischi rigidi sono ormai alle prese con margini di guadagno sempre più ridotti, motivo per il quale la mossa di Western Digital non appare fuori luogo, in quanto rivolta a contenere i costi di produzione portandosi in casa quello che era un fornitore esterno.

Da tempo Hitachi e Seagate, altre aziende di spicco nel settore dei dischi rigidi, hanno optato per la realizzazione di dipartimenti interni alle aziende stesse per la produzione di thin-film media, cosa che di fatto ha costituito un problema per Komag, che ne era un fornitore. Da qui la perdita di valore e di giro di affari per Komag, ed il conseguente prezzo di acquisto divenuto alla portata di Western Digital. Maggiori informazioni disponibili su Forbes.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

9 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Portocala02 Luglio 2007, 12:11 #1
lol, chi sa quanto valeva prima
Zerk02 Luglio 2007, 12:14 #2
Scusate ma non capisco, i thin film non sono parte dei pannelli LCD ed OLED? Quindi thin film media pensavo fosse una cosa simile. Cos'è come viene usata nella produzione di un HD? Grazie.
Drakogian02 Luglio 2007, 12:44 #3
Originariamente inviato da: Zerk
Scusate ma non capisco, i thin film non sono parte dei pannelli LCD ed OLED? Quindi thin film media pensavo fosse una cosa simile. Cos'è come viene usata nella produzione di un HD? Grazie.


Il "thin film media" è un substrato di materiale magnetico che ricopre il piatto dell'hard disk. I vecchi hard disk usavano un "oxide media" che era più spesso del "thin film media" Per saperne di più puoi leggere qui:
http://www.storagereview.com/guide2...mediaMedia.html
Lud von Pipper02 Luglio 2007, 14:33 #4

OT.

Ieri per uno sbalzo elettrico mi si era fottuto l'HD: sono stato nel panico per circa tre ore fino a che un Chdsk/r lo ha riportato in sentimenti.

Quello però che mi ha impanicato maggiormente era l'ipotesi di dovere reinstallare ogni singola cosa su un HD di "soli" 200GB, l'idea di dovere reinstallare tutti quei piccoli tweak, tutti quei software scaricati in rete, tutte le migliaia di password, link, IP che ho accumulato da oltre un anno e mezzo.
Oggi l'unica scelta possibile sembra quella di utilizzare un HD di backup, che però, se non aggiornato in contunuazione sarebbe quasi inutile.
La cosa e demenziale dal momento che:
1) mi servirebbe un nuov Hd per ogni Backup.
2) non ha senso mettere in soffitta un intero HD SOLO pertenere un Backup di dati: praticamente come usare un masterizzatore per masterizzare un solo CD.
3) le unità a nastro hanno standard che nascono e muoiono ogni anno e , soprattutto, costano uno sproposito se non accquistate in quantità industrali.

Mi chiedo perchè queste società produttrici di HD non si decidano a scalzare le Major nella scelta dei formati digitali per rimovibili rendendo disponibili a prezzi ragionevoli supporti in grado di effettuare un backup.

Non possono pensare che si spendano quasi cinque euro per soli 9gb, cioè quasi 109 euro per fare un backup da 100GB.
A che servono Blue Ray da 25GB se gli attuali HD hanno superato il Terabyte?!?

Alla Sony se ne fregano, (e anche le altre società che sperano nel suporto delle major cinematografiche): un DVD DL costa ancora un botto per non rendere conveniente la pirateria di film dei quali potrebbe anche non fregarmene nulla...
Le unità a nastro sono prive di standard e prorpietarie per ogni ditta produttrice.
I DVD SL sono alla stregua dei vecchi Floppy per fare Backup.
I Blue Ray sono ancora di la da venire.

Quando si deciderà i produttori del mercato informatico a creare supporti adatti all'uso informatico invece che all'entertainment puro?
Quanti soldi farebbero dalle vendite di questi supporti e di questi masterizzatori?
Se non ci pensano Seagate e WD chi lo farà: Iomega che vuole solo fare quattrini a palate e produce un nuovo standard ogni dieci giorni?
dieci anni fa, per riempire un DVD, ho dovuto comprare uno ZIP, dove archiviare i file in attesa di raggiungere la quota ciritca, oggi per riempire un BR mi bastano tre o quattro giorni.

DATECI UN FORMATO DI ARCHIVIAZIONE CHE ABBIA SENSO!

PS: domani vado a comprarmi un HD esterno
uvz02 Luglio 2007, 15:28 #5
la maggioranza della gente non sa cosa sia un backup
per il "vero backup" le soluzioni attuali bastano
quindi perchè le aziende informatiche dovrebbero creare supporti adatti alla pirateria, cosa che fa riempire un blue-ray in tre o quattro giorni?
WarDuck02 Luglio 2007, 17:42 #6
1 miliardo di dollari? Siamo sicuri che nn ci siano errori?
Carly02 Luglio 2007, 22:04 #7
Quello però che mi ha impanicato maggiormente era l'ipotesi di dovere reinstallare ogni singola cosa su un HD di "soli" 200GB, l'idea di dovere reinstallare tutti quei piccoli tweak, tutti quei software scaricati in rete, tutte le migliaia di password, link, IP che ho accumulato da oltre un anno e mezzo.
Oggi l'unica scelta possibile sembra quella di utilizzare un HD di backup, che però, se non aggiornato in contunuazione sarebbe quasi inutile.
La cosa e demenziale dal momento che:
1) mi servirebbe un nuov Hd per ogni Backup.
2) non ha senso mettere in soffitta un intero HD SOLO pertenere un Backup di dati: praticamente come usare un masterizzatore per masterizzare un solo CD.
3) le unità a nastro hanno standard che nascono e muoiono ogni anno e , soprattutto, costano uno sproposito se non accquistate in quantità industrali.


Faccio regolarmente back up dei miei dati su un dvd riscrivibile. Non vedo il problema, sinceramente. Comunque comprerò anche io un hd esterno ma non certo per pigrizia: un dvd ha capienza limitata invece i dischi esterni adesso te li tirano dietro (a meno di non desiderare capacità mstruose)
JohnPetrucci02 Luglio 2007, 22:08 #8
In ottica solid state disk questa mossa da parte di Western Digital sarà pure sensata per ridurre i costi, ma forse lo sarebbe stato di più acquistare una piccola/media azienda produttrice di memorie statiche, se possibile ovviamente...
Lud von Pipper03 Luglio 2007, 00:53 #9
Originariamente inviato da: Carly
Faccio regolarmente back up dei miei dati su un dvd riscrivibile. Non vedo il problema, sinceramente. Comunque comprerò anche io un hd esterno ma non certo per pigrizia: un dvd ha capienza limitata invece i dischi esterni adesso te li tirano dietro (a meno di non desiderare capacità mstruose)


Non mi riferisco al "Backup dei dati", che nel mio caso sarebbe un impresa comunque difficile per via della quantità di programmi che uso, ma del backup del sistema per ripristinarlo allo stato attuale in caso di danneggiamento.
Servirebbe un RAID ma a quel punto non sarebbe molto diverso dalla soluzione HD esterno, inoltr ein caso di danni al sistema (tipo un fulmine o simili) il RAID non sarebbe affatto sicuro.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^