Vector PCIe: OCZ continua a credere negli SSD su scheda dedicata

Vector PCIe: OCZ continua a credere negli SSD su scheda dedicata

OCZ anticipa al CES 2013 di Las Vegas le caratteristiche tecniche della propria futura soluzione di storage su scheda PCI Express destinata ai sistemi desktop di fascia più alta

di pubblicata il , alle 14:01 nel canale Storage
OCZ
 

Quale novità ha portato OCZ al CES 2013? L'azienda americana, impegnata nel settore delle soluzioni SSD, ha mostrato Vector PCIe, soluzione che abbina su scheda PCI Express 4x due controller Indilinx Barefoot 3 con un quantitativo di memoria onboard variabile tra 256, 512 o 1024 Gbytes a seconda della versione.

ocz_vector_pcie.jpg (98469 bytes)

Il target di un prodotto di questo tipo è quello di sistemi desktop di fascia più alta nonché di workstation, proposte nelle quali si voglia assicurare il più elevato livello di prestazioni velocistiche possibile. Tra le varie tecnologie implementate segnaliamo quella OCZ VCA, Virtualizated Controller Architecture, di seconda generazione con la quale sono gestite le funzionalità di SMART e TRIM.

ocz_vector_pcie_2.jpg (98532 bytes)

Le prestazioni dichiarate al momento sono di una velocità di lettura che raggiunge i 1.000 Mbytes al secondo, con un picco di 140.000 IOPs. Si tratta di dati allineati a quanto ci si può attendere da una soluzione con due controller in parallelo, riconducibile quindi a quello che può mettere a disposizione un setup Raid 0 con due SSD che operano in parallelo.

Una proposta di questo tipo riprende la costruzione e le caratteristiche tecniche alla base di RevoDrive 3, altro SSD su scheda PCI Express sviluppata da OCZ. Vector PCIe tuttavia, stando ai dati forniti dall'azienda, vanta prestazioni velocistiche che se nelle metriche standard sono allineate a quelle di RevoDrive 3, nel momento in cui il valore di Queue Depth viene ridotto sensibilmente si mantengono ben più elevati, in alcuni casi sino a 10 volte migliori di quanto ottenibile con RevoDrive 3.

Quando vedremo in commercio questa soluzione? Non prima della fine del primo trimestre 2013. Il prodotto è completo dal punto di vista hardware ma nell'ottica della nuova politica di OCZ fatta di una maggiore attenzione alla fase di testing interno e di compatibilità l'azienda non crede che questa importante fase verrà terminata prima della fine di Marzo. Al CeBit 2013 di Hannover, all'inizio del mese di Marzo, vedremo quindi ancora all'opera questa soluzione di storage su scheda PCI Express ma mancheranno ancora alcune settimane prima del debutto commerciale.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

5 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Snickers09 Gennaio 2013, 16:06 #1
Ottima notizia e questo non può che fare piacere in un'ottica di "assestamento di OCZ": un controller unico (Il Barefoot 3) da declinare in diverse varianti: Doppio chip su PCI-e, chip singolo su s-ata con ottime nand, ora resta da mettere in campo una versione con nand più economiche (tlc?) con lo stesso controller. Questo sicuramente impedirà i famosi e ormai noti casini dei vecchi SSD ocz: il chip è totalmente fatto in casa (quindi massima attenzione ad eventuali bug) e sarebbe l'unico utilizzato su tutta la gamma (con conseguente maggior rapidità di rilascio firmware in quanto il team si dovrebbe concentrare su un solo chip, ovviamente poi da declinare secondo i tipi di dischi, ma cmq è già un bel passo avanti)
monzaparco09 Gennaio 2013, 16:26 #2
Originariamente inviato da: Snickers
Ottima notizia e questo non può che fare piacere in un'ottica di "assestamento di OCZ": un controller unico (Il Barefoot 3) da declinare in diverse varianti: Doppio chip su PCI-e, chip singolo su s-ata con ottime nand, ora resta da mettere in campo una versione con nand più economiche (tlc?) con lo stesso controller. Questo sicuramente impedirà i famosi e ormai noti casini dei vecchi SSD ocz: il chip è totalmente fatto in casa (quindi massima attenzione ad eventuali bug) e sarebbe l'unico utilizzato su tutta la gamma (con conseguente maggior rapidità di rilascio firmware in quanto il team si dovrebbe concentrare su un solo chip, ovviamente poi da declinare secondo i tipi di dischi, ma cmq è già un bel passo avanti)


stica...
maxmax8009 Gennaio 2013, 20:27 #3
sì, ma x OCZ è un bell' azzardo..

visto la fine fatta dai revodrive caduti nel dimenticatoio,
visto la concorrenza spietata
visto le attese che ci sono già per i prossimi ssd OCZ normali

questo prodotto quantomeno DEVE essere una spanna sopra le ssd classiche,
sennò non se lo compra nessuno..
RouSou09 Gennaio 2013, 22:14 #4
Originariamente inviato da: maxmax80
sì, ma x OCZ è un bell' azzardo..

visto la fine fatta dai revodrive caduti nel dimenticatoio,
visto la concorrenza spietata
visto le attese che ci sono già per i prossimi ssd OCZ normali

questo prodotto quantomeno DEVE essere una spanna sopra le ssd classiche,
sennò non se lo compra nessuno..


Una spanna? I revodrive sono sempre stati prestazionalmente chilometri sopra gli ssd sata!
maxmax8010 Gennaio 2013, 02:23 #5
Originariamente inviato da: RouSou
Una spanna? I revodrive sono sempre stati prestazionalmente chilometri sopra gli ssd sata!


si, in sequenziale comprimibile!
peccato poi che nel prezzo erano sopra di 5 o 6 spanne..

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^